Biciclette: vietato andare contromano
Lo sai che?
17 Gen 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Biciclette: vietato andare contromano

Codice della strada per le biciclette: multa a chi non rispetta il senso unico di marcia o viaggia dal lato opposto della strada.

 

Chi circola in bicicletta deve rispettare il codice della strada e, pertanto, tra i vari obblighi, vi è anche il divieto di non circolare contromano e rispettare i sensi unici di marcia. È legittima, dunque, la multa allo sportivo dei pedali che cammina dal lato opposto della strada, a prescindere dal fatto se la sua condotta possa essere considerata pericolosa o meno. Lo ha chiarito il Ministero dei Trasporti con un recente parere [1].

 

Il fatto che i vigili siano stati, sino ad oggi, particolarmente magnanimi, contestando poche volte tale violazione amministrativa, non implica che il comportamento di chi viaggia contromano sia comunque vietato dalla legge e, quindi, passibile di multa in qualsiasi momento. Anzi, è proprio questo il senso del parere: richiamare le forze dell’ordine a far rispettare il codice della strada anche ai ciclisti, benché il loro ossequio nei confronti della natura e per uno stile di vita sportivo sia encomiabile.

 

Dunque, le biciclette non possono ancora circolare contromano. Neppure se il Comune ha installato un pannello integrativo derogando specificamente al senso unico di marcia. Il riferimento è a quelle amministrazioni che hanno creato piste ciclabili sulla stessa carreggiata stradale con doppio senso di circolazione, dove quindi i ciclisti viaggiano in senso di marcia contrario a quello consentito alle automobili. In questi casi, si viene a creare un conflitto tra conducenti antagonisti e tra segnali stradali, con conseguente pericolo per la circolazione. Da una parte infatti – specifica il ministero – con l’apposizione del segnale di senso unico si comunica alla generalità degli utenti che tutta la strada è a disposizione per i veicoli orientati correttamente. Dall’altra si confida nella larghezza della corsia di marcia e nel fatto che i veicoli mantengano il margine destro della strada.

 

L’unico modo – secondo il ministero – per consentire alle biciclette di circolare in esclusiva in senso contrario a quello di marcia consiste nell’istituire una direzione obbligatoria per i veicoli a motore, quindi una strada con senso unico. In pratica in questo modo l’utente stradale non ha a disposizione tutta la corsia di marcia ma deve tenere il lato destro. E le biciclette possono teoricamente circolare in deroga in senso contrario senza rischiare incidenti per via delle auto che viaggiano nel senso opposto, più vicine cioè alla pista ciclabile.

 

Ricordiamo che l’obbligo di rispetto del codice della strada impone ai ciclisti di avere libero l’uso di mani e braccia, anche al fine di segnalare eventuali svolte e tenere il controllo del manubrio, senza distrazioni (manubrio che, tuttavia, può essere retto anche solo con una mano): il che significa che vengono banditi cellulari e sms mentre si pedala.

 

Ancora è vietato ai ciclisti trainare animali, come invece molto spesso succede, o trasportare persone di dietro, salvo che la bici non sia stata appositamente costruita e attrezzata per tale uso.

 

Fuori dai centri urbani, a partire da mezz’ora dopo il tramonto e fino a mezz’ora prima l’alba, è necessario indossare i giubbino o le bretelle retroriflettenti. Lo stesso obbligo vale in galleria.


[1] Min. Trasporti, parere n. 4635/2015.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Scarica e archivia l'articolo in pdf
Per avere il pdf inserisci qui sotto la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Download PDF SCARICA PDF
 


 
Commenti