È possibile rinunziare all’eredità?
Lo sai che?
14 Gen 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

È possibile rinunziare all’eredità?

Vorrei sapere se è possibile ed entro che termini, per un figlio, rinunciare all’eredità del genitore.

 

Il chiamato all’eredità ha facoltà di rinunciare all’acquisto della medesima. La rinunzia va fatta per iscritto e in forma solenne, dinanzi ad un notaio o al cancelliere del tribunale del circondario in cui si è aperta la successione.

La rinunzia, che ha effetto retroattivo (il rinunziante si considera come mai stato chiamato all’eredità), non può essere parziale e non ammette né l’apposizione di un termine né condizione.

 

Ci sono 10 anni di tempo per rinunciare all’eredità

 

La rinunzia è revocabile purché non sia decorso il termine di prescrizione del diritto di accettazione (ossia 10 anni) e non vi sia stata accettazione da parte di altri chiamati. In caso di revoca, il rinunziante verrà ritenuto quale erede puro e semplice, non essendo più possibile avvalersi del beneficio d’inventario, e resteranno impregiudicati i diritti acquistati legittimamente dai terzi sui beni ereditari. La rinunzia tuttavia non è possibile, e l’eredità si intende accettata puramente e semplicemente, quando il chiamato:

 

a) abbia sottratto o nascosto beni ereditari;

 

b) sia nel possesso dei beni ereditari, trascorsi tre mesi dall’apertura della successione, senza aver fatto l’inventario;

 

c) pur avendo fatto inventario nei termini prescritti, non abbia dichiarato nei successivi 40 giorni l’intenzione di accettare o rinunciare all’eredità.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti