Sindrome di alienazione genitoriale: no affidamento alla madre tiranna
Lo sai che?
21 Gen 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Sindrome di alienazione genitoriale: no affidamento alla madre tiranna

PAS, la contesa sui figli da parte dei genitori in contesti di separazione e divorzio conflittuale: anche la comunità scientifica ritiene che non sia una malattia o un disturbo psicologico, per i giudici è causa di perdita dell’affidamento.

 

Perde l’affidamento la madre che impedisce ai figli di vedere il padre o, peggio, cerca di metterli contro quest’ultimo, sino ad inventare vicende false al solo scopo di screditare, agli occhi dei minori, la figura del papà.

Viene chiamata, da alcuni “Sindrome di alienazione parentale o genitoriale” (più semplicemente nota con l’acronimo PAS, Parental Alienation Syndrome) ed è in corso ancora un ampio dibattito da parte della comunità scientifica sulla sua natura. Al momento, tuttavia, la tesi predominante ritiene che la PAS non sia un disturbo psicologico classificabile tra le sindromi o le malattie clinicamente accertabili. Di fatto c’è, però, che la spontaneità del minore risulta fortemente compromessa nei rapporti con una delle due figure genitoriali tutte le volte in cui l’altra – di norma la più vicina al minore stesso e, perciò, statisticamente, la madre – si frappone.

 

Per i giudici esiste il dato di fatto: il coniuge che assume un comportamento prevaricatore e prepotente, volto costantemente a comprimere il rapporto e la frequentazione tra i figli e l’altro coniuge, perde l’affidamento condiviso. Ed è di questo segno l’importante sentenza della Corte di Appello di Catanzaro che ha confermato, peraltro, quanto già dichiarato in primo grado dal Tribunale di Cosenza (in particolare era stato accertato un comportamento materno teso ad escludere dalla vita dei figli comuni il loro padre).

 

L’atteggiamento improprio e dannoso della madre, ricostruito da più fonti, è l’esercizio di una responsabilità genitoriale in palese contrasto con l’interesse dei figli e per questo meritevole dell’esclusione con l’affidamento a un solo genitore (cosiddetto affidamento esclusivo).

 

In generale, ogni figlio ha diritto di essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori, nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni. Il figlio ha diritto a crescere in una famiglia e di mantenere rapporti “significativi” con entrambi i parenti dei due lati della famiglia.

Questo significa che, in caso di separazione o divorzio dei genitori, il figlio minore ha il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno di essi, di ricevere cura, educazione e istruzione da entrambi e di conservare rapporti significativi con gli ascendenti e con i parenti di ciascun ramo genitoriale (cosiddetto diritto alla bigenitorialità).

 

In generale il giudice decide per l’affidamento esclusivo in presenza di due principali cause:

 

– quando l’affidamento condiviso risulterebbe oggettivamente pregiudizievole per il minore;

 

– quando risulta che un genitore è manifestamente incapace o non idoneo ad assumere il compito di curare ed educare il minore. Questo presupposto ricorre in caso di grave inidoneità educativa, di condotta di vita anomala e pericolosa o ancora in caso di rifiuto categorico del minore di avere rapporti con un genitore. Se, però, tale rifiuto è determinato dal comportamento dell’altro genitore – per via delle pressioni psicologiche da questi esercitate e delle interferenze continue – allora l’affidamento esclusivo è a favore del coniuge “escluso”. Si pensi al caso di rifiuto verbale espresso dai figli a incontrare il padre quando l’ostilità manifestata dai bambini è solo il risultato della condotta della madre, improntata ad una plateale insofferenza nei confronti del padre e tesa a logorare la sua figura. Lo scopo è «superare il forzato adattamento alla volontà materna che sta incidendo sulla loro spontaneità e sulla loro serenità» e così permettere «un graduale e meno traumatico possibile recupero dei rapporti tra padre e figli».

 

In generale, comunque, l’esistenza di una conflittualità tra i genitori non impone di per sé la scelta dell’affidamento esclusivo, in quanto i giudici devono sempre valutare la scelta dell’affidamento condiviso. Ma nei fatti la situazione non è così rosea. Su circa 89 mila separazioni, il 35% degli ex coniugi non rispetta gli accordi sulla gestione dei figli minori già nei primi sei mesi dal provvedimento. In tali casi, la legge [2] prevede, in caso di inadempienze da parte di un ex coniuge, la possibilità per il giudice di imporre una sanzione che scatterà ogni qualvolta la violazione dovesse reiterarsi. Non si tratta di violazioni legate al mancato pagamento dell’assegno, bensì relative alla gestione dei figli minori. Ad esempio, se l’ex marito riporta sempre a casa i figli con due ore di ritardo, il giudice può stabile una multa. Se l’ex moglie non consente di prelevare i figli nei giorni di spettanza del padre senza alcuna ragione fondata subisce anche lei la multa. L’ex marito preferisce andare in vacanza con la sua nuova compagna omettendo di portarsi dietro anche i figli? Anche in questo caso scatta la multa.


[1] C. App. Catanzaro, decr. n. 3405/2015 del 18.12.2015.

[2] Art. 614 bis cod. proc. civ.

Autore immagine 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
21 Gen 2016 Salvatore Pitruzzello

Errore o ignoranza?

“PAS … è in corso ancora un ampio dibattito da parte della comunità scientifica sulla sua natura”.

Non c’e’ in corso proprio nessun dibattito da parte della comunita’ scientifica internazionale sulla natura della PAS.

L’APA (American Psychiatric Association) — che e’ l’associazione leader internazionale che ha curato la pubblicazione di tutti i DSM (1-5) — senza ma e senza se ha rigettato in modo chiaro e preciso le richieste del gruppetto di PASISTI capitanati dal William Bernet (ex professore in pensione della Vanderbilt University) per includere la PAS nel DSM 5. L’APA prese la stessa decisione per il DSM 4, quando rigetto’ la richiesta da parte dell’infame Richard Gardner, che aveva ideato la mostruosita’ che e’ diventata la PAS. In ambedue i casi, il rifiuto da parte dell’APA e’ stato per mancanza di qualsiasi base scientifica, e specificamente per mancanza di qualsiasi coerenza logica-teorica interna e di congruenza empirica.

Una frase simile fu usata nel 1985 dalla Facolta’ del Dipartimento di Psichiatria della Columbia University, quando decise di allontanare dall’Universita come persona non grata il Richard Gardner, che aveva cominciato a sproloquiare di PAS. La Facolta’ dichiaro’ che il Gardner non aveva idea di come pensare in modo ‘scientifico’ — cioe’, non sapeva teorizzare in modo logico, non sapeva formalizzare gli argomenti teorici e concettuali, e non capiva come la metodologia di ricerca legava le teorie e l’evidenza empirica.
Il Gardner non mise piede nel Campus della Columbia da quel giorno del 1985, anche se — e qui ci possono essere responsabilita’ legali e finanziarie significative da parte della Columbia — continuo’ a firmarsi come Clinical Professor of Psychiatry at Columbia University. E’ vero che aveva quel titolo, ma quello era il titolo formale MA vuoto, che si dava a dottori che si prestavano come ‘volontari non-remunerati’ alla Medical School della Columbia. Gardner non era ne’ professore ne’ dottore alla Columbia: non ha mai fatto parte della facolta’ della Columbia; e di certo c’e’ che dal 1985 scomparve dalla Columbia. Delle pubblicazioni che accumulo’, scrivendo da casa sua, nessuna fu mai pubblicata da case editrici accademiche con ‘peer review’.

Peggio, proclamare che c’e’ un dibattito ampio nel mondo accademico non e’ solo ridicolo: e’ offensivo per chiunque vive nel mondo accademico USA — dato che parliamo di PAS, Gardner / Bernet, Columbia, ecc. La PAS non e’ insegnata in nessuna universita’ equiparata USA. L’idea poi che possa essere insegnata in un’universita’ come la Columbia (o Harvard o Yale o ….ecc.) e’ semplicemente assurda. Ed e’ incredibilmente assurda dato che la Columbia e’ stata da sempre una delle universita’ con grandi responsabilita’ nel pubblicare tutti i volumi dei DSM (1-5). Infatti, la Columbia — il Dipartimento di Psichiatria — ha curato direttamente la pubblicazione del DSM 5. E l’ultima cosa che si trova nel DSM 5 e’ qualsiasi referenza alla PAS.

Ora trovo ironico — meglio dire tragico — che i PASISTI italioti capitanati dal Bernet stiano proclamando che il DSM 5 non menziona la PAS, ma la PAS si trova dappertutto nel DSM 5. Questo e’ il grido di battaglia — fate un google della frase per capire la perversione di qualsiasi forma di razionalita’.

E, purtroppo, in Italia sembra sia sempre facile passare dalla tragedia alla tragicommedia. Se negli USA e’ gia’ tragico che qualunque menzione di PAS e’ confinata a certi tribunali (courts) in certi Stati e per certe classi sociali (scorre molto denaro), i PASISTI italioti si stanno organizzando, a volte in modo corporativista, per lanciare una serie di assedi non solo ai tribunali, ma anche alle istituzioni dello stato e alle universita’. L’assedio alle universita’ e’ grave perche’ ghettizza il sistema accademico italiano. I cultori della PAS sono dei semplici—e semplicioni—zeloti con zero capacita’ analitiche e critiche.