Pedone investito: no risarcimento se cammina nel senso dell’auto
Lo sai che?
17 Feb 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Pedone investito: no risarcimento se cammina nel senso dell’auto

Se l’uomo investito procedeva nello stesso senso di marcia dell’automobile, che pertanto proveniva da dietro, e non nella direzione opposta, non ha diritto ai danni.

 

Fuori dei centri abitati il pedone deve circolare in senso opposto a quello di marcia dei veicoli in caso di carreggiata a due sensi di marcia; invece, nel caso di carreggiata a senso unico di circolazione, il pedone deve procedere sul margine destro rispetto alla direzione di marcia dei veicoli. Se non rispetta queste regole non può chiedere il risarcimento dei danni in caso di investimento. Con la conseguenza che, un uomo che venga urtato al braccio dallo specchietto di un’auto, su una strada extraurbana, di notte, non può chiedere alcun risarcimento neanche al Fondo di Garanzie Vittime della Strada se il conducente, poi, è scappato senza fornire le proprie generalità. Lo ha chiarito il Giudice di Pace di Pisa [1].

 

Dunque, se sono presenti due carreggiate con due sensi di marcia opposti, il pedone deve fare massima attenzione ad evitare di mettersi sul lato sbagliato della strada extraurbana: le auto non devono provenirgli da dietro, alle spalle, ma di fronte. Se queste regole non vengono rispettate, secondo la sentenza in commento, la responsabilità del sinistro risulta a carico del pedone, che avrebbe dovuto procedere in direzione opposta sulla strada con carreggiata a due sensi di marcia.

 

Il giudice interpreta in modo rigoroso e alla lettera il codice della strada [2] che prescrive il comportamento di chi decide di percorrere a piedi le strade collocate fuori dai centri urbani. Non risulta utile al danneggiato contestare l’imprudenza e l’alta velocità del veicolo investitore, sostenendo che l’auto non avrebbe tenuto una distanza sufficiente dal margine della carreggiata. È lo stesso codice della strada, infatti – ricorda infatti il giudice – che impone ai veicoli di tenere la destra circolando in prossimità del margine della carreggiata.


[1] G.d.P. Pisa, sent. del 18.01.2016.

[2] Art. 190 cod. str.

[3] Art. 143 cod. str.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
 
Commenti