Utenza luce e gas, niente distacco se reclami la bolletta anomala
Lo sai che?
3 Feb 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Utenza luce e gas, niente distacco se reclami la bolletta anomala

Nessuna sospensione di luce e gas se la bolletta risulta anomala, sinché la società non risponde al reclamo del cliente.

 

Le “bollette pazze” fanno meno paura, dopo la nuova delibera dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas [1]: la disposizione, infatti, stabilisce che nessuna sospensione della fornitura di gas ed elettricità potrà essere subita dal cliente, in caso di reclamo non risposto a seguito di una fattura anomala.

 

La disposizione entra in vigore dal prossimo 1° luglio, ed è finalizzata ad evitare gli abusi da parte degli enti gestori in merito ai distacchi, ed a fornire risposte veloci, complete e trasparenti agli utenti.

 

La delibera, inoltre, amplia la categoria delle bollette anomale, obbliga il fornitore all’indennizzo automatico, in caso di risposta tardiva, e prevede l’obbligo di mettere a disposizione dei clienti i moduli per il reclamo, direttamente sulla home page del sito del gestore.

 

 

Bollette anomale: quali sono

Come appena detto, l’Autorità ha ampliato notevolmente la definizione di bolletta anomala.

 

In particolare, parliamo di bolletta anomala quando:

 

– l’importo fatturato è superiore al 150% dell’addebito medio delle bollette degli ultimi 12 mesi, per quanto concerne la bolletta della luce;

 

– l’importo fatturato è superiore al doppio dell’addebito più elevato degli ultimi 2 mesi, per quanto riguarda il gas;

 

-l’importo è connesso a un conguaglio effettuato dopo l’emissione di bollette stimate;

 

– è presente un malfunzionamento del contatore;

 

– la fattura è basata su dati di misura rilevati o stimati, che seguono altri dati di misura rilevati o stimati;

 

– la bolletta contiene i ricalcoli previsti dalla nuova bolletta 2.0 (dovuti alla modifica dei dati di misura a seguito di precedente lettura errata, ricostruzione dei consumi, modifica delle componenti di tariffa);

 

– la bolletta è stata emessa, dopo l’attivazione della fornitura, con valori anomali rispetto all’autolettura del cliente.

 

 

Bolletta anomala: come fare reclamo

Il reclamo contro la bolletta può essere redatto in forma libera, ma il fornitore ha l’obbligo di inserire il modulo di reclamo già predisposto nella sua home page, accessibile in modo diretto: in particolare, il modello deve contenere un campo in cui inserire i dati relativi all’autolettura.

 

Se il venditore non risponde entro 40 giorni, il cliente ha diritto a un indennizzo automatico, il cui minimo ammontare è di 20 euro.

 

 

Bolletta anomala: divieto di sospensione della fornitura

Se l’Ente gestore non risponde al reclamo, non è possibile procedere alla sospensione o al distacco dell’utenza, qualora il cliente abbia inoltrato il reclamo entro 10 giorni dalla scadenza, e se la bolletta contestata supera i 50 euro.

 

Nessuna sospensione può essere effettuata anche in caso di risposta incompleta.

 

 

Bolletta anomala: risposta al reclamo

La risposta al reclamo del cliente, secondo la citata delibera, deve avere determinati requisiti, in mancanza dei quali è considerata incompleta.

Tra i nuovi elementi obbligatori, devono essere inseriti:

 

– le modalità di fatturazione applicabili in base al contratto, inclusa la priorità di utilizzo dei dati di misura e l’indicazione della loro applicazione;

 

– l’origine dettagliata dei dati e la loro natura (rilevati o stimati);

 

-la motivazione del mancato utilizzo di un’eventuale autolettura;

 

-l’indicazione dell’ultima lettura rilevata precedente rispetto a quella utilizzata per il ricalcolo, e l’eventuale prima lettura rilevata successiva, comprese le rispettive date;

 

-l’ultima bolletta col dettaglio dei consumi degli ultimi 12 mesi (nel caso in cui il cliente lamenti dati di misura non coerenti con le sue abitudini di consumo);

 

– le modalità ed i costi per richiedere la verifica del contatore.

 

La risposta motivata al reclamo, infine, è sempre dovuta dal fornitore, anche nel caso in cui il cliente passi ad altro operatore.


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti