HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 6 gennaio 2016

Articolo di

Lo sai che? Insegnanti: ferie e permessi

> Lo sai che? Pubblicato il 6 gennaio 2016

Scuola e lavoro: lo stato giuridico dei docenti, quante ferie e permessi ha l’insegnante durante l’anno.

Il personale docente ha diritto a 32 giorni di ferie (art. 13 CCNL 2006-2009) più 4 giorni di festività soppresse (art. 14 CCNL 2006-2009) da fruirsi nel periodo di chiusura delle istituzioni scolastiche, ovvero durante il periodo di sospensione dell’attività didattica.

Ai neoassunti nella scuola spettano 30 giorni di ferie più 4 giorni di festività soppresse per i primi tre anni di servizio.

Per un periodo non superiore a sei giornate lavorative è consentita la fruizione delle ferie durante il normale svolgimento dell’attività didattica, a condizione che nell’ambito dell’istituzione scolastica vi sia la possibilità di sostituzione con altro personale in attività di servizio nella stessa sede e che non comporti, comunque, oneri aggiuntivi per l’amministrazione.

Le ferie sono sospese da malattie documentate.

I permessi retribuiti sono fruibili nel corso di ciascun anno scolastico per i seguenti motivi (art. 15 CCNL 2006-2009):

– partecipazione a concorsi ed esami (8 giorni all’anno);

– lutti per la perdita del coniuge, di parenti entro il secondo grado e di affini di primo grado (3 giorni per ciascun evento luttuoso);

– gravi motivi personali o familiari debitamente documentati o autocertificati anche al rientro dell’assenza (3 giorni all’anno);

– matrimonio (15 giorni consecutivi);

– assistenza a persona handicappata convivente secondo le previsioni dell’art. 33, comma 3, della legge 104/92 (3 giorni al mese).

Compatibilmente con le esigenze di servizio ai dipendenti possono essere concessi, per particolari esigenze personali e a domanda, brevi permessi di durata non superiore alla metà dell’orario giornaliero individuale di servizio e, comunque, per il personale docente fino a un massimo di due ore (art. 16 CCNL 2006-2009).

I permessi complessivamente concessi non possono eccedere per il personale docente il rispettivo orario settimanale di insegnamento.

Entro i due mesi lavorativi successivi a quello della fruizione del permesso il personale docente è tenuto a recuperare le ore non lavorate con il ricorso alle supplenze o allo svolgimento di interventi didattici integrativi con precedenza nella classe ove avrebbero dovuto prestare servizio.

In caso di mancato recupero l’Amministrazione provvede a trattenere una somma pari alla retribuzione spettante al dipendente per il numero di ore non recuperate.

Compendio-di-Didattica

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.