Classi di concorso, pubblicata la riforma
News
23 Feb 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Classi di concorso, pubblicata la riforma

Pubblicata la riforma delle classi di concorso nella Gazzetta Ufficiale: tutte le novità, corrispondenza con le vecchie classi.

 

È stato appena pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il regolamento di riordino delle classi di concorso, che riduce le classi da 168 a a 116: un taglio necessario, secondo il Ministro Giannini, che offrirà più sbocchi ai laureati ed eviterà che restino cattedre scoperte. Su queste nuove classi si baserà il maxi concorso docenti 2016, i cui 3 bandi saranno pubblicati a breve.

Non tutte le classi previste dal regolamento costituiscono un raggruppamento delle vecchie categorie, ma alcune classi sono di nuova introduzione, come l’insegnamento della lingua italiana per discenti stranieri.

Vediamo, in questo breve vademecum, il nuovo sistema delle classi di concorso.

 

 

Nuove classi di concorso

In primo luogo, il nuovo sistema opera una macro-suddivisione delle classi di concorso in tabelle:

 

Tabella A: in questa tabella sono raggruppate le classi di concorso per la scuola secondaria di primo e secondo grado; ciascuna delle classi è identificata da un codice alfanumerico; la tabella specifica gli insegnamenti relativi a ciascuna categoria, i titoli necessari per accedere ai percorsi di abilitazione e le corrispondenze con le vecchie classi di concorso degli anni ‘90;

 

Tabella B: in questo gruppo sono incluse le classi di concorso relative agli insegnamenti tecnico-pratici per la scuola secondaria di primo e secondo grado; anche in questo caso, ciascuna delle classi è identificata da un codice alfanumerico, e sono indicati gli insegnamenti relativi a ciascuna categoria, i titoli necessari per accedere ai percorsi di abilitazione e le corrispondenze con le precedenti classi di concorso;

 

Tabella A/1: questa tabella individua la corrispondenza tra gli esami del vecchio ordinamento necessari all’accesso alle classi di concorso, ed altri esami di contenuto omogeneo.

 

 

La tabella A

Vediamo ora l’elenco delle nuove classi di concorso presente nella Tabella A:

 

– A–01: Arte e Immagine nella scuola secondaria di primo grado;

– A–02:Design dei metalli, dell’oreficeria, delle pietre dure e delle gemme;

– A–03: Design della ceramica;

– A–04: Design del libro;

– A–05: Design del tessuto e della moda;

– A–06: Design del vetro;

– A–07: Discipline Audiovisive;

– A–08: Discipline geometriche, architettura, design d’arredamento e scenotecnica;

– A–09: Discipline grafiche, pittoriche e scenografiche;

– A–10: Discipline grafico – pubblicitarie;

– A–11: Discipline letterarie e latino;

– A–12: Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado;

– A–13: Discipline letterarie, latino e greco;

– A–14: Discipline plastiche, scultoree e scenoplastiche;

– A–15: Discipline sanitarie;

– A–16: Disegno artistico e modellazione odontotecnica;

– A–17: Disegno e storia dell’arte negli istituti secondaria di II grado;

– A–18: Filosofia e Scienze umane;

– A–19  Filosofia e Storia;

– A–20: Fisica;

– A–21: Geografia;

– A–22 Italiano, storia, geografia, nella scuola secondaria di I grado;

– A–24 Lingue e culture straniere negli istituti di istruzione secondaria di II grado;

– A–25 Lingua inglese e seconda lingua comunitaria nella scuola secondaria di primo grado;

– A–26 Matematica;

– A–27 Matematica e Fisica;

– A–28  Matematica e scienze;

– A–29 Musica negli istituti di istruzione secondaria di II grado;

– A–30 Musica nella scuola secondaria di I grado;

– A– 31 Scienze degli alimenti;

– A–32 Scienze della geologia e della mineralogia;

– A–33  Scienze e tecnologie aeronautiche;

– A–34 Scienze e tecnologie chimiche;

– A– 37 Scienze e tecnologie delle costruzioni, tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica;

– A–38 Scienze e tecnologie delle costruzioni aeronautiche;

– A–39 Scienze e tecnologie delle costruzioni navali;

– A–40 Scienze e tecnologie elettriche ed elettroniche;

– A–41 Scienze e tecnologie informatiche;

– A–42 Scienze e tecnologie meccaniche;

– A– 43 Scienze e tecnologie nautiche

– A – 44 Scienze e tecnologie tessili, dell’abbigliamento e della moda;

– A– 45 Scienze economico-aziendali;

– A–46 Scienze giuridico –economiche;

– A-47 Scienze matematiche applicate;

– A-48 Scienze motorie e sportive negli istituti di secondaria di II grado;

– A– 49 Scienze motorie e sportive nella scuola secondaria di I grado

– A-50 Scienze naturali, chimiche e biologiche

– A–51 Scienze, tecnologie e tecniche agrarie

– A–52 Scienze, tecnologie e tecniche di produzioni animali

– A–54 Storia dell’arte;

– A–56 Strumento musicale nella scuola secondaria di I grado;

– A–60 Tecnologia nella scuola secondaria di I grado;

– A–61 Tecnologie e tecniche delle comunicazioni multimediali;

– A– 62 Tecnologie e tecniche per la grafica;

– A–66 Trattamento testi, dati ed applicazioni. Informatica;

– A – 70 Italiano, storia ed educazione civica, geografia, nella scuola secondaria di I grado con lingua di insegnamento slovena o bilingue del Friuli Venezia Giulia;

– A–71 Sloveno, storia ed educazione civica, geografia nella scuola secondaria di primo grado con lingua di insegnamento sloveno o bilingue del Friuli Venezia Giulia;

– A – 72 Discipline letterarie (italiano seconda lingua) negli istituti di istruzione secondaria di II grado con lingua di insegnamento slovena o bilingue del Friuli Venezia Giulia;

– A-73 Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado in lingua slovena con lingua di insegnamento slovena o bilingue del Friuli Venezia Giulia;

– A – 75 Discipline letterarie, latino e greco con lingua di insegnamento slovena;

– A – 76 Trattamento testi, dati ed applicazioni, Informatica negli istituti professionali con lingua di insegnamento sloveno;

– A – 77 Lingua e cultura ladina, storia ed educazione civica, geografia, nella scuola secondaria di I grado con lingua di insegnamento ladina;

– A – 78 Italiano (seconda lingua), storia ed educazione civica, geografia, nella scuola secondaria di I grado con lingua di insegnamento tedesca;

– A – 79 Discipline letterarie (italiano seconda lingua) negli istituti di istruzione secondaria di II grado in lingua tedesca

– A– 80 Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado in lingua tedesca e con lingua di insegnamento tedesca delle località ladine;

– A– 81 Discipline letterarie e latino nei licei in lingua tedesca e con lingua di insegnamento, tedesca delle località ladine;

– A– 82 Discipline letterarie, latino e greco nel liceo classico in lingua tedesca e con lingua di Insegnamento tedesca delle località ladine;

– A– 83 Discipline letterarie (tedesco seconda lingua) negli istituti di istruzione secondaria di II grado in lingua italiana della provincia di Bolzano;

– A– 84 Tedesco (seconda lingua), storia ed educazione civica, geografia, nella scuola secondaria di I grado con lingua di insegnamento italiana della provincia di Bolzano;

– A-85 Tedesco storia ed educazione civica, geografia, nella scuola secondaria di I grado in lingua tedesca e con lingua di insegnamento tedesca;

– A– 86 Trattamento testi, dati ed applicazioni, Informatica negli in lingua tedesca e con lingua di insegnamento tedesca.

 

Tra queste, le classi di concorso di nuova istituzione sono:

 

– A–23 – Lingua italiana per discenti di lingua straniera;

– A–35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda;

– A–36 Scienze e tecnologie della logistica;

– A–53 Storia della musica;

– A–55 Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria;

– A–57 Tecnica della danza classica;

– A–58  Tecnica della danza contemporanea;

– A–59 Tecniche di accompagnamento alla danza e teoria e pratica musicale per la danza;

– A–63 Tecnologie musicali.

 

Per quanto riguarda in particolare la classe A23, italiano per discenti stranieri, l’introduzione si è resa necessaria in base alla forte presenza di studenti che parlano una diversa lingua. Per insegnare in questa classe è necessario possedere una delle seguenti lauree:

 

– lettere;

– filologia moderna;

–  lingue;

– scienze dalla formazione primaria (relativamente ai soli laboratori presso le scuole dell’infanzia e primaria).

 

È possibile effettuare docenze in tutti gli ordini di scuola, compresi i centri per gli adulti, ma è necessario possedere un livello di specializzazione in italiano L2.

 

Per approfondimenti sulla corrispondenza tra vecchie e nuove classi, vi invitiamo a leggere: Nuove classi di concorso, cosa c’è da sapere.

 

 

Tabella B

Vediamo ora le nuove classi di concorso relative agli insegnamenti tecnico- pratici, elencate nella tabella B:

 

– B – 01   Attività pratiche speciali;

– B – 02 Conversazione in lingua straniera;

– B – 03 Laboratorio di Fisica;

– B – 04 Laboratori di liuteria;

– B – 06 Laboratorio di odontotecnica;

– B – 07 Laboratorio di ottica;

– B – 08 Laboratori di produzioni industriali ed artigianali della ceramica;

– B – 09 Laboratori di scienze e tecnologie Aeronautiche;

– B – 10 Laboratori di scienze e tecnologie costruzioni aeronautiche;

– B – 11 Laboratori di scienze e tecnologie agrarie;

– B – 12 Laboratori di scienze e tecnologie chimiche e microbiologiche;

– B – 14 Laboratori di scienze e tecnologie delle costruzioni;

– B – 15 Laboratori di scienze e tecnologie elettriche ed elettroniche;

– B – 16 Laboratori di scienze e tecnologie informatiche;

– B – 17 Laboratori di scienze e tecnologie meccaniche;

– B – 18 Laboratori di scienze e tecnologie tessili, dell’abbigliamento e della moda;

– B – 19 Laboratori di servizi di ricettività alberghiera;

– B – 20 Laboratori di servizi enogastronomici, settore cucina;

– B – 21 Laboratori di servizi enogastronomici, settore sala e vendita;

– B – 22 Laboratori di tecnologie e tecniche delle comunicazioni multimediali;

– B – 23 Laboratori per i servizi socio–sanitari;

– B – 24 Laboratorio di scienze e tecnologie nautiche;

– B – 25 Laboratorio di scienze e tecnologie delle costruzioni navali;

– B – 26 Laboratorio di tecnologie del legno;

– B – 27 Laboratorio di tecnologie del marmo;

– B – 28 Laboratorio di tecnologie orafe;

– B – 29 Gabinetto fisioterapico (Classe di concorso ad esaurimento);

– B – 30 Addetto all’ufficio tecnico (Classe di concorso ad esaurimento);

– B – 31 Esercitazioni pratiche per centralinisti telefonici  (Classe di concorso ad esaurimento);

– B – 32 Esercitazioni di pratica professionale  (Classe di concorso ad esaurimento);

– B – 33 Assistente di Laboratorio (Classe di concorso ad esaurimento).

 

 

Abilitazione per le nuove classi di concorso

Non ci sono problemi per chi possiede l’abilitazione o l’idoneità all’insegnamento in una delle precedenti classi di concorso, in quanto, per loro, è possibile partecipare ai concorsi pubblici direttamente per le nuove classi “accorpanti”.

Nessun problema nemmeno per i docenti già di ruolo, titolari di una delle vecchie classi raggruppate: grazie alla disciplina di armonizzazione, questi insegnanti diventano automaticamente titolari della nuova classe, nella quale è confluita la precedente classe di appartenenza.

Lo stesso vale per gli insegnanti non di ruolo, ma in possesso di abilitazione ad una classe accorpata, che possono accedere a tutti gli insegnamenti della nuova classe accorpante, ai fini delle procedure di concorso.

Gli iscritti ad un percorso di studi utile ad accedere alle vecchie classi di concorso continuano ad avere, poi, la possibilità di partecipare ai tirocini formativi attivi.

 

È bene ricordare, infine , che non esistono classi di concorso per la scuola primaria, dell’infanzia e per il sostegno: per la scuola primaria e dell’infanzia, difatti, la laurea in scienze della formazione primaria dà direttamente l’accesso all’abilitazione.

Non sono previste classi di concorso specifiche, parimenti, per il sostegno.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti