Concorso scuola 2016, bando il 29 febbraio
News
18 Feb 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Concorso scuola 2016, bando il 29 febbraio

Concorso docenti 2016, in uscita il bando il 29 febbraio: domande in lingua straniera a risposta chiusa, scritto ad aprile e orale a luglio.

 

Il maxi concorso scuola, per l’assunzione di 63.712 insegnanti, è ormai arrivato al capolinea: le nuove classi di concorso, ridotte a 116 dalle originarie 168, su cui è basata la maxi selezione, saranno pubblicate in Gazzetta il 23 febbraio.

I 3 bandi di concorso saranno invece in Gazzetta Ufficiale il 29 febbraio.

 

Tra le ultime modifiche alla procedura, vi sono i 2 quesiti in lingua straniera, che saranno a risposta chiusa e verteranno sulla sola comprensione di un testo; la lingua straniera sarà a scelta tra inglese, francese, tedesco e spagnolo, ed il livello di conoscenza richiesto sarà pari al B2. Per la scuola primaria è richiesta la conoscenza dell’inglese a livello B2.

 

È inoltre stata precisata la suddivisione dei 63.712 posti disponibili.

La prima prova si terrà ad aprile, mentre l’orale dovrà tenersi entro luglio, per permettere le immissioni in ruolo dal 1° settembre.

 

Vediamo , di seguito, una breve scheda aggiornata del concorso.

 

 

Concorso scuola 2016: posti e suddivisione

I posti disponibili nei 3 bandi sono suddivisi in questo modo:

 

6.933 posti per maestri di scuola dell’infanzia;

17.297 posti per maestri di scuola primaria;

15.641 posti per la scuola secondaria di primo grado;

17.232 posti per la secondaria di secondo grado;

507 posti per docenti di Italiano L2 per alunni stranieri;

6101 insegnanti di sostegno per scuole di ogni ordine e grado.

 

 

Concorso scuola 2016: chi può candidarsi

Secondo quanto previsto dalla Legge sulla Buona Scuola [1], possono fare domanda di concorso i soli abilitati all’insegnamento (in merito ai titoli abilitativi utili, si veda: Concorso docenti 2016, la scheda).

 

 

Concorso docenti 2016: valutazione titoli

La valutazione dei titoli influirà sino a un massimo di 20 punti (su 100): rispetto alle precedenti formulazioni dei bandi, sarà data maggiore rilevanza all’esperienza pregressa.

Per le ulteriori specifiche inerenti ai titoli, vi invitiamo a leggere: Concorso scuola 2016, scheda completa.

 

 

Concorso docenti 2016: prova scritta

Gli ultimi aggiornamenti danno per certa l’eliminazione della verifica preselettiva, che sarebbe dovuta essere svolta solo per la sola scuola dell’infanzia e primaria.

 

La prova scritta si terrà entro il prossimo aprile: potranno essere assegnati un massimo di 40 punti, e saranno necessari almeno 28 punti per superarla.

 

La prova  sarà computer based, avrà una durata complessiva di 150 minuti, ed un totale di 8 domande, di cui 2 in lingua straniera, a scelta tra inglese, francese, tedesco e spagnolo; i due quesiti in lingua saranno a risposta chiusa, verteranno sulla comprensione della lingua, e richiederanno una conoscenza di livello almeno pari al B2. Gli altri 6 quesiti saranno a risposta aperta

Per la scuola primaria, come già accennato, è obbligatoria la lingua inglese.

 

Per le classi di concorso che prevedono l’insegnamento di più materie, dovrà essere svolto uno scritto per ogni materia.

 

 

Concorso docenti 2016: prova orale

La prova orale, per la quale potrà essere assegnato un massimo di 40 punti, durerà complessivamente 45 minuti: 35 minuti di lezione simulata, e un colloquio di 10 minuti con la commissione, volto a esporre le scelte didattiche, contenutistiche e metodologiche.

La prova sarà utile anche alla verifica della conoscenza della lingua straniera, e delle capacità di trasmissione e progettazione didattica, anche attraverso l’utilizzo delle tecnologie informatiche.

 

Per il sostegno, la prova orale valuterà le competenze del candidato nelle attività di supporto agli alunni disabili.

La prova orale dovrà essere effettuata entro luglio, per permettere l’immissione in ruolo entro il 1° settembre.


[1] L. 107/2015.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Scarica e archivia l'articolo in pdf
Per avere il pdf inserisci qui sotto la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Download PDF SCARICA PDF
 


 
Commenti