Chi assiste il familiare disabile non va trasferito
Lo sai che?
1 Feb 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Chi assiste il familiare disabile non va trasferito

Legge 104/1992: prevale l’interesse della persona con handicap sulle ordinarie esigenze produttive e organizzative del datore e soccombe solo in presenza di ulteriori rilevanti interessi.

 

È illegittimo il trasferimento del lavoratore che assiste il familiare con gravi handicap, e che pertanto gode dei benefici della legge 104 del 1992, se alla base della decisione presa dal datore di lavoro non c’è un grave motivo, ma solo un’ordinaria esigenza di natura organizzativa. A sancirlo è il Tribunale di Firenze con una recente sentenza [1].

 

 

La vicenda

Il caso di specie riguardava un agente di polizia municipale in servizio presso il Comune che impugnava il trasferimento imposto dall’ente. Il dipendente assisteva il padre affetto da gravi disabilità e invocava l’articolo 33 della legge n.104/92 che subordina il trasferimento del lavoratore che presta assistenza al familiare disabile al consenso del dipendente stesso. Per l’ente locale, il provvedimento era legittimo perché adottato nell’ambito di un processo di riorganizzazione finalizzato a rafforzare la presenza sul territorio degli operatori di polizia municipale. Dunque, secondo la tesi della pubblica amministrazione, le esigenze organizzative dovevano ritenersi prevalenti sul diritto riconosciuto dalla norma invocata, tanto più che il lavoratore era stato trasferito in una sede “probabilmente più vicina” al domicilio dell’assistito.

 

 

La sentenza

La legge 104 del 1992 – precisa il tribunale toscano – ha operato una scelta che privilegia “l’interesse della persona handicappata che prevale sulle ordinarie esigenze produttive e organizzative del datore e soccombe solo in presenza di ulteriori rilevanti interessi, diversi da quelli riguardanti l’ordinaria mobilità”.

 

Pertanto il trasferimento del dipendente assegnatario dei benefici della legge 104 è possibile solo se il datore di lavoro riesce a dimostrare l’esistenza di gravi esigenze organizzative dell’amministrazione.

 

Le ordinarie esigenze di natura organizzativa non sono quindi sufficienti a spostare il dipendente.


[1] Trib. Firenze, sent. n. 39/15.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti