Il distacco dall’impianto di riscaldamento centralizzato
Lo sai che?
3 Feb 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Il distacco dall’impianto di riscaldamento centralizzato

Il condomino ha diritto a farsi l’impianto autonomo purché non ne derivi aggravio di costi agli altri proprietari.

 

Il diritto all’impianto autonomo

È diritto di ogni condomino distaccarsi dall’impianto di riscaldamento centralizzato e dotarsi di un proprio impianto autonomo, senza necessità di chiedere l’autorizzazione all’assemblea. A condizione però che egli dimostri che, dalla sua rinunzia, non derivino né un aggravio di spesa per coloro che continuano a fruire del riscaldamento centralizzato, né uno squilibrio termico dell’intero edificio che deve rispettare i canoni imposti dalla direttiva europea in materia di rendimento energetico nell’edilizia. È quanto chiarito dal Tribunale di Roma in una recente sentenza [1].

 

 

Le spese a cui deve partecipare chi si distacca

In presenza di un distacco legittimo il rinunziante resta comunque obbligato a pagare le spese per la manutenzione straordinaria dell’impianto, per la sua conservazione e messa a norma. Non deve invece pagare le spese per il consumo periodico e quelle per la piccola manutenzione.

 

 

Nessun contrasto con le norme europee

Non esiste nessun contrasto tra la riforma del condominio e le norme comunitarie sul rendimento energetico nell’edilizia [2], norme che, come noto, hanno imposto a tutti i condomini, entro il 31 dicembre 2016, i contabilizzatori di calore e le note valvole termostatiche. Le esigenze della direttiva europea sono infatti state soddisfatte proprio dalla modifica del codice civile [3] il quale, nel subordinare la rinuncia all’utilizzo dell’impianto centralizzato all’assenza di squilibri funzionali ed aggravi di spesa, finisce col perseguire i medesimi obiettivi di risparmio energetico cari al legislatore comunitario.

 

 

La vicenda

Un uomo aveva distaccato i propri appartamenti dall’impianto di riscaldamento centralizzato dando inoltre incarico a un ingegnere di redigere una relazione di fattibilità da allegare alla richiesta del distacco rivolta al condominio e una relazione di accertamento post operam degli effetti dell’operazione sull’impianto di riscaldamento condominiale. Relazioni che dimostravano la regolarità del funzionamento del servizio di riscaldamento centralizzato e l’inesistenza di aggravi di spesa a carico dei restanti condomini fruitori dell’impianto. Anche il perito nominato dal condominio confermava la relazione di quello di parte. Nonostante ciò, nell’assemblea successiva, veniva prodotta senza alcuna data e senza alcuna sottoscrizione, un’ulteriore perizia del tecnico incaricato dal condominio che smentiva la precedente relazione. Motivo per cui i condomini avevano deciso di continuare ad addebitare i costi del riscaldamento ai due ricorrenti. Una relazione che in questi termini non può essere ritenuta valida. Allo stesso modo, a nulla vale un articolo del regolamento condominiale nel quale si legge che “nessun condomino potrà sottrarsi alle spese condominiali di qualsiasi genere e per qualsiasi esercizio anche se egli rinunci alla cosa comune relativa”.

 

 

La ripartizione delle spese

Il codice civile [4] stabilisce che ciascun condomino deve contribuire nelle spese necessarie per la conservazione e per il godimento della cosa comune e nelle spese deliberate dalla maggioranza, salva la facoltà di liberarsene con la rinunzia al suo diritto.

È legittima pertanto la rinuncia di un condomino all’uso dell’impianto centralizzato di riscaldamento – anche senza necessità di autorizzazione o approvazione da parte di altri condomini – purché l’impianto non ne sia pregiudicato, con il conseguente esonero, dell’obbligo di sostenere le spese per l’uso del servizio centralizzato: in tal caso egli è tenuto solo a pagare le spese di conservazione dell’impianto stesso.


[1] Trib. Roma, sent. n. 18721/15.

[2] Direttiva 2002/91/CE.

[3] Art. 1118 cod. civ.

[4] Art. 1104 cod. civ.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
25 Giu 2016 GIANNI DALLAVALLE

RISPOSTA CHIARA ED ESAURIENTE