Occupazione del marciapiede con tavolini e sedie: multa annullata
Lo sai che?
21 Feb 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Occupazione del marciapiede con tavolini e sedie: multa annullata

Occupazione della sede stradale: se l’amministrazione non dimostra l’usucapione o la cessione dello spazio al Comune, le sanzioni vanno annullate.

 

È nulla la multa del Comune per l’occupazione della sede stradale (marciapiedi e altre aree aperte al pubblico), comminata ai sensi del codice della strada [1], se l’amministrazione, nel giudizio di opposizione davanti al giudice di pace, non produce i documenti amministrativi da cui risulti che l’uso dell’area occupata è ceduta al Comune. È quanto chiarito dal Giudice di Pace di Taranto in una recente sentenza [1].

 

Non basta il semplice fatto che lo spazio in questione sia aperto al pubblico in quanto non recintato. Si potrebbe infatti ben trattare di un’area condominiale. La sola apertura al pubblico “via vai” dei passanti non legittima le forze dell’Ordine ad applicare le norme del codice della strada, in mancanza della formale cessione dell’uso della zona di che trattasi al Comune. Specie se l’area è di recente formazione e quindi non di immemorabile uso e/o di acquisizione per usucapione in favore dell’amministrazione.


La sentenza

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI TARANTO-sez 1^

         nella persona del dott. Martino Giacovelli, ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nella causa civile iscritta in prima istanza al R.G. n. 5051/2014 ed R.G. n. 7004/2014 avente per oggetto: Opposizione a ingiunzione di pagamento per l’importo di € 346,00 a seguito di due verbali di accertamento per presunte violazioni al CDS, promossa da:

 

C.S. codice fiscale, residente in Massafra, elettivamente domiciliato in Taranto alla Via Medaglie d’Oro 94 presso e nello studio dell’Avv. Calò M. che, unitamente e disgiuntamente all’Avv. Decorato B., lo rappresenta e difende come da mandato IN ATTI                                                                           opponente

contro

COMUNE DI M., difeso, in virtù di procura a margine del presente atto, come da delibera di incarico n. 83 del 18 Marzo aprile 2010, dall’Avv. Giuseppe V.,                                                        

Mostra tutto

[1] Art. 20 cod. str.

[2] G.d.P. Taranto, dott. Martino Giacovelli, sent. n. 2863 del 22.09.2015.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti