Con l’assegno di invalidità e l’accompagnamento posso lavorare?
Lo sai che?
31 Gen 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Con l’assegno di invalidità e l’accompagnamento posso lavorare?

Sto percependo l’assegno di invalidità con accompagnamento dall’Inps: posso percepire un reddito di lavoro dipendente?

 

È possibile godere dell’assegno di invalidità ed, eventualmente, anche dell’accompagnamento e, nello stesso tempo, lavorare e percepire un reddito da lavoro dipendente. Infatti, l’assegno di invalidità non è incompatibile con l’attività lavorativa. Dunque non c’è nessun divieto a percepire entrambi i redditi, anche se l’interessato dovesse essere stato ritenuto invalido al 100%.

 

Tali conclusioni non cambiano neanche se l’invalido percepisce il cosiddetto accompagnamento per essere incapace di provvedere agli atti della vita quotidiana per patologie fisiche o psichiche.

 

La legge non prevede neanche l’incompatibilità dell’assegno di invalidità con l’assegno di disoccupazione. Pertanto l’invalido civile, che ottiene dall’Inps il relativo assegno periodico, dopo il licenziamento o le dimissioni per giusta causa, può anche ottenere la Naspi (l’attuale assegno di disoccupazione).

 

Chi percepisce l’assegno di invalidità non può percepire però la pensione diretta d’invalidità e la pensione per invalidità di lavoro o di servizio, comprese le rendite Inail. L’interessato può comunque optare per il trattamento più favorevole.


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti