L’accordo di ristrutturazione dei debiti
Lo sai che?
22 Gen 2016
 
L'autore
Rossella Blaiotta
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

L’accordo di ristrutturazione dei debiti

Il procedimento di composizione della crisi, conseguente al sovraindebitamento della persona fisica, può portare ad un accordo, tra debitore e creditore, che consente di cancellare i debiti e soddisfare i crediti.

 

La nuova normativa in materia di composizione della crisi da sovraindebitamento [1], offre al debitore, tra gli strumenti per liberarsi dai propri debiti, l’accordo di ristrutturazione. Tale accordo viene predisposto con l’ausilio degli organismi di composizione della crisi, e prevede un piano di rientro mediante il quale il debitore si impegna a pagare regolarmente quanto dovuto. E’ bene precisare che il sovraindebitato ricorre a questa soluzione solo quando ottiene il consenso di almeno il 60% dei creditori.

 

La ristrutturazione dei debiti e la, conseguente, soddisfazione dei crediti, possono avvenire attraverso qualsiasi forma: viene attribuita dunque al debitore un’ampia discrezionalità. Nel momento in cui però il patrimonio del sovraindebitato risulti insufficiente a garantire la fattibilità del piano, è possibile l’intervento del terzo sia come aiuto concreto, mediante il conferimento di denaro o beni a copertura dei debiti, che come garante dell’adempimento dell’accordo da parte dell’obbligato.

Come ulteriore garanzia di adempimento possono essere adottate delle misure di limitazione nei confronti del debitore che riguardano l’utilizzo delle carte di credito, la sottoscrizione di contratti di strumenti di finanziamento e l’accesso del mercato del credito al consumo.

 

Affinchè la proposta di accordo abbia una validità tra le parti, deve essere depositata, dal debitore, presso il Tribunale del luogo in cui ha la residenza, insieme ad altra documentazione:

 

– Elenco dettagliato dei creditori con indicazione delle somme dovute, beni o atti di disposizione eseguiti negli ultimi 5 anni;

 

– Copia delle dichiarazioni dei redditi degli ultimi 3 anni;

 

– Attestazione sulla fattibilità del piano di rientro proposto;

 

– Certificato di stato di famiglia;

 

– Elenco dettagliato delle spese necessarie al sostentamento proprio e della famiglia.

 

Il giudice investito della questione, oltre a prendere visione della proposta e della documentazione allegata dal richiedente, esamina la relazione dell’organismo di composizione della crisi, riguardante la situazione del sovraindebitato, ed eventuali contestazioni mosse dai creditori.

 

Se la proposta soddisfa i requisiti di legge, il giudice fissa immediatamente l’udienza e dispone la pubblicità dell’accordo.

In sede di udienza, dunque, qualora non si ravvisino atti in frode ai creditori, viene stabilito un termine non superiore ai centoventi giorni in cui non possono essere attivate azioni esecutive né sequestri né diritti di prelazione sul patrimonio del debitore che ha presentato proposta di accordo, da parte dei creditori.

 

Pertanto, con l’accordo di ristrutturazione anche la persona letteralmente sommersa dai debiti riesce dunque ad avere un po’ di respiro per sanare la propria situazione e, nella maggioranza dei casi, tornare a vivere serenamente.


[1] Legge n. 3/2012 modificata dal D.l. n. 179/2012.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti