HOME Articoli

News Pubblicato il 16 febbraio 2016

Articolo di

News Anche gli assegni per il nucleo familiare legati all’Isee

> News Pubblicato il 16 febbraio 2016

Ddl Povertà: la riforma non tocca solo la pensione di reversibilità, ma anche le integrazioni al minimo, gli assegni sociali, gli assegni al nucleo familiare.

 

Il testo del Ddl Povertà potrebbe cambiare i criteri di accesso non solo alla pensione di reversibilità, ma anche agli assegni al nucleo familiare con tre o più figli minori, le integrazioni al minimo, gli assegni sociali, la maggiorazione sociale del minimo. È quanto risulta da un’analisi del testo di legge, approdato alla Camera ed in procinto di essere assegnato alle commissioni Lavoro e Affari sociali.

La questione sulla possibilità di una riforma delle pensioni di reversibilità è stata sollevata dai sindacati prima dello scorso weekend (leggi “Reversibilità addio”). La notizia ha suscitato così tanto scalpore da imporre un intervento immediato del Governo che, nella persona del Ministro Poletti, ha minimizzato “Non è allo studio nessuno intervento sulle pensioni di reversibilità”. La delega vuol sole superare sovrapposizioni e situazioni anomale. Ma è la stessa maggioranza che sconfessa il Ministro. Damiano (Pd), sostiene: “Prendo atto di quanto dichiara il ministro Poletti, ma stando ai testi è necessario cancellare il riferimento all’intervento sulle prestazioni previdenziali per sgombrare ogni dubbio”.

Quel che è certo è che la riforma non toccherà i trattamenti già in essere, ma solo quelli che matureranno dopo l’entrata in vigore del nuovo decreto legislativo. Insomma, nessuna retroattività per non scatenare le ire dei pensionati.

Dall’altro lato – si legge in una nota apparsa sulle pagine del Sole 24 Ore di oggi – ad essere interessati alla riforma non sono solo i trattamenti di reversibilità, ma anche

– le integrazioni al minimo

– gli assegni sociali

– la maggiorazione sociale del minimo

– gli assegni per il nucleo familiare con tre o più figli minori.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK