HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 4 gennaio 2016

Articolo di

Lo sai che? Debiti di lavoro: il fondo patrimoniale non tutela dal fisco

> Lo sai che? Pubblicato il 4 gennaio 2016

Il creditore può iscrivere ipoteca e pignorare la casa inserita nel fondo patrimoniale per debiti contratti per esigenze familiari.

Solo i debiti contratti per esigenze familiari consentono al creditore di aggredire la casa inserita nel fondo patrimoniale; tali sono sicuramente le tasse non pagate nell’esercizio della professione o dell’attività d’impresa. Risultato: l’Agenzia delle Entrate ed Equitalia possono iscrivere ipoteca e pignorare l’immobile nonostante la copertura del fondo stesso.

A chiarire questo principio è stata la Commissione Tributaria Regionale di Bolzano con una recente sentenza [1].

La CTR non fa che confermare il più recente orientamento della Cassazione, secondo cui, tra le obbligazioni a cui non può essere opposto il fondo patrimoniale, vi sono anche quelle derivanti dalla gestione dell’attività lavorativa (sia essa strutturata in forma professionale che imprenditoriale): e ciò sulla scorta della presunzione che il lavoro sia un’esigenza familiare primaria, avendo lo scopo di procurare il reddito per il sostentamento del nucleo.

Solo i debiti contratti per soddisfare esigenze voluttuarie o altri intenti puramente speculativi trovano l’ostacolo del fondo e non possono aggredire gli immobili ivi inseriti.

Come noto, infatti, il codice civile [2] stabilisce che l’esecuzione forzata sui beni del fondo e sui frutti di essi non può avvenire per debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia. In parole povere, tutte le volte in cui un soggetto si indebita per effettuare spese necessarie al sostentamento dei suoi più stretti familiari allora il creditore può pignorare il fondo patrimoniale; invece, quando il debito ha natura diversa (si pensi all’auto di lusso, al motoscafo, a un contratto di natura speculativa) il fondo patrimoniale non può più essere attaccato.

Quanto ai debiti tributari, così come la Cassazione, anche il ministero delle Finanze, nel lontano 1983 [3] ha ritenuto che essi legittimino il pignoramento dei beni inseriti del fondo patrimoniale, essendo, per definizione, sorti per scopi inerenti ai bisogni della famiglia.

La vicenda

Nel caso di specie un contribuente aveva ricevuto un avviso di iscrizione di ipoteca notificato da Equitalia per due immobili che lo stesso aveva inserito in un fondo patrimoniale in data successiva alla notifica dell’intimazione di pagamento.

Nel respingere l’appello, i giudici altoatesini hanno comunque precisato che il credito tributario vantato dal fisco a seguito del mancato pagamento, tra l’altro, di imposte di registro, ipotecarie e catastali per l’acquisto di immobili e riconducibili a un componente della famiglia può essere soddisfatto attraverso l’iscrizione di ipoteca sui beni immobili del fondo patrimoniale. In assenza di prove contrarie da parte del contribuente, infatti, si presume che i debiti tributari non siano stati contratti per soddisfare esigenze di natura voluttuaria o per conseguire interessi meramente speculativi.

L’ipoteca e il pignoramento

Ciò detto, il fisco – o meglio, Equitalia – può iscrivere ipoteca solo se il debito per cui si procede è superiore a 20mila euro; tuttavia non può procedere al successivo pignoramento se il debito non supera 120mila euro. Resta fermo il divieto di pignoramento della prima casa di residenza adibita ad abitazione del contribuente, il quale non possegga altri immobili.

note

[1] CTR Bolzano sent. n. 110/1/2015.

[2] Art. 170 cod. civ.

[3] Min. Finanze nota n. 15/10423 del 17.12.1983.

Autore immagine: 123rf com

In tema di riscossione coattiva delle imposte, l’iscrizione ipotecaria di cui all’articolo 77 del Dpr n. 602 del 1973 è ammissibile anche sui beni facenti parte di un fondo patrimoniale alle condizioni indicate dall’articolo 170 del Cc , sicché è legittima solo se l’obbligazione tributaria sia strumentale ai bisogni della famiglia o se il titolare del credito non ne conosceva l’estraneità ai bisogni della famiglia, circostanze che non possono ritenersi dimostrate, né escluse, per il solo fatto dell’insorgenza del debito nell’esercizio dell’impresa.

•Corte cassazione, sezione VI – 5, ordinanza 23 novembre 2015 n. 23876

Le controversie aventi a oggetto il provvedimento di iscrizione di ipoteca su immobili, cui l’Amministrazione finanziaria può ricorrere in sede di riscossione delle imposte sul reddito, ai sensi dell’articolo 77 del Dpr 29 settembre 1973 n. 602, appartengono alla giurisdizione del giudice tributario in ragione della natura tributaria dei crediti garantiti dall’ipoteca, senza che possa avere rilievo la destinazione dei beni a fondo patrimoniale.

•Corte cassazione, sezioni Unite, sentenza 16 gennaio 2015 n. 641

L’articolo 170 del codice civile detta una regola applicabile anche all’iscrizione di ipoteca non volontaria, compresa quella di cui all’articolo 77 del Dpr 3 marzo 1973 n. 602. L’esattore può iscrivere ipoteca su beni appartenenti al coniuge o al terzo, conferiti nel fondo, qualora il debito facente capo a costoro sia stato contratto per uno scopo non estraneo ai bisogni familiari, ovvero quando il titolare del credito, per il quale l’esattore procede alla riscossione, non conosceva l’estraneità ai bisogni della famiglia; viceversa, l’esattore non può iscrivere l’ipoteca nel caso in cui il creditore conoscesse tale estraneità.

•Corte cassazione, sezione III, sentenza 5 marzo 2013 n. 5385

In materia di fondo patrimoniale, ai sensi del combinato disposto degli articoli 169 e 170 del codice civile e dei principi costituzionali dettati in tema di famiglia, i beni costituiti nel fondo, non potendo essere distolti dalla loro destinazione ai bisogni familiari, non possono costituire oggetto di iscrizione di ipoteca a opera di terzi, qualunque clausola sia stata inserita nell’atto di costituzione circa le modalità di disposizione degli stessi in difformità da quanto stabilito dal citato articolo 169 del Cc ; tuttavia, nel caso in cui i coniugi (o uno di essi) abbiano assunto obbligazioni nell’interesse della famiglia e risultino inadempienti alle stesse, il creditore può procedere all’iscrizione d’ipoteca sui beni costituiti nel fondo, attesa la funzione di garanzia che essi assolvono per il creditore, in quanto correlati al soddisfacimento delle esigenze familiari.

•Corte cassazione, sezione I, sentenza 4 giugno 2010 n. 13622

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK