Concorso scuola 2016, scritto con 8 domande, ultimi aggiornamenti
Bandi-Concorsi
15 Gen 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Concorso scuola 2016, scritto con 8 domande, ultimi aggiornamenti

Concorso scuola 2016, ultime notizie: prova scritta il 1° marzo 2016 con 8 domande, niente preselezione, bando in uscita il 1° febbraio.

 

Si attende per il 1° febbraio la pubblicazione del bando relativo al maxi-concorso docenti, tramite il quale saranno assunti ben 63.712 insegnanti.

I lavori della Commissione sono risultati più lunghi del previsto, anche a causa della riforma delle classi di concorso, ridotte a 114 dalle originarie 168. Tra le novità appena rese note, l’eliminazione della prova preselettiva, la previsione di una prova scritta, con 8 domande, che si terrà il 1° marzo, e di una prova orale, della durata di 35 minuti il 1° giugno.

Vediamo ora una scheda completa del concorso con tutti gli aggiornamenti.

 

 

Concorso docenti 2016: posti e suddivisione

Il totale dei docenti da assumere tramite i tre bandi di concorso (scuola dell’infanzia e primaria, scuola secondaria di primo e secondo grado, sostegno) è stato così suddiviso:

 

– 52.828 docenti comuni;

– 5.766 insegnanti di sostegno;

– 5.118 posti di potenziamento.

I posti disponibili nei 3 bandi sono divisi, tra gradi d’istruzione, in questo modo:

scuola dell’infanzia: circa 6.800 posti;

scuola primaria: circa 15.900 posti;

scuola secondaria di I grado: circa 13.800 posti;

scuola secondaria di secondo grado: circa 16.300 posti;

– sono poi previsti 10.884 posti suddivisi tra gli insegnanti di sostegno ed i posti di potenziamento.

 

Non si conosce ancora, invece, la suddivisione dei posti tra le nuove 114 classi di concorso, ma è già noto che la maggioranza delle posizioni disponibili riguardi le seguenti materie: matematica, lingue (specialmente l’inglese) ed italiano.

 

 

Concorso insegnanti 2016: chi può fare domanda

Secondo le disposizioni della nota Legge sulla Buona Scuola [1], possono fare domanda di concorso i soli abilitati all’insegnamento, cioè chi ha conseguito l’abilitazione grazie ai tirocini formativi attivi (TFA), ai percorsi abilitanti speciali (PAS) o alle vecchie scuole di specializzazione (Ssis). Sono però ammessi anche gli aspiranti docenti che hanno conseguito il diploma magistrale entro l’anno scolastico 2000/2001. Oltre al diploma magistrale, ricordiamo che i titoli abilitativi necessari per insegnare nella scuola dell’infanzia e nella primaria sono:

 

– Laurea in Scienze delle formazione primaria (con indirizzo specifico per l’ordine richiesto): il titolo è di per sé abilitante, senza necessità della frequenza di corsi ulteriori;

 

concorsi per titoli ed esami indetti antecedentemente al DDG 82/2012;

 

sessioni riservate di abilitazione.

 

Il titolo triennale di scuola magistrale permette, invece, soltanto l’accesso alle graduatorie della scuola dell’Infanzia, come è stato chiarito da una nota dell’Ufficio Scolastico Regionale del Veneto [2].

 

Per accedere ai posti di sostegno, è invece necessario che i candidati siano in possesso del titolo di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità.

 

 

Concorso insegnanti 2016: valutazione titoli

Secondo le ultime informazioni pervenute, influiranno sul punteggio:

– la frequenza di tirocini abilitanti;

– i dottorati di ricerca;

– l’esperienza maturata in classe (in ragione di 0,5 punti per ogni anno di servizio);

– le certificazioni internazionali sulla conoscenza delle lingue straniere.

 

 

Concorso insegnanti 2016: prove d’esame

È stata appena resa nota l’eliminazione della verifica preselettiva, che sarebbe dovuta essere espletata soltanto dai candidati per la sola scuola dell’infanzia e primaria.

 

La prova scritta, secondo gli ultimi aggiornamenti, si terrà il prossimo 1° marzo, dunque a solo un mese di distanza dall’indizione del bando.

La prova avrà una durata complessiva di 150 minuti, ed avrà un totale di 8 domande, di cui 2 in lingua straniera.

 

La prova orale consisterà in una lezione simulata della durata complessiva di 35 minuti, alla quale seguirà un colloquio di 10 minuti con la commissione per spiegare le scelte effettuate e le proprie metodologie didattiche. Quest’ultima prova si terrà il prossimo 1° giugno.

 

Probabilmente, per determinate materie come arte e musica si terrà una prova pratica.

 

I programmi da studiare dovrebbero essere gli stessi, ovviamente con i dovuti aggiornamenti, a seconda delle classi di concorso, previsti per il concorsone del 2012.

 

 

Concorso insegnanti 2016: immissioni in ruolo

Le immissioni in ruolo successive alla procedura di selezione dovranno avvenire entro il primo settembre 2016.

Da quanto emerso dal Decreto di autorizzazione ministeriale del 24 dicembre 2015, non saranno effettuati, sino al 2019, ulteriori concorsi dopo questo maxi bando da 63.712 posti. Saranno però assunti altri 30.000 docenti dalle graduatorie a esaurimento.


[1] L.107/2015.

[2] Nota USR Veneto 06/08/2014.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti