Che succede se impugni in ritardo il licenziamento
Lo sai che?
17 Gen 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Che succede se impugni in ritardo il licenziamento

 

Impugnazione tardiva del licenziamento: nessun risarcimento per il lavoratore.

 

Se il lavoratore impugna il licenziamento oltre i termini previsti dalla legge non può più rivolgersi al giudice per chiedere l’accertamento dell’illegittimità del provvedimento del datore di lavoro e il conseguente risarcimento del danno. È quanto ricordato dalla Cassazione con una recente sentenza [1]. Scaduti detti termini, infatti, si verifica la cosiddetta decadenza dal diritto di contestare il recesso dell’azienda dal contratto di lavoro (sia che si parli di licenziamento individuale che collettivo).

 

 

I termini per impugnare il licenziamento

Il lavoratore che voglia impugnare il licenziamento deve rispettare due diversi termini: uno per l’invio della contestazione scritta al datore di lavoro (60 giorni) e un altro per l’avvio della relativa causa in tribunale (180 giorni). Vediamo singolarmente tali due fasi.

 

 

Impugnazione stragiudiziale

Innanzitutto, il licenziamento, a pena di decadenza, deve essere impugnato entro 60 giorni decorrenti dal momento in cui il licenziamento è pervenuto all’indirizzo del lavoratore, salva la dimostrazione da parte del medesimo che egli, senza sua colpa, è stato impossibilitato ad avere conoscenza della lettera di licenziamento. A tal fine il lavoratore deve inviare – anche a mezzo del proprio avvocato, conferito di apposita procura – una lettera di contestazioni, spedita con raccomandata con avviso di ricevimento, presso la sede legale dell’azienda (quale risulta dall’atto costitutivo) o alla sede effettiva (occorre però che vi siano gli amministratori della società e vi si riunisca l’assemblea dei soci).

Tale lettera di contestazione viene anche detta impugnazione stragiudiziale (in quanto tutto si svolge fuori dall’aula di tribunale).

 

In tale comunicazione non vanno necessariamente esposti tutti i motivi per i quali si deduce l’illegittimità del licenziamento, ma è sufficiente che l’atto esprima la volontà inequivoca di impugnare il recesso.

 

L’impugnazione stragiudiziale può avvenire anche con un telegramma, in quanto quest’ultimo ha la medesima efficacia probatoria della raccomandata a.r. se l’originale consegnato all’ufficio di partenza è stato sottoscritto dal mittente, ovvero se è stato consegnato o fatto consegnare all’ufficio di partenza dal mittente stesso, anche senza sottoscriverlo. Al telegramma spedito tramite ufficio telegrafico viene equiparato quello dettato per telefono all’operatore, anche da parte di un terzo e da un’utenza telefonica non appartenente al lavoratore, purché su mandato e a nome del lavoratore. In caso di contestazione l’interessato deve fornire la prova della provenienza della dichiarazione da lui medesimo, anche con il ricorso a presunzioni. In particolare, si può fare riferimento:

– all’indicazione dell’autore della dichiarazione contenuta nel testo stesso del telegramma;

– al possesso della copia del telegramma inviata al mittente;

– alla titolarità o all’uso esclusivo dell’utenza telefonica attraverso cui è avvenuta la dettatura del telegramma, ecc.

 

La richiesta di tentativo di conciliazione inviata alla Direzione del Lavoro non può integrare l’impugnativa stragiudiziale.

 

 

L’impugnazione giudiziale

Affinché l’impugnazione stragiudiziale sia valida è necessario che la stessa sia seguita, entro il successivo termine di 180 giorni, dal deposito del ricorso presso il tribunale, sezione Lavoro o dalla comunicazione alla controparte dell’eventuale richiesta di tentativo di conciliazione o arbitrato.

Tale termine di 180 giorni decorre dalla data di spedizione dell’impugnazione del licenziamento.

 

Qualora la conciliazione o l’arbitrato richiesti siano rifiutati o non sia stato raggiunto l’accordo necessario, il ricorso al giudice deve essere depositato a pena di decadenza entro 60 giorni dal rifiuto o dal mancato accordo.

 

Se il lavoratore fa decorrere i termini

Il mancato rispetto anche di uno solo dei termini sopra esposti, comporta l’impossibilità, per il lavoratore, di impugnare il licenziamento e, quindi, di ottenere il relativo risarcimento del danno. Infatti, in caso di tardiva impugnazione del licenziamento è del tutto irrilevante – sottolinea la Corte – il fatto che il provvedimento di espulsione sia chiaramente illegittimo e adottato con discriminazione o con violazione delle norme previste dallo Statuto dei lavoratori.

 

Se l’impugnazione del licenziamento è tardiva, il risarcimento spetta solo se deriva da un fatto diverso dal licenziamento. In particolare, come già chiarito in passato dalla Suprema Corte [2], la decadenza dall’impugnativa del licenziamento (individuale o collettivo) preclude l’accertamento giudiziale dell’illegittimità del recesso e la tutela risarcitoria.

 


La sentenza

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 19 novembre 2015 – 14 gennaio 2016, n. 498
Presidente Macioce – Relatore Buffa

Svolgimento del processo

Con sentenza del 22.04.2010, la Corte di Appello di Venezia, in riforma della pronuncia del giudice di prime cure, respingeva le domande proposte dalle eredi del sig. C., dipendente della Rete Ferroviaria italiana S.p.A., aventi ad oggetto d diritto dei loro dante causa al risarcimento del danno per illegittimità del licenziamento (collocamento a riposo d’ufficio per raggiunti limiti contributivi).
In particolare, la corte territoriale, rilevando la tardività dell’impugnazione del licenziamento, ha ritenuto inammissibile la domanda risarcitoria fondata solo sulla detta illegittimità del recesso in difetto di allegazione e prova di ulteriori elementi della fattispecie dell’illecito produttivo dei danno.
Avverso tale sentenza propongono ricorso in Cassazione le eredi del lavoratore con un unico motivo. Resiste Rete Ferroviaria italiana S.p.A. con controricorso. Le parti hanno presentato memorie.

Motivi della decisione

Con il primo motivo si deduce (ai sensi dell’art. 360 n. 3 e 5 c.p.c.) violazione degli artt. 1218 e 1453 c.c.p relazione all’art. 18 St. Lav. E all’art. 5, co. 3

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 498 del 14.01.2016.

[2] Cass. sent. n. 10235/2009.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti