Calcio: il settore giovanile e scolastico
Lo sai che?
4 Feb 2016
 
L'autore
Alessandro Marescotti
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Calcio: il settore giovanile e scolastico

Il Settore Giovanile e Scolastico riguarda l’attività dei calciatori in età compresa tra gli 8 e i 16 anni, tesserati per Società o Associazioni associate nelle Leghe che fanno parte della FIGC (Serie A, Serie B, Pro e Dilettanti) o che frequentano le Scuole che aderiscono alle iniziative programmate d’intesa con il CONI e con le istituzioni scolastiche preposte.

  

I calciatori che praticano attività nel Settore Giovanile e Scolastico (SGS) sono suddivisi, in ragione dell’età, nelle seguenti categorie:

 

Pulcini: vi appartengono i calciatori che abbiano compiuto l’ 8° anno e che, nell’anno precedente a quello in cui ha inizio la stagione sportiva, non abbiano compiuto il 10° anno. I calciatori già tesserati per questa categoria possono, al compimento del 10° anno di età, partecipare anche a gare della categoria Esordienti per la stessa Società.

 

Esordienti: vi appartengono i calciatori che abbiano compiuto il 10° anno e che, nell’anno precedente a quello in cui ha inizio la stagione sportiva, non abbiano compiuto il 12°. I calciatori già tesserati per questa categoria possono, al compimento anagrafico del 12° anno di età, partecipare anche a gare della categoria Giovanissimi per la stessa Società.

 

Giovanissimi: vi appartengono i calciatori che abbiano compiuto il 12° anno di età e che, nell’anno precedente a quello in cui ha inizio la stagione sportiva, non abbiano compiuto il 14°. I calciatori già tesserati per questa categoria possono, al compimento anagrafico del 14° anno di età, partecipare anche a gare della categoria Allievi per la stessa Società.

 

Allievi: vi appartengono i calciatori che abbiano compiuto il 14° anno di età e che, nell’anno precedente a quello in cui ha inizio la stagione sportiva, non abbiano compiuto il 16°.

 

Per ciascuna di queste 4 categorie sono previste le seguenti attività.

 

L’attività della categoria Pulcini ha per lo più carattere promozionale e didattico, viene praticata su base strettamente locale ed è, in alternativa a quella della categoria Esordienti, obbligatoria per tutte le Società che hanno costituito un Centro di Avviamento al Calcio o una Scuola di Calcio. Ai tornei di questa categoria, organizzati dai Comitati Provinciali e Locali del Settore, le Società partecipano con una o più squadre composte ciascuna da 7 calciatori. Le gare si disputano su campi di dimensioni ridotte (metà campo) con pallone misura 4 e porte di metri 4×2, due tempi di gioco da 20 minuti ciascuno e senza la regola del fuorigioco; gli eventuali tempi supplementari hanno la durata di 5 minuti l’uno.

 

L’attività della categoria Esordienti ha carattere promozionale, di apprendimento tecnico e formativo, viene praticata su base locale ed è, in alternativa a quella della categoria Pulcini, obbligatoria per tutte le società che hanno costituito un Centro di Avviamento al Calcio o una Scuola di Calcio. Ai tornei di questa categoria, organizzati dai Comitati Provinciali e Locali del Settore, le Società possono partecipare con una o più squadre; le gare vengono disputate in 2 tempi di 25 minuti ciascuno e gli eventuali tempi supplementari hanno durata di 5 minuti l’uno.

 

L’attività della categoria Giovanissimi è a carattere competitivo ed è obbligatoria per le Società delle Leghe Professionistiche nonchè per le Società della Divisione Interregionale, di Eccellenza e di Promozione della Lega Nazionale Dilettanti. Tale attività si articola in Campionati Regionali, Provinciali e Locali organizzati dai rispettivi Comitati del Settore quando si siano avute domande di partecipazione di Società aventi sedi nei territori dei vari Comitati dipendenti in un numero sufficiente a comporre almeno un girone; le gare vengono disputate in 2 tempi da 35 minuti ciascuno e gli eventuali tempi supplementari hanno la durata di 10 minuti l’uno.

 

L’attività della categoria Allievi ha carattere competitivo ed è obbligatoria per le Società delle Leghe Professionistiche nonché per le Società partecipanti al Campionato Nazionale Dilettanti, di Eccellenza e di Promozione della Lega Nazionale Dilettanti. Tale attività si articola in un Campionato Nazionale,organizzato dal SGS per squadre di società professionistiche con la partecipazione obbligatoria delle squadre della categoria Allievi delle Società che compongono l’organico della Serie A e della Serie B nonché, a completamento dell’organico, anche squadre di Società di Lega Pro e, come per l’attività della categoria Giovanissimi, in Campionati Regionali, Provinciali e Locali organizzati dai rispettivi Comitati del SGS quando si siano avute domande di partecipazione di Società aventi sedi nei territori dei vari Comitati dipendenti in un numero sufficiente a comporre almeno un girone. Le gare vengono disputate in 2 tempi da 40 minuti ciascuno e gli eventuali tempi supplementari hanno la durata di 10 minuti l’uno.

 

Si tenga inoltre presente che all’attività organizzata dal SGS possono partecipare i calciatori tesserati come “giovani”, “giovani dilettanti” e “giovani di Serie”, secondo quanto stabilito dalla FIGC (Federazione Italiana Gioco Calcio).

 

Il tesseramento dei calciatori partecipanti alle predette attività organizzate dal Settore si effettua secondo quanto stabilito dalla FIGC invece quello dei calciatori partecipanti alle attività scolastiche si effettua con le modalità convenute di anno in anno con i competenti organi del CONI e delle istituzioni scolastiche.

 

Il tesseramento come “giovane” vincola il calciatore della società fino al termine della stagione sportiva.

 

Le Società e le Associazioni che svolgono attività giovanile, disciplinata e organizzata dal SGS, hanno l’obbligo di tesserare federalmente, nella categoria “giovani”, anche quei calciatori inquadrati e utilizzati a solo titolo didattico e formativo nei Centri di Avviamento al Calcio e nelle Scuole di Calcio (che devono essere riconosciute e controllate dalla FIGC).

 

Si ricordi infatti che le Società, per realizzare l’addestramento e la formazione dei giovani calciatori delle categorie Pulcini ed Esordienti, possono costituire nel loro ambito un Centro di Avviamento al Calcio la cui attività deve essere programmata e svolta, nel rispetto degli indirizzi dettati dal CONI, secondo le prescrizioni di una “guida organizzativa” e di una “guida tecnica” predisposte di concerto dal SGS e dal Settore Tecnico.

 

Infine, tali Società e Associazioni sono inoltre tenute a versare la tassa di adesione al SGS e i contributi per le spese organizzative delle attività nonché ad adempiere a tutti gli altri oneri che di anno in anno vengono determinati dalla FIGC e dal SGS.

 


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti