HOME Articoli

News Pubblicato il 25 dicembre 2015

Articolo di

News Bonus strumenti musicali, come funziona?

> News Pubblicato il 25 dicembre 2015

Nuovo Bonus strumenti musicali istituito con la Legge di Stabilità 2016: a quanto ammonta, come funziona, come si richiede, chi può beneficiarne.

 

Con l’approvazione definitiva della Legge di Stabilità, è divenuto definitivo anche il Bonus strumenti musicali 2016: si tratta di una nuova agevolazione, destinata a chi frequenta licei musicali e conservatori, per l’acquisto di strumenti musicali.

La proposta di Legge risale allo scorso ottobre, ed è stata presentata dall’On. Vignali, nell’ambito del Progetto Stradivari, un ambizioso programma che propone il rilancio dell’intero settore musicale, tramite un aiuto concreto alle famiglie degli studenti dei Conservatori, nonché, attraverso gli aiuti a famiglie e studenti, il risanamento del settore della costruzione artigianale di strumenti musicali.

La proposta di legge è stata firmata da 120 parlamentari ed accolta trasversalmente, ed ha trovato l’appoggio di studenti, famiglie e dei consorzi di artigiani costruttori di strumenti, nonché dello stesso CNA. È stata successivamente inglobata nella Legge di Stabilità 2016, fatto che ne ha assicurato la tempestiva attuazione: purtroppo, però, è stato diminuito l’incentivo originariamente previsto.

Bonus strumenti musicali: a quanto ammonta

Il Bonus strumenti musicali, che, secondo la proposta di legge, sarebbe dovuto essere pari a 2.000 Euro, con l’inserimento nella Legge di Stabilità ammonta a 1.000 Euro: un importo più esiguo, certamente, ma un primo aiuto concreto per il rilancio del settore musicale, nell’ottica, si spera, di miglioramenti ed agevolazioni più consistenti.

Bonus strumenti musicali: come funziona

Il Bonus non è erogato alle famiglie degli studenti sotto forma di denaro o carta acquisti, ma è riconosciuto tramite uno sconto di 1.000 Euro sul prezzo di acquisto dello strumento musicale, di qualsiasi genere esso sia.

Ai negozianti, agli artigiani ed ai produttori sarà però riconosciuto l’ammontare dello sconto sotto forma di credito d’imposta, fatto che consente allo Stato di non anticipare un Euro, e di poter attuare, quindi, la misura immediatamente.

Il credito d’imposta potrà essere poi fatto valere immediatamente dal produttore o dal rivenditore.

Ancora non sono state stabilite le modalità operative per il riconoscimento dello sconto agli studenti, ma si ritiene che, in mancanza d’indicazioni, lo studente, o chi acquista per lui, debba esibire il documento di riconoscimento ed un’attestazione relativa all’iscrizione presso un conservatorio o un liceo musicale, attestazione che il commerciante, il produttore o l’artigiano dovrà conservare ed esibire per successivi controlli. Questo, a meno che non si istituisca un sistema informatico, quale una banca dati, per l’automatico riconoscimento del credito. È probabile che, per rispondere ai dubbi sulle modalità operative, sia emanato un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate (circolare). Si attende l’emanazione di circolari, peraltro, non solo per questa misura, ma per diversi altri Bonus istituiti dalla Legge di Stabilità 2016, come il Bonus famiglia ed il Bonus cultura. Naturalmente, la redazione de La Legge per Tutti vi terrà aggiornati in tempo reale sui futuri ulteriori sviluppi in merito.

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

8 Commenti

  1. Le agevolazioni dovrebbero essere previste anche per gli studenti delle scuole medie statali ad indirizzo musicale.
    Per quali motivazioni escluderli?

  2. E’ rivolto anche a studenti di scuole qualificate, con laurea equivalente a quella del conservatorio?

  3. Come faccio a sapere se il venditore mi applica uno sconto reale o fittizio e va poi a recuperarsi comunque i mille euro? i negozianti hanno sempre praticato sconti, anche molto consistenti, sul listino soprattutto degli strumenti acustici nuovi senza mai recuperare nulla. Oggi potranno continuare a farlo diminuendo l’entità dello sconto e recuperando anche il bonus. Parliamoci chiaro questo è un aiuto per i commercianti altro che…..

  4. Confermo quanto scritto in un commento di ieri sugli sconti: affinché sia un reale beneficio per la famiglia dell’acquirente è necessario pretendere lo sconto usuale magari informandosi come acquirente qualsiasi. È da auspicare l’apertura dei benefici (magari dal prossimo anno) a tutti i corsi previsti dai Regolamenti Didattici dei Conservatori, a partire dal Biennio di secondo livello, così come ad altri corsi certificabili. In ogni caso penso, come musicista, si possa esprimere un plauso per la bella iniziativa.

  5. Non è ben chiaro se tale bonus sia riservato anche agli studenti dei licei musicali: anche tali studenti scelgono lo strumento dal 1° anno, per poi accedere al conservatorio al termine del 5°.
    Grazie a chi saprà darmi una risposta.

  6. Qualcuno può dirmi se vale anche per gli studenti del corso preaccademico del conservatorio?
    Grazie mille.

  7. mo figlio frequenta il Giuseppe Verdi livello avanzato ultimo anno eta.16 anni vorrei sapere se puo’ accedere per comprarsi un trombone contralto
    Grazie (frequenta anche il liceo musicale Giuseppe Verdi Milano)
    Cozzi Dario

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK