Concorsi: niente esclusione se il certificato è già nelle mani dell’amministrazione
Lo sai che?
18 Gen 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Concorsi: niente esclusione se il certificato è già nelle mani dell’amministrazione

Il candidato resta in concorso se il documento chiesto dal bando è già in possesso dell’ente pubblico.

 

Non si può escludere dal concorso pubblico per selezione interna il candidato che non abbia presentato un documento richiesto dal bando, ma già in possesso dell’ente: è quanto chiarito dal Tar Lazio in una recente sentenza [1].

 

La pubblica amministrazione ben può attingere dai propri archivi per ottenere la certificazione di cui ha bisogno senza obbligare il candidato a produrre l’attestazione rilasciata a suo tempo. E anche ad ammettere che sia legittimo onerare chi aspira alla nuova funzione di lavoro, non si può comunque escludere il candidato per la mancata consegna di carte che attestano fatti rispetto ai quali è la stessa amministrazione ad avere il potere di certificazione, ad esempio il servizio prestato alle sue dipendenze.

 

Secondo il giudice amministrativo, la P.A. non può far fuori dal concorso il candidato se il documento richiesto dal bando e non presentato risulta comunque già in possesso dell’ente: risulta infatti illegittima la clausola che dispone l’esclusione di chi partecipa alla selezione interna perché contraria ai principi previsti dalla normativa sulla trasparenza [2].

 

 

 

 


[1] Tar Lazio sent. n. 14660/15.

[2] Art. 18 legge 241/90.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti