PCT: orari di deposito telematico e proroga per sabato e domenica
Lo sai che?
9 Gen 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

PCT: orari di deposito telematico e proroga per sabato e domenica

Atti processuali depositati per il tramite del processo civile telematico dopo le 14 ed entro le 24; il caso della proroga dei termini processuali scadenti di sabato o domenica.

 

È stata rimossa l’incertezza interpretativa creatasi in merito al giorno in cui doveva ritenersi perfezionato l’invio telematico alla cancelleria di un atto o documento, nell’ipotesi di generazione della ricevuta di avvenuta consegna oltre le ore 14. A seguito di una recente modifica legislativa [1], è definitivamente chiarito che “il deposito è tempestivamente eseguito quando la ricevuta di avvenuta consegna è generata entro la fine del giorno di scadenza”.

Dunque, perché il deposito sia tempestivo occorre che, entro la mezzanotte del giorno in cui scade il termine, sia giunta, al depositante, la mail certificata con la ricevuta di avvenuta consegna.

 

 

Atti scadenti di sabato e domenica

Si applica anche all’ipotesi di deposito telematico la proroga di diritto del giorno di scadenza di un termine, laddove tale termine scada in un giorno festivo, ovvero, in caso di atti processuali da compiersi fuori udienza, di sabato.

 

 

Allegati troppo pesanti

Qualora il messaggio di PEC inviato dalla parte al fine di operare il deposito superi la dimensione massima stabilita dalle specifiche tecniche del responsabile per i sistemi informativi automatizzati del Ministero della giustizia, il deposito degli atti o dei documenti può essere tempestivamente eseguito mediante l’invio di più messaggi di posta elettronica certificata, compiuti entro la fine del giorno di scadenza [2].

 

Ne consegue che le cancellerie potranno trovarsi nella condizione di dover accettare più buste, relative a quello che, sotto il profilo giuridico, costituisce un unico deposito di atti o documenti.


[1] Art. 51, comma 2, d.l. n. 90/2014 modificativo dell’art. 16-bis, comma 7, d.l. n. 179/2012.

[2] Art. 16-bis, comma 7, d.l. n. 179/2012, come modificato dall’art. 51, comma 2, d.l. n. 90/2014.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti