HOME Articoli

News Pubblicato il 8 febbraio 2016

Articolo di

News Visita fiscale: esenzioni

> News Pubblicato il 8 febbraio 2016

Fasce di reperibilità per il lavoratore in malattia: i nuovi casi di esenzione introdotti nel 2016.

È stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale [1], il decreto dell’11 gennaio 2016, adottato dal Ministero del Lavoro che contiene le integrazioni e modificazioni alla legge sulle visite mediche di controllo dei lavoratori da parte dell’Inps (cosiddette visite fiscali) [2]. L’obiettivo della nuova normativa è quello di garantire l’esenzione dalla reperibilità di determinate fasce di lavoratori proprio per via della stessa gravità della malattia e delle cure che essa comporta.

In particolare, il decreto dispone l’esclusione dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità per i lavoratori subordinati, dipendenti dai datori di lavoro privati, per cui l’assenza è riconducibile a:

patologie gravi che richiedono terapie salvavita: si tratta, ad esempio, delle cure chemioterapiche;

– a stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta; l’invalidità deve aver determinato una riduzione della capacità lavorativa, in misura pari ad almeno il 67%.

Le patologie devono risultare da idonea documentazione, rilasciata dalle competenti strutture sanitarie, che attesti la natura della patologia e la specifica terapia salvavita da effettuare.

Le nuove regole sono in vigore dal 22 gennaio 2016.

I nuovi casi di esenzione si aggiungono a quelli già previsti dalla precedente normativa, ossia:

– malattie nelle quali è a rischio la vita del lavoratore;

– infortunio sul lavoro;

– patologie per causa di servizio;

– gravidanza a rischio;

– patologie collegate all’invalidità riconosciuta.

Le fasce di reperibilità

Ricordiamo, in ultimo, che le fasce di reperibilità sono attualmente così definite:

– per i dipendenti pubblici: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18;

– per i dipendenti privati: dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19.

La reperibilità vale 7 giorni su 7 inclusi sabato, domenica, festivi e prefestivi, compresi il Natale, Capodanno, Pasqua, Santi ecc.

note

[1] Gazz. Uff. n. 16 del 21.01.2016.

[3] Decreto del 15.07.1986.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK