Canone Rai in bolletta: si pagherà due volte
Editoriali
16 Feb 2016
 
L'autore
Emmanuela Bertucci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Canone Rai in bolletta: si pagherà due volte

Si pagherà per pagare l’imposta sulla televisione: il balzello sul balzello e il rischio di una duplicazione dei costi per i cittadini.

 

È di ieri la notizia che le società elettriche non sanno che pesci prendere sulla riscossione del canone Rai in bolletta. Assoelettrica (l’associazione nazionale delle imprese elettriche) lamenta di non essere ancora stata convocata – come previsto dalla legge di stabilità – per la predisposizione del decreto attuativo sul canone Rai in bolletta. Norme in alto mare, quindi, e confusione per i contribuenti.

 

A questo marasma si aggiungono i legittimi dubbi delle compagnie elettriche.

 

Come evitare doppie fatturazioni del canone se il cliente/contribuente cambia gestore? E se non paga il canone in bolletta, potrà subire il distacco della luce?

 

Se la compagnia elettrica invia con ritardo le bollette – caso molto frequente – il cliente/contribuente è considerato evasore fiscale perchè non ha pagato il canone?

 

Se il cliente/contribuente paga la bolletta in ritardo, la compagnia elettrica può chiedere gli interessi moratori anche sul canone?

 

A queste domande ne aggiungiamo noi una: se la società elettrica riscuote il canone ma non lo versa allo Stato (come potrebbe accadere per l’IVA, ad esempio) ne va di mezzo il contribuente?

 

La risposta è sì, in ogni caso. Perchè anche se il singolo può dimostrare di aver adempiuto, l’eventuale mancato incasso da parte dello Stato ricade comunque sulla collettività. Il canone Rai in bolletta garantisce infatti una maggiore liquidità alle imprese elettriche, che si ritrovano in mano denaro da riversare nelle casse pubbliche. Cosa succede se la compagnia fallisce (pensiamo soprattutto alle piccole società elettriche)?

 

Nel documento predisposto da Assoelettrica per chiedere chiarimenti, le società elettriche chiedono di essere pagate per svolgere il servizio di riscossione del canone Rai in bolletta.

È giusto che un servizio venga pagato, ma ciò non deve avvenire a danno degli italiani, che si troverebbero costretti a pagare per pagare un’imposta. Una situazione paradossale. In buona sostanza, il rischio – più che fondato (perché è questo ciò che, in pratica, chiedono le compagnie) – è quello di dover subire un balzello sul balzello, un costo in più rispetto al canone Rai volto a indennizzare le società elettriche per le spese di riscossione e di trasferimento dei proventi allo Stato.

 

Il Governo dovrà trovare – e rapidamente – una soluzione che tuteli il contribuente e riconosca un compenso alle società elettriche, se queste si troveranno a dover affrontare costi alti. La nostra proposta è rivedere la distribuzione del gettito fiscale proveniente dallo stesso canone Rai, assegnando quindi al servizio pubblico televisivo un minore importo da “girare” alle compagnie elettriche. Meno soldi alla Rai, nessun ulteriore impatto economico sui contribuenti e remunerazione del servizio.


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti
20 Feb 2016 dino merlo

Questi incriccamenti burocratici derivano dalle migliaia di leggi , norme, che le menti contorte da un secolo e mezzo di gestione confusionata ha ereditato dalla burocrazia borbonica.

 
21 Feb 2016 Giorgio Ladu

avvolte fate degli articoli interessanti ,ma questo pecca di catastrofismo, le società elettriche riscuotono già tasse governative tramite la bolletta, vedi CIP ed altri balzelli! anche l’IVA la riscuotono per conto dello stato,se non la versano sono cavoli loro pagheranno le sanzioni! Come tutti