Telefono: cambio operatore e addebiti non dovuti
Lo sai che?
23 Gen 2016
 
L'autore
Angelo Forte
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Telefono: cambio operatore e addebiti non dovuti

Costi aggiuntivi a causa della disattivazione del contratto di telefonia mobile con passaggio a diverso operatore.

 

Non è infrequente il caso in cui l’utente si veda addebitati, dal proprio operatore di telefonia mobile, costi aggiuntivi nell’ipotesi di disattivazione del contratto per passare ad altro operatore.

 

Tali oneri, la cui quantificazione, all’atto della stipula del contratto, non sono praticamente mai indicati, sono addebitati attraverso una sottrazione del credito disponibile con la conseguenza che l’ignaro utente si trova dinanzi ad un prelievo la cui giustificazione resta oscura.

 

Il fatto che gli addebiti siano talora di importi minimi porta la maggior parte degli utenti a non contestare l’addebito medesimo, ma ciò, purtroppo, finisce con il fare il gioco degli operatori i quali, approfittando dell’inerzia degli utenti, incassano somme non dovute che, sommate le une alle altre, finiscono con il rappresentare incassi di non scarso rilievo.

 

Non di rado, però, gli importi addebitati sono anche rilevanti (alcune decine di euro) ed è allora giusto avere chiaro il quadro normativo di riferimento per regolarsi di conseguenza.

 

A tale scopo, perciò, si fornisce di seguito il dettato della legge italiana [1] in tale delicata materia.

Essa vieta in modo chiaro l’addebito di somme (assimilabili a penali) a seguito della disattivazione di contratti telefonici, ivi compresi quelli di telefonia mobile.

 

Tuttavia la legge stessa autorizza l’addebito dei costi di disattivazione che gli operatori abbiano sostenuto in conseguenza della decisione dell’utente di recedere dal contratto e cambiare operatore.

 

È qui che, sovente, si annida il possibile addebito ingiustificato nel caso di cambio di operatore: difatti i costi di disattivazione della linea, nella grande maggioranza dei casi, coincidono con quelli di attivazione che effettua il nuovo operatore e che l’utente paga.

 

E, allora, all’utente che in caso di cambio di operatore si veda addebitare sia il costo di disattivazione dal vecchio operatore, sia il costo dell’attivazione da parte del nuovo operatore, non resta che (volendo) contestare l’addebito del costo di disattivazione attraverso reclamo scritto seguito, in caso di risposta omessa o ritenuta insufficiente, dalla procedura di conciliazione dinanzi all’Autorità garante per le comunicazioni.

 

Nel caso in cui l’utente voglia reclamare è utile sapere che spetterà all’operatore, in ogni caso, dare prova che i costi addebitati corrispondano a quelli assolutamente necessari per procedere alla disattivazione.

 

Si tratterà dunque di dimostrare (da parte dell’operatore di telefonia mobile) e di verificare (da parte dell’utente) che l’importo addebitato sia effettivamente collegato alle attività tecniche ed operative utili e indispensabili per procedere alla disattivazione.

 

E se tale dimostrazione non dovesse essere fornita, è chiaro che la procedura di conciliazione (o l’eventuale successiva azione in giudizio per la restituzione della somma) si concluderà con un provvedimento (o sentenza, in caso di giudizio) che imporrà all’operatore di restituire la somma addebitata.


[1] L. n. 40 del 2007.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
25 Set 2016 edo cappa

Altra truffa degli operatori telefonici è quella dell’addebito consegna elenchi telefonici nella bolletta di agosto quando la gente è in vacanza. Ovviamente la consegna non è mai avvenuta e la richiesta di tali elenchi mai effettuata. Cosa si dovrà fare? Altra astuzia lo fanno a chi tiene la domiciliazione cosi prelevano dal vs. conto corrente: