Equitalia: come contestare la firma sulla cartolina della raccomandata
Lo sai che?
28 Gen 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Equitalia: come contestare la firma sulla cartolina della raccomandata

Cartelle esattoriali, querela di falso per contestare la firma sulla relata di notifica.

 

Se Equitalia sostiene di averti notificato una cartella di pagamento e tu, al contrario, affermi il contrario, ossia di non averne mai ricevuto copia, o che magari l’atto è stato ricevuto da un soggetto non legittimato al ritiro, hai un solo mezzo per contestare la firma presente sulla relazione di notifica della raccomandata: la cosiddetta querela di falso. È quanto chiarito dal Tribunale di Napoli con una recente sentenza [1]. Con questo procedimento dovrai, però – prove alla mano – dare contezza del fatto che la firma non è quella tua e, attraverso l’esibizione di altri documenti da te firmati in passato, convincere il giudice della differenza di grafia tra la sottoscrizione riportata su questi ultimi e quella invece sull’atto consegnato dal postino.

 

 

Cos’è la querela di falso

La querela di falso, a dispetto del nome, non ha nulla a che vedere con il processo penale, ma è un comune procedimento di natura civilistica. In particolare si tratta dello strumento volto a contestare l’efficacia di prova legale di un documento quale è, per esempio, la dichiarazione del postino, in quanto pubblico ufficiale, ivi compresa la relazione di notifica con cui l’agente postale afferma di aver consegnato una raccomandata a una data persona. In questo senso, la querela di falso serve per togliere all’atto pubblico o alla scrittura privata ogni carattere di prova privilegiata. La querela di falso non è necessaria quando si controverta soltanto su di un errore materiale incorso nel documento (configurabile nel caso di mera “svista”) [2].

 

 

Come disconoscere la firma sulla raccomandata della cartella di pagamento

Dunque, se un soggetto ha il fondato sospetto che l’atto pubblico (in questo caso la relazione di notifica sulla raccomandata contenente la cartella di pagamento) abbia subìto una contraffazione, un’alterazione (successiva alla sua formazione) o contenga una dichiarazione falsa, come il fatto che il plico sia stato consegnato al legittimo destinatario, mentre così non è, ha la possibilità, con la querela di falso, di far accertare la falsità del documento e privarlo così di valore probatorio.

 

In definitiva, per contestare la firma sull’avviso di ricevimento della raccomandata contenente cartelle di Equitalia non basta il semplice disconoscimento della firma stessa, ma occorre qualcosa in più, ossia un procedimento apposito che, appunto, viene identificato nella querela di falso: tale procedimento mira ad eliminarne l’efficacia probatoria ormai acquistata dall’atto pubblico (la dichiarazione del postino), provando la non genuinità del documento. Questa prova si fornisce, ad esempio, con la produzione di vecchi documenti firmati dall’interessato, da cui si possa evincere la differenza di grafia.

 

Avviato il procedimento, il giudice nominerà un consulente tecnico d’ufficio per effettuare la comparazione delle firme e verificare se quella apposta sulla raccomandata appartiene effettivamente al contribuente o a terzi non legittimati al ricevimento.

 

 

Non vale la firma dei parenti

Con la querela di falso potrai, per esempio, dimostrare che la firma “per ricevuta”  apposta sul registro del postino è stata apposta da un familiare non convivente stabilmente con il contribuente o da un vicino di casa non legittimato a ritirare la posta o da un soggetto che si è qualificato custode del palazzo mentre tale non è. Oppure ci si può tranquillamente limitare ad affermare che la firma non è la propria, così rendendo nulla l’intera notifica e, quindi, la pretesa di pagamento di Equitalia.


La sentenza

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IL TRIBUNALE DI NAPOLI – SEZIONE VI CIVILE – riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrali:

1) dott. GIOVANNI DE CRECCHIO – PRESIDENTE 2) dott. GIUSEPPE VINCIGUERRA – GIUDICE
3) Avv. PATRIZIA GENTILE – GIUDICE REL./EST. ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nella controversia civile iscritta al numero 10076/2010 del Ruolo Generale Affari Contenziosi dell’anno 2010, assegnata in decisione all’udienza del 20/3/2015, senza concessione dei termini ex art. 190 cod. proc. civ., già precedentemente concessi, avente ad oggetto “querela di falso” e promossa

DA

PE.FA., (…) rappresentato e difeso, giusta procura a margine dell’atto di citazione introduttivo del presente giudizio, dall’avv. Ro.Ca. ed elettivamente domiciliato presso il suo studio sito in (…)

– ATTORE – CONTRO

EQ. S.P.A., già Ge. S.p.A.. Agente della Riscossione Tributi per la Provincia di Napoli, con sede in (…), in persona del procuratore speciale pro tempore sig. Fr.D. (giusta procura speciale del 31.7.2009. autenticata per Notaio dott. Sa.Sa. – Napoli – repertorio n.

Mostra tutto

[1] Trib. Napoli, sent. n. 9395/2016.

[2] Cass. sent. n. 8925/2001.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti