Decreto flussi 2016: 30.000 quote disponibili
Lo sai che?
3 Feb 2016
 
L'autore
Temistocle Marasco
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Decreto flussi 2016: 30.000 quote disponibili

È uscito ieri il decreto flussi 2016 per lavoratori stagionali, non stagionali e conversione di permessi di soggiorno: 30.000 quote in totale.

 

Il nuovo decreto flussi per l’anno 2016 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Esso prevede la disponibilità di circa 30.000 quote, distribuite tra lavoratori stagionali, non stagionali e conversione di permessi di soggiorno.

 

Lavoro subordinato non stagionale e lavoro autonomo

 

17.850 quote sono destinate a lavoratori extracomunitari per lavoro subordinato non stagionale e lavoro autonomo. Tra queste sono comprese:

 

1.000 quote per cittadini stranieri extracomunitari residenti all’estero, che abbiano completato programmi di formazione ed istruzione nei Paesi d’origine [1];

 

2.400 quote per cittadini non comunitari residenti all’estero per motivi di lavoro autonomo, appartenenti alle seguenti categorie:

imprenditori che intendono investire in Italia una somma minima di 500.000 euro, con la creazione almeno di tre nuovi posti di lavoro;

liberi professionisti che intendono esercitare professioni regolamentate o vigilate, oppure non regolamentate ma rappresentate a livello nazionale da associazioni iscritte in elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni;

titolari di cariche societarie di amministrazione e di controllo [2];

artisti di chiara fama o di alta e nota qualificazione professionale, ingaggiati da enti pubblici o privati [3];

stranieri che vogliano costituire imprese start-up innovative.

 

100 quote per lavoratori di origine italiana per parte di almeno uno dei genitori fino al terzo grado in linea diretta di ascendenza, residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela e Brasile;

 

100 quote per lavoratori extracomunitari che hanno partecipato all’Esposizione Universale di Milano 2015;

 

– le quote da riservare alla conversione in permessi di soggiorno per lavoro subordinato (4.600 permessi di soggiorno per lavoro stagionale, 6.500 permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale e 1.300 permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciati ai cittadini di Paesi terzi da altro Stato UE) e per lavoro autonomo (1.500 permessi di soggiorno per studio, tirocinio e/o formazione professionale e 350 permessi di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, rilasciati ai cittadini di Paesi terzi da altro Stato UE) di permessi di soggiorno rilasciati ad altro titolo;

 

Lavoro subordinato stagionale

 

Sono inoltre ammessi in Italia, per motivi di lavoro subordinato stagionale, i cittadini non comunitari residenti all’estero entro una quota di 13.000 unità delle seguenti nazionalità: Albania, Algeria, Bosnia-Herzegovina, Corea (Repubblica di Corea), Costa d’Avorio, Egitto, Etiopia, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Filippine, Gambia, Ghana, Giappone, India, Kosovo, Marocco, Mauritius, Moldova, Montenegro, Niger, Nigeria, Pakistan, Senegal, Serbia, Sri Lanka, Sudan, Ucraina, Tunisia.

Di queste 13.000 quote, 1.500 sono riservate a lavoratori extracomunitari dei Paesi sopra indicati, entrati in Italia per prestare lavoro subordinato stagionale per almeno due anni consecutivi e per i quali il datore di lavoro presenti richiesta di nulla osta pluriennale per lavoro subordinato stagionale.

 

I termini per la presentazione della domanda

 

In merito alla presentazione delle domande:

– per ingressi non stagionali e conversioni del permesso di soggiorno, le domande potranno essere preparate dal 3 febbraio e spedite dal ore 9:00 del 9 febbraio 2016;

– per ingressi stagionali, le domande potranno essere preparate dal 10 febbraio e spedite dalle ore 9:00 del 17 febbraio 2016.

 

La redistribuzione delle quote inutilizzate

 

Trascorsi novanta giorni dalla data di pubblicazione del decreto flussi in Gazzetta Ufficiale, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali si riserva la facoltà di ripartire le quote eventualmente inutilizzate in modo tale da impiegarle nella loro interezza.


[1] Ai sensi dell’art. 23 del d.lgs. n. 286 del 25.07.1998.

[2] Espressamente previsti dal decreto interministeriale n. 850 del 11.05.2011.

[3] In presenza dei requisiti espressamente previsti dal decreto interministeriale n. 850 del 11.05.2011.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti