Forfettario super agevolato, chi rientra nel regime
Lo sai che?
13 Feb 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Forfettario super agevolato, chi rientra nel regime

Forfettario 2016 per le nuove attività, chi ha diritto a entrare ed a restare nel regime: come verificare i requisiti dell’attività ed i limiti di reddito.

 

Il nuovo regime agevolato Forfettario, che dà diritto a numerosi benefici, tra cui la tassazione sostitutiva al 15%, dal 2016, per le nuove attività, è ancora più conveniente: difatti, per le imprese ed i professionisti che avviano la propria attività, la tassazione, nei primi 5 anni, è pari al 5% (la stessa misura stabilita per i contribuenti Minimi).

I requisiti per rientrare in questo nuovo Forfettario super agevolato, noto anche come Forfettario per start up, sono tuttavia più severi, rispetto ai parametri previsti dal Forfettario “standard”.

Vediamo, in questo breve vademecum, come verificare se si rientra nel regime.

 

 

Forfettario super agevolato, i limiti di accesso

Per accedere al nuovo Forfettario super agevolato, i requisiti da rispettare sono:

 

– non aver avuto una partita Iva aperta negli ultimi 3 anni;

-non svolgere un’attività che costituisca la prosecuzione di un’attività precedente, anche se si trattava di lavoro dipendente;

– qualora l’attività risulti la prosecuzione di un’attività svolta in precedenza da altro soggetto, l’ammontare dei relativi ricavi e compensi, realizzati nel periodo d’imposta precedente quello di inizio della nuova impresa, non deve essere superiore ai limiti previsti per ogni settore (si veda la tabella sottostante).

 

 

Forfettario super agevolato, permanenza nel Regime

Per la permanenza nel regime, devono essere rispettati i requisiti previsti per il Forfettario “ordinario”:

 

– non aver liquidato, nell’anno precedente, compensi per lavoro dipendente o per collaborazioni superiori a 5.000 euro;

– non aver effettuato acquisti di beni strumentali per un ammontare annuo superiore a 20.000 euro;

– non aver superato le seguenti soglie di ricavi, differenti a seconda dell’attività esercitata:

 

Attività esercitata Ricavi massimi 2015

Commercio (al dettaglio e all’ingrosso)

40.000

50.000

Commercio di alimenti e bevande

Commercio ambulante di alimenti e bevande

30.000

40.000

Commercio ambulante non alimentare

20.000

30.000

Costruzioni e attività immobiliari 15.000 25.000
Intermediari del commercio 15.000 25.000
Servizi di alloggio e di ristorazione 40.000 50.000
Attività professionali, scientifiche,

tecniche, sanitarie, di istruzione,

Servizi finanziari ed assicurativi

15.000

30.000

Altre attività economiche 20.000 30.000
Industrie alimentari e delle bevande 35.000 45.000

 

Forfettario super agevolato, incompatibilità

Il Forfettario super agevolato ed il Forfettario standard non possono essere utilizzati da:

– chi esercita un’attività in forma di società;

– chi utilizza regimi speciali ai fini Iva o altri regimi forfettari di determinazione del reddito;

non residenti, a meno che non si tratti di cittadini dell’Unione europea o residenti in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo, che producono in Italia almeno il 75% del reddito complessivo;

– chi effettua cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili, o di mezzi di trasporto nuovi;

– chi esercita attività d’impresa, arti o professioni, se partecipa, contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a società di persone o associazioni a esse assimilate, ovvero a s.r.l. trasparenti;

– chi possiede redditi di lavoro o pensione superiori a 30.000 euro annui (non è prevista alcuna limitazione se il rapporto è cessato).

Le cause d’incompatibilità devono valgono per il solo anno di applicazione del Regime, e non per l’ anno precedente.

Forfettario super agevolato 2015

Anche nel 2015 è stato prevista un’agevolazione extra, all’interno del Regime Forfettario, per le nuove attività: l’agevolazione, però, consiste nell’abbattimento di 1/3 della base imponibile, con tassazione al 15%.

Pertanto, chi ha iniziato l’attività nel 2015, e desidera avvalersi del beneficio aggiuntivo, all’interno del modello Unico 2016 deve barrare le caselle 1, 2 e 3 del rigo LM 21, all’interno del quadro LM, per attestare, rispettivamente, la sussistenza dei requisiti di accesso, l’assenza di cause di esclusione e il requisito della novità dell’attività.

Il reddito lordo, determinato applicando ai ricavi i coefficienti di redditività previsti per lo specifico settore, deve essere indicato al punto LM34 già ridotto di un terzo.

 

Forfettario super agevolato 2015 e 2016, qual è il più conveniente?

Facciamo ora un esempio pratico per confrontare la convenienza delle agevolazioni extra 2015 e 2016.

Tizio inizia l’attività nel 2015, come professionista, ed ha tutti i requisiti previsti per il beneficio extra: nel 2015, incamera 10.000 euro di compensi.

Considerando che il coefficiente di redditività, per i professionisti, è pari al 78%, il reddito lordo è pari a 7.800 euro; tale ammontare deve essere ridotto di 1/3, dunque la base imponibile risulta pari a 5.200 euro.

Sulla base imponibile la tassazione è pari al 15%, dunque l’imposta risulta pari a 780 euro.

Caio inizia l’attività nel 2016, come professionista, ed ha tutti i requisiti previsti per il beneficio extra: nel 2016, incamera 10.000 euro di compensi.

Considerando che il coefficiente di redditività, per i professionisti, è pari al 78%, il reddito lordo è pari a 7.800 euro; tale ammontare deve essere tassato al 5%, dunque l’imposta risulta pari a 390 euro.

È dunque maggiormente conveniente il nuovo Forfettario super agevolato 2016.


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti