HOME Articoli

News Pubblicato il 26 gennaio 2016

Articolo di

News Esclusione Ticket sanitario, le 203 prestazioni fuori tutela

> News Pubblicato il 26 gennaio 2016

Prestazioni escluse dal ticket secondo il Decreto Appropriatezza: elenco completo e condizioni di erogabilità.

Con l’entrata in vigore del Decreto Appropriatezza, ben 203 prestazioni mediche devono ora essere pagate di tasca dal cittadino, poiché la fruizione del ticket in merito è stata limitata a condizioni piuttosto restrittive. Il decreto modifica integralmente la mappatura di tutte le prestazioni sanitarie, ora in gran parte a carico del cittadino.

Tra le prestazioni fuori tutela non vi sono soltanto esami dal nome impronunciabile, ma anche analisi che si effettuano abbastanza spesso per prevenire importanti patologie, come colesterolo e trigliceridi: queste analisi possono essere ora prescritte in casi ben precisi, dietro valutazione di opportunità del medico; medico che subirà delle salate sanzioni, per le prescrizioni non strettamente necessarie.

Nessuna elasticità, dunque, nonostante la prevenzione sia fondamentale per evitare seri problemi, ed anche maggiori esborsi per la sanità pubblica: se le analisi utili a prevenire una determinata patologia possono avere un costo non indifferente, il costo delle cure per la patologia è comunque notevolmente più elevato delle spese legate alla prevenzione.

È altrettanto chiaro che, per molti cittadini, non poter fruire del ticket significherà dimenticare la prevenzione: esistono delle analisi che, senza la tutela, arrivano a costare migliaia di euro.

Vediamo ora l’elenco completo delle prestazioni non più tutelate.

Prestazioni odontoiatriche

Iniziamo dall’odontoiatria: le prestazioni in tale ambito possono essere prescritte solo in particolari casi di vulnerabilità sanitaria ed economica del paziente (esclusi alcuni interventi per i bambini sino a 14 anni). Poiché i parametri di vulnerabilità economica sono stabiliti dalle Regioni, è facile immaginare che si tratti di requisiti molto restrittivi, a causa dell’esiguità di risorse disponibili e della diffusa mala gestione in campo sanitario.

Le prestazioni odontoiatriche fuori tutela sono:

– estrazione di dente deciduo incluso;

-estrazione di dente permanente;

-estrazione di altro dente nas. incluso;

-altra estrazione chirurgica di dente;

– odontectomia nas;

– rimozione di dente incluso;

– allacciamento di dente incluso;

– germectomia;

– estrazione dentale con elevazione di lembo muco-periostale;

– ricostruzione di dente mediante otturazione fino a due superfici;

-otturazione carie;

-otturazione carie con incappucciamento indiretto della polpa;

-ricostruzione di dente mediante otturazione a tre o più superfici e/o applicazione di perno endocanalare ;

-ricostruzione di dente mediante intarsio;

– ricostruzione di dente fratturato;

– applicazione di corona;

– applicazione di corona e perno;

– inserzione di ponte fisso;

– inserzione di protesi rimovibile;

– molaggio selettivo dei denti;

– impianto di dente;

– impianto di protesi dentaria;

– terapia canalare in dente monoradicolato o pluriradicolato;

– apicectomia;

-gengivoplastica [chirurgia parodontale];

– asportazione di lesione o tessuto della gengiva ;

-levigatura delle radici;

-intervento chirurgico preprotesico;

– asportazione di lesione dentaria della;

-trattamento ortodontico con apparecchi mobili;

– trattamento ortodontico con apparecchi fissi (per anno);

-trattamento ortodontico con apparecchi ortopedico funzionali;

– riparazione di apparecchio ortodontico;

– altri interventi su denti, gengive e alveoli.

Prestazioni di radiologia diagnostica

Per quanto concerne le prestazioni di radiologia diagnostica, le condizioni che consentono la prescrizione degli interventi sono legate alla presenza di patologie oncologiche o sospetto, patologie traumatiche o complicanze post-chirurgiche.

Vediamo l’elenco delle prestazioni “incriminate”in questo settore:

– tomografia computerizzata (tc) del rachide e dello speco vertebrale;

– tomografia computerizzata (tc) dell’arto superiore;

-tomografia computerizzata (tc) dell’ arto inferiore;

-risonanza magnetica nucleare (rm) della colonna;

– risonanza magnetica nucleare (rm) muscoloscheletrica

– densitometria ossea con tecnica di assorbimento a raggi x.

Prestazioni di laboratorio e genetica

Il taglio più consistente riguarda le prestazioni di laboratorio, con l’esclusione dal ticket delle principali analisi. Possono fruire del ticket, per alcuni esami, soltanto soggetti con gravi patologie già in corso, o con sospetto di patologie gravi.

Vediamo l’elenco completo delle analisi fuori tutela:

– deossicortisolo;

– acido 5 idrossi 3 indolacetico [du];

– acido delta aminolevulinico (ala);

– ala deidrasi eritrocitaria;

– alanina aminotransferasi (alt) (gpt);

– albumina;

– aldolasi;

– alfa amilasi;

– alfa amilasi isoenzimi;

– androstanediolo glucuronide;

– aspartato aminotransferasi (ast);

-calcio totale;

– colesterolo hdl;

– colesterolo ldl;

– colesterolo totale;

– creatinchinasi (cpk o ck);

– creatinina clearance;

– ferro;

– fosfatasi acida esame obsoleto;

– fosfatasi alcalina;

– fosfatasi alcalina isoenzima osseo;

– fosfato inorganico;

-lattato deidrogenasi;

-magnesio totale;

– mioglobina;

– potassio;

– proteine;

– sodio;

– sudore;

– trigliceridi;

– urato;

– urea;

– alfa 2 antiplasmina;

– anticorpi anti microsomi (abtms);

– anti tireoperossidasi;

– antigene carboidratico;

– antigene carboidratico;

– antigene carboidratico;

– antigene carcino embrionario (cea);

– antigeni hla;

– beta tromboglobulina;

– cyfra 21-1;

– eparina;

– fenotipo rh;

– glicoproteina ricca in istidina;

– gruppo sanguigno abo e rh (d);

– ige specifiche allergologiche;

– inibitore attivatore del plasminogeno (pai i);

– tempo di protrombina (pt);

– tempo di tromboplastina parziale (ptt);

– test di aggregazione piastrinica;

– test di resistenza alla proteina c attivata;

– tipizzazione genomica (sono compresi 16 esami di tipizzazione genomica);

– tipizzazione sierologica(sono compresi 2 esami di tipizzazione sierologica);

– trombossano;

– viscosita’ ematica;

– campylobacter (sono comprese 3 tipologie di esame);

– miceti anticorpi (d.i.d.);

– miceti (lieviti) antimicogramma da coltura (m.i.c., fino a 5 antimicotici);

– salmonelle da coltura (comprende 2 tipologie di esami);

– shigelle da coltura;

-virus epatite b (comprende 2 tipologie di esami);

– virus epatite delta (hdv);

– analisi citogenetica (comprende 8 tipologie di esami);

– analisi del dna e di mutazione del dna (comprende 6 tipologie di esami);

– analisi di polimorfismi (str, vntr);

– analisi di segmenti di dna mediante sequenziamento ;

– cariotipo (comprende 7 differenti esami);

– colorazione aggiuntiva in bande (comprensiva di 10 differenti esami);

– coltura di amniociti;

– coltura di cellule di altri tessuti;

– coltura di fibroblasti;

– coltura di linee cellulari stabilizzate con virus;

– coltura di linee linfocitarie stabilizzate con virus o interleuchina;

– coltura di linfociti fetali con pha;

– coltura di linfociti periferici con pha o altri mitogeni;

– coltura di materiale abortivo;

– coltura semisolida di cellule emopoietiche bfu-e, cfu-gm, cfugemm;

– coltura di villi coriali (comprende 2 tipologie di esami);

– coltura per studio del cromosoma x a replicazione tardiva;

– conservazione di campioni di dna o di rna;

– crioconservazione in azoto liquido di colture cellulari;

– crioconservazione in azoto liquido di cellule e tessuti;

– digestione di dna con enzimi di restrizione;

– estrazione di dna o di rna;

– ibridazione con sonda molecolare;

– ibridazione in situ (4 tipologie di esami);

– ricerca mutazione;

– sintesi di oligonucleotidi;

– analisi del dna cellulare per lo studio citometrico del ciclo cellulare e della ploidia.

Dermatologia

Tagliate anche 4 prestazioni nel campo della dermatologia ed allergologia:

– esame allergologico strumentale per orticarie fisiche;

– screening allergologico per inalanti;

– test epicutanei a lettura ritardata (patch test);

– test percutanei e intracutanei a lettura immediata.

Medicina nucleare

Per quanto concerne la medicina nucleare, le seguenti prestazioni possono essere prescritte solo in presenza di gravi patologie (tumori, ischemie, malattie degenerative o cerebro-vascolari):

– tomoscintigrafia miocardica (pet) di perfusione a riposo e dopo stimolo;

– tomoscintigrafia cerebrale (pet);

– tomoscintigrafia globale corporea (pet);

– radioterapia stereotassica;

– irradiazione cutanea totale con elettroni (tsei/tsebi).

Gli altri tagli

Sono state poi tagliate diverse prestazioni nei seguenti ambiti:

– terapia fisica, terapia respiratoria, riabilitazione e procedure correlate;

– intubazioni e irrigazioni non operatorie “prevenzione odontoiatrica primaria;

– sostituzione e rimozione di sussidio terapeutico;

– altre procedure non operatorie e fisiche (immunizzazione, terapia a luce ultravioletta, rimozione protesi).

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

38 Commenti

Nicola Dettori

27 gennaio 2016 alle 12:36

E bravo il signor Renzi, dopo la Toscana ti sei papato anche l’Italia…

luigi di maio

27 gennaio 2016 alle 13:31

ci sarà un buon motivo per colpire sempre la povera gente…… quanta gente deve morire perché non si può più curare ? con i pochi spiccioli di pensione. auguro a LORO tutto cio che capita a tanti poveracci.

sfiduciata

27 gennaio 2016 alle 14:32

Certo loro non sono toccati considerato che noi poveri cittadini paghiamo anche le loro polizze per la sanità privata. Darei loro una bella pensione minima come molte persone in Italia e poi nel momento del bisogno gli risponderei adesso con quei pochi soldi ti devi anche curare e fare gli esami che il sistema sanitario non riconosce più!!!!!!

silvana mazzarello

27 gennaio 2016 alle 15:15

Bastardi. Auguro loro povertà e malattia…..

gian gigo

27 gennaio 2016 alle 15:44

Il cloesterlo è indispensabile per le malattie cariache, il ferro e di vitale impostanza nel corpo di una persona, se una persona ha un colesterolo elevato rischia la vita, se una persona ha il ferro bassisimo rischia la vita, i vostri sporchi soldi non vi dovranno essere d’aiuto per curarvi.

Calogero Giarrizzo

27 gennaio 2016 alle 16:47

Con la mancanza di prevenzione per chi non può permetterselo vuol dire quasi morte sicura, sarà un sistema per ridurre i pensionati?

Carlo Pinto

27 gennaio 2016 alle 18:31

Non ho parole!!

Antonio annamaria

27 gennaio 2016 alle 20:26

E l’ Inps ringrazia

Alessandro Cintoli

27 gennaio 2016 alle 22:19

Voglio sperare che i diabetici come me continuino ad avere l’esenzione del ticket, altrimenti i casi sono due: 1. il diabete è stato prescritto con troppa facilità negli ultimi anni; oppure 2. chi ha il diabete morirà di povertà prima di morire per la complicazioni da diabete. Basterebbe questo per scendere in strada e dire basta a questo costante stillicidio dei cittadini.

dino vulpiani

27 gennaio 2016 alle 22:50

circa nove anni fa mia moglie aveva una dottoressa che per far risparmiare la sanita non fece fare a lei una analisi dicendo che si trattava di emorroidi,cosi poi la sanita spese più di sei mesi di terapie e altri sei mesi di degenza al regina elena !!!!!!!!

Di Carlo Maria Pia

27 gennaio 2016 alle 23:28

A qsto punto meglio farsi u’assicurazione privata va a dar via i ciap

Carla Ferrieri

28 gennaio 2016 alle 00:43

Tutto questo potrà essere fermato solo attraverso una rivolta popolare.
Lo Stato stabilisce che chi supera un reddito pari a novemila o tredicimlia euro l’anno,
il cittadino dovrà pagare tutte le prestazioni mediche,
novemila euro l’anno? Secondo lo Stato! un cittadino è ricco se supera novemila euro l’anno?
I nostri cari politici, novemila euro l’anno li guadagnano in 10 giorni,
e lo Stato che fa? Considera ricco un cittadino che ha un reddito di diecimila euro l’anno?
I nostri cari politicanti, hanno il rimborso per le spese mediche e tutt’ altro ancora,
bisogna agire al più presto attraverso rivoluzioni di popolo, rivoluzioni organizzate dai sindacati, tutti dobbiamo partecipare, sindacati, medici e tutta la popolazione.
Repubblica: vuol dire governo del popolo, i nostri politici sono stati eletti da noi per difendere i nostri interessi e non per privilegiare i loro interessi.
In passato si sono fatte le rivoluzioni per sovvertire le monarchie nazionali, perché i regnanti privilegiavano i loro interessi personali mentre il popolo pagava le tasse per mantenere il lusso della corte, inoltre chi pagava le tasse? Era il terzo stato composto dalla popolazione, mentre chi era esente da tasse, era il clero e la nobiltà;
adesso stiamo attraversando un’altra fase di rivoluzione, quella in cui il popolo paga le tasse per mantenere in vita i politici, per pagare i loro stipendi, i vitalizi e privilegi, e il popolo?… Il popolo paga le tasse,
e lo Stato che fa? Ci sta togliendo il diritto alla salute, ci stabilisce lui quali esami e quali TAC, vanno fatte e chi no.

Cris Tina

28 gennaio 2016 alle 01:13

Senza parole……dittatura allo stato puro….e noi non diciamo niente, anzi gli italiani ancora credono alle favole e lo sostengono…SVEGLIATEVI!!!!

Donata Monaco

28 gennaio 2016 alle 02:17

Sono in cura da tempo in ospedale per sindrome di Menière (ipoacusia uditiva, vertigini). Il medico otorino dell’ospedale mi ha prescritto una risonanza magnietica (RM) cerebrale per escludere cause diverse dal Menière (è sopraggiunta una costante cefalea che non riguarda la patologia in cura). Mi ha detto di farmi fare la richiesta per l’esame via ASL (mutuabile) dal mio medico di base. Il mio medico di base si rifiuta, dice che la richiesta deve farla il medico dell’ospedale. Conclusione: non posso fare la RM via ASL. Cosa devo fare. Quale dei due medici ha ragione? Grazie

giovanni bello

28 gennaio 2016 alle 09:09

Io soffro di tromboflebite a tutte e due le gambe e in più di una distonia al collo entrambe non rientrano più nel esenzione del ticket e sono due malattie che dovrò portarmi dietro a vita

antonio caria

28 gennaio 2016 alle 11:47

E’ una vergogna e tutti noi stiamo a gurdare

salvatore maturo

28 gennaio 2016 alle 11:55

E che schifo.

adriana maggi

28 gennaio 2016 alle 12:24

Siete dei bastardi… giocate con la vita delle persone!

moldovan alin

28 gennaio 2016 alle 12:25

bene,sono contento.tra un po vi fara pagare l aria che respirate.

maria de santis

28 gennaio 2016 alle 13:09

Mi domando se continueranno ad essere esenti Pensionati di 83 anni con reddito inferiore a 900 euro mensile. Italia distrutta .

Natale Nedo

28 gennaio 2016 alle 13:21

Adesso che sappiamo quello che non e’ consentito cosa ci rimane di consentito? Non andare piu’ dal dottore di base e retribuirlo comunque?Se questi non hanno gli strumenti per diagnosticare ci forniranno solo medicinali placebo?Oppure ci daranno indirizzi di ditte funerarie.

Aurelio Di Leo

28 gennaio 2016 alle 21:55

Così il governo Renzi ha completamente smontato lo stato sociale

giovanni romano

28 gennaio 2016 alle 23:47

NOI.stiamo tranquilli questi ci .strappono i peli ad 1 -1 noi non siamo come i francesi che si ribbelano quando il loro governo li massgra io ricordo 40 anni fa nel industria i francesi erano temerari

antonio camaldo

28 gennaio 2016 alle 23:50

non trovo parole per dare un commendo a tutto questo schifo. come si puo privare degli esami a gente che ha bisogn per curarsi le malattie conclamate. invalidi al100% con pochi soldi devono pensare a come curarsi. che Dio vi dia tante benedizioni per quante fate a noi.

sissy

29 gennaio 2016 alle 10:16

ad un certo punto sarebbe opportuno abolire lo stato sociale non pagarlo più e pagare solo assicurazioni private cosi si risparmierebbe pure

nino rossi

29 gennaio 2016 alle 18:21

ma, gli italiani dove sono finiti???

Donatella Bacrelli

29 gennaio 2016 alle 19:38

Una lunga, lunghissima malattia cronica , invalidante, devastante, a lor, ai collaboratori, e tanta miseria.

ladyoscar

30 gennaio 2016 alle 14:07

la legge fatta dagli avvoltoi legalizzati …… vergogna !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! e chi augura ai politici tutti i malauguri io mi aggrego ……………………….
Cari politici dovete spendere tutti i soldi che avete per curarvi , tanto la salute non si compra …. tanti auguri di crepare nella malattia

Natascia Orazi

30 gennaio 2016 alle 14:27

gli ITALIANI SIETE VOI!!! e non avete fatto nulla pr cambiare lo stato delle cose…………… E’ inutile che vi lamentiate sui siti internet….!!!!

catia carraro

31 gennaio 2016 alle 12:25

Ecco spiegato perché nessun politico muore o si ammala ! Che bastArd i e. …. mi sento proprio rappresentata da chi? Infami siete una massa di corrotti!!!

Del Sorbo Gabriele

31 gennaio 2016 alle 18:36

Io ho avuto due tumori al colon in famiglia essendoci familiarità con altri fratelli e sorelle e non finisce qui altri organi potrebbero se non controllati con esami alternati ogni sei mesi sia del sangue che radiologici (eco,TAC,risonanze ecc..ecc..visite oncologiche ecc..ecc.)essere coinvolti.Dopo 40 anni sono andato in pensione ho lavorato in una reatá chimica.Domanda possono i poteri forti decidere di farmi morire dopo una vita di lavoro e la disgrazia di non avere tanta salute e una pensione di 1350.00 € con affitto da pagare e tutto il resto..ed io mi ritengo ancora fortunato.Mi chiedo ma queste persone si guardano ogni tanto allo specchio??

Angela Mazzotti

31 gennaio 2016 alle 19:23

Una domanda, se qualcuno mi puo’ rispondere: il taglio significa anche che i ticket pagati per queste prestazioni non più assistite non possono essere dedotti dal reddito annuale?

Manuela Baldassa

14 febbraio 2016 alle 15:39

E scandaloso; loro grassi come maiali e noi non possiamo neanche curarci.Qello che è peggio :sono tutti uguali quando arrivano a Roma pensano solo ai loro interessi. Non hanno tagliato tutto lo spreco che li riguarda……. . . .I poveri pagano sempre. Dove è finita la prevenzione?

Marinella Lamarca

23 febbraio 2016 alle 11:19

Adesso si spiega l’inghippo del non più inserimento delle prestazioni mediche/medicinali sul 730, a partire dal prossimo anno

Antonina Mavrodi

28 marzo 2016 alle 17:59

Renzi vuole fare come in Stati Uniti? – Chi paga l’assicurazione sanitaria viene curato. Chi non puo pagare – deve morire

osvaldo leone

3 giugno 2016 alle 15:49

E bravo il Sig. Renzi sia per lui e per tutta la casta, l’italiano può anche crepare di fame e di salute, fra poco ci toglierà anche il respiro – ma dopo come farà se ce lo toglierà ad ingrassare come un porcellino……

pia gentilini

18 giugno 2016 alle 11:37

Provo sgomento !! Siamo ai tempi del nazismo ..facciamo fuori i più deboli!!! Mia figlia con la sclerosi?????? Io con malattia autoimmune????????? C’è istigazione a delinquere..Non mi diano l’occasione perchè mi metto a RUBARE per uniformarmi ai nostri politici !!

Enzo Bandini

3 dicembre 2016 alle 21:30

02 dIc. 2016
Purtroppo i politici se ne fregano di tutti i commenti e solo dei DEMENTI non riescono a capire che prevenire ha un costo inferiore alle cure conseguenti a mancati controlli.
Personalmente qualora mi vengano negate analisi o controlli strumentali e sia costretto farlo a pagamento e risulti che il controllo era necessario derivandone conseguenze, allora sono c………. amari per i TUTTI i responsabili con richiesta di danni.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK