HOME Articoli

News Pubblicato il 11 gennaio 2016

Articolo di

News Pensione anticipata, uscita a 63 anni e 7 mesi anche per i misti

> News Pubblicato il 11 gennaio 2016

Nuova proposta Boeri, pensione anticipata dai 63 anni e 7 mesi senza ricalcolo contributivo, con penalizzazione massima del 9,4%.

Sta per approdare in Parlamento una nuova proposta, relativa alla pensione anticipata, firmata da Tito Boeri, il Presidente dell’Inps: si tratta dell’estensione a tutti i lavoratori della possibilità di anticipare il collocamento a riposo a 63 anni e 7 mesi di età; sinora, tale facoltà è riservata ai soli lavoratori il cui calcolo della pensione avviene interamente col sistema contributivo.

Nuova pensione anticipata a 63 anni: come funziona

Nel dettaglio, l’anticipo della pensione potrà avvenire a partire dai 63 anni e 7 mesi di età, e comporterà non il ricalcolo contributivo della pensione, ma una penalizzazione tanto più bassa, quanto più l’età si avvicina a quella prevista per l’ordinaria pensione di vecchiaia.

La penalizzazione massima, applicata a chi si pensiona a 63 anni e 7 mesi, sarà pari al 9,4%, mentre la penalizzazione minima pari allo 0,3% per chi si pensiona a 66 anni e 6 mesi.

Vediamo i dettagli delle decurtazioni applicabili nella seguente tabella:

Mesi
63 anni
64 anni
65 anni
66 anni
0
8,2% 5,2% 2%
1
7,9% 5% 1,7%
2
7,7% 4,7% 1,4%
3
7,4% 4,4% 1,2%
4
7,2% 4,1% 0,9%
5
7% 3,9% 0,6%
6
6,7% 3,6% 0,3%
7
9,4% 6,5% 3,3% 0
8
9,1% 6,2% 3,1% 0
9
8,9% 6% 2,8% 0
10
8,6% 5,7% 2,5% 0
11
8,4% 5,5% 2,3% 0

Non basterà, comunque, il solo requisito di età per pensionarsi, ma bisognerà possedere almeno 20 anni di contributi ed un assegno tra i 1.200 ed i 1.500 euro circa, a seconda della fascia in cui si colloca il pensionato.

I 20 anni di contributi sono da intendersi quali contribuzione effettiva, con esclusione, dunque, dei contributi figurativi.

Non è stato specificato, invece, se i 20 anni di contribuzione potranno essere ridotti a 15 per i beneficiari della Deroga Amato (autorizzati al versamento di contributi volontari prima del 31 dicembre 1992, o in possesso di 15 anni di contributi alla predetta data, oppure lavoratori in possesso di 15 anni di contribuzione effettiva da lavoro dipendente, 25 anni di anzianità contributiva, e 10 anni lavorati in odo non continuativo).

 

Pensione anticipata e raggiungimento dell’importo soglia

Qualora l’assegno di pensione non raggiunga l’importo minimo, il datore di lavoro può incrementare la contribuzione del lavoratore, perché arrivi al limite previsto: a seconda delle ipotesi, potrebbe difatti risultare più vantaggioso, sia per l’azienda che per il dipendente, il versamento di contribuzione aggiuntiva, piuttosto che un prepensionamento o altri emolumenti, periodici o non, d’incentivo all’esodo. Per il dipendente, il vantaggio consisterebbe senz’altro nell’accesso immediato alla pensione, e nella libertà di poter cumulare tale reddito con eventuale reddito da lavoro o d’impresa, cumulo non possibile per quasi tutte le tipologie di prepensionamento e di “scivoli” vari di accompagnamento alla quiescenza.

Pensione anticipata e lavoratori precoci

Ai lavoratori il cui primo contributo sia stato versato antecedentemente al compimento del diciottesimo anno d’età, i cosiddetti lavoratori precoci, sarebbero riconosciuti dei benefici nel pensionamento anticipato:

– la possibilità di pensionarsi, a partire dai 63 anni e 7 mesi di età (con almeno 20 anni di contributi) senza l’applicazione delle esposte penalizzazioni;

– la possibilità di fruire della pensione anticipata (il requisito, dal 2016 al 31 dicembre 2018, è pari a 42 anni e 10 mesi per gli uomini, e pari a 41 anni e 10 mesi per le donne) senza alcuna penalizzazione, anche per chi si colloca a riposo prima dei 62 anni di età.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

liliana maccagno

31 gennaio 2016 alle 23:01

io non capisco più niente e quindi vi chiedo: ho 33 anni di contributi versati 25 come impiegata e il resto come commerciante, il patronato ha sbagliato e invece di farmi versare i due anni mi ha consigliato di non fare niente per via delle riforme. Sono dell’anno settembre 1954 a questo punto come faccio ad andare in pensione? quando??? aspetto una vostra su email citata sotto grazie

salvatore ferrera

15 febbraio 2016 alle 14:00

Ho iniziato a lavorare come apprendista nel 1974 e ho avuto anni di contributi non tutti pieni , oggi mi ritrovo co molti anni di contributi vari visto che ho lavorato sia in edilizia , meccanica, bracciante agricolo e gli ultimi 13 anni in una casa di riposo. Volevo sapere se posso chiedere la pensione.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK