Assegni familiari, nuovi limiti di reddito 2016
News
2 Gen 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Assegni familiari, nuovi limiti di reddito 2016

L’Inps, con una circolare appena emanata, ha reso noti i nuovi limiti di reddito, per l’anno 2016, per i beneficiari di assegni familiari.

 

Cambiano, anche se lo scostamento non è notevole, i limiti massimi per fruire degli assegni familiari nell’anno 2016: è quanto reso noto dall’Inps, con una recente circolare [1].

 

Il beneficio degli assegni familiari, in particolare, è rivolto alle categorie alle quali non si applicano gli assegni al nucleo familiare (cosiddetti Anf),   che non devono essere confusi, in quanto consistono in agevolazioni differenti.

 

Gli assegni familiari si applicano, difatti, nei confronti dei coltivatori diretti, coloni, mezzadri, dei piccoli coltivatori diretti e dei pensionati delle gestioni speciali per i lavoratori autonomi (ai quali deve essere applicata la normativa delle quote di maggiorazione di pensione), e consistono in un aiuto, da parte dell’Inps, per il coniuge ed i figli a carico che non svolgono alcuna attività lavorativa retribuita.

 

 

Assegni familiari 2016, importo

L’importo degli assegni familiari 2016 è pari a:

 

8,18 euro al mese, che spettano ai coltivatori diretti, coloni, mezzadri per i figli ed i familiari equiparati a carico; l’importo si intende per ciascun familiare a carico;

 

10,21 euro al mese, che spettano ai pensionati delle gestioni speciali per i lavoratori autonomi e ai piccoli coltivatori diretti per il coniuge, i figli ed i familiari equiparati a carico; l’importo si intende per ciascun familiare a carico;

 

1,21 euro mensili, che spettano ai piccoli coltivatori diretti per i genitori ed i familiari a carico equiparati; l’importo si intende per ciascun familiare a carico.

 

 

Assegni familiari 2016, limiti di reddito

Le variazioni nei limiti massimi di reddito per fruire degli assegni familiari sono avvenute in virtù del tasso d’inflazione programmato, pari, per il 2015, allo 0,6%, nonché del nuovo trattamento minimo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti (Fpld), che risulta fissato, per tutto il 2016, nell’importo mensile di 501,89 euro.

 

In relazione a tale trattamento, i limiti di reddito mensili da considerare ai fini dell’accertamento della vivenza a carico, cioè della non autosufficienza economica, e quindi del riconoscimento del diritto agli assegni familiari, risultano, per il 2016:

 

706,82 euro per il coniuge, per un genitore, per ciascun figlio o familiare equiparato;

 

1.236,94 euro per due genitori ed equiparati.

 

I nuovi limiti di reddito valgono anche in caso di richiesta di assegni familiari per fratelli, sorelle e nipoti (indice unitario di mantenimento).

 

Di seguito, la tabella contenente i limiti di reddito annui oltre i quali cessa la corresponsione degli assegni (per i lavoratori), o delle quote di maggiorazione di pensione (per i pensionati). Tali parametri valgono per la generalità dei soggetti, esclusi:

 

– i soggetti nella condizione di vedovo/a, divorziato/a, separato/a legalmente, abbandonato/a, celibe o nubile;

 

– soggetti nel cui nucleo familiare siano comprese persone dichiarate totalmente inabili.

 

 

Nucleo familiare
Reddito familiare annuale oltre il

quale cessa la corresponsione

del trattamento di famiglia per il

primo figlio e per il genitore a

carico e relativi equiparati
Reddito familiare annuale oltre il

quale cessa la corresponsione di

tutti gli assegni familiari o quote

di maggiorazione di pensione

 
1 persona 9.444,55
2 persone 15.672,15 18.769,07
3 persone 20.151,44 24.129,49
4 persone 24.065,83 28.820,24
5 persone 27.983,53 33.511,03
6 persone 31.714,28 37.979,74
7 o più persone 35.444,34 42.447,71

[1] Inps Circ. n. 211/2015.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Scarica e archivia l'articolo in pdf
Per avere il pdf inserisci qui sotto la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Download PDF SCARICA PDF
 


 
Commenti
3 Gen 2016 ANGELO COCCHIARELLA

SONO UN PENSIONATO RESIDETE AIRE ITALIANO E PRENDO LA PENSIONE ITALIANA DI 15,50 euro AL MESE :HO DIRITTO ALL´ASSEGNO DI NUCLEO FAMIGLIARE PER LA MOGLIE??.E´ GIUSTO CHE LA PENSIONE TEDESCA VENGA CALCOLATO COME REDDITO FAMIGLIARE DATOSI CHE MI VIENE PAGATA DALLAGERMANIA DOVE HO LAVORATO 41 ANNI?? VENIAMO AIUTATI DA SINDACATI ;MA CI SONO STATI MOLTI CASI IMBROGLIATI O TRUFFATI DAI DIRIGENTI INFAMI: MI POTETE AIUTARE?? GRAZIEE