Jobs Act lavoro autonomo: le nuove tutele per i professionisti
Lo sai che?
24 Feb 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Jobs Act lavoro autonomo: le nuove tutele per i professionisti

Approvato il ddl sul lavoro autonomo: nuove tutele per i professionisti, i lavoratori autonomi con partita Iva e occasionali, i co.co.co.

 

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il nuovo disegno di legge sul lavoro autonomo, detto Jobs act dei lavoratori autonomi: la norma contiene numerose previsioni a tutela dei professionisti, dalla nullità dei patti vessatori, alla malattia, all’assicurazione per i clienti non paganti. Una gamma di misure assolutamente necessarie, per una categoria che svolge compiti fondamentali, ma sino ad oggi con garanzie nettamente inferiori rispetto ai lavoratori dipendenti.

 

Il ddl sul lavoro autonomo, anche se non mette la parola fine alla disparità di trattamento rispetto ai lavoratori subordinati, realizza comunque degli importantissimi passi avanti nel riconoscimento di maggiori tutele: vediamo una panoramica delle novità.

 

 

Jobs act lavoro autonomo: beneficiari

I destinatari delle misure del disegno di legge non sono soltanto i liberi professionisti appartenenti ad albi e ordini, ma tutti i lavoratori autonomi, con e senza partita Iva. Questo significa che rientrano nel perimetro della tutela anche i lavoratori autonomi occasionali. Inoltre, sono protetti dalla nuova normativa anche i cosiddetti co.co.co., cioè i lavoratori parasubordinati, che effettuano collaborazioni coordinate e continuative.

 

 

Jobs act lavoro autonomo: co.co.co. e false partite Iva

Col decreto di riordino dei contratti [2] sono state notevolmente limitate le ipotesi di validità delle collaborazioni coordinate e continuative, prevedendo, nella maggior parte dei casi, l’applicazione della disciplina del lavoro subordinato.

Non tutte le co.co.co., però, sono riconducibili al lavoro subordinato, ma solo quelle etero-organizzate (con luogo e tempi di lavoro decisi dal committente), esercitate in maniera continuativa e prevalentemente personale.

Sopravvivono, pertanto, le co.co.co.genuine”, cioè quelle aventi un certo grado di autonomia dal potere decisionale del committente.

I collaboratori con contratto di co.co.co. non riconducibile al lavoro dipendente sono destinatari anch’essi del Jobs act sul lavoro autonomo: per di più, il ddl definisce abusivo qualsiasi patto o clausola che dia al committente una posizione di preminenza.

Tali patti sono nulli non solo per i collaboratori, ma per la generalità dei lavoratori autonomi: questa previsione ha la finalità di arginare il fenomeno delle finte co.co.co. e partite Iva.

 

 

Jobs act lavoro autonomo: tutele contro i clienti non paganti

Il ddl protegge i lavoratori dai patti vessatori anche dal punto di vista economico. Sono difatti considerate nulle le clausole che prevedono il pagamento dei compensi oltre i 60 giorni dall’emissione della parcella o della fattura. Inoltre, è nulla qualsiasi clausola che preveda il recesso senza preavviso o la modifica unilaterale del contratto da parte del committente.

 

Se il professionista stipula un’assicurazione per il rischio d’insolvenza dei clienti, gli oneri sostenuti sono deducibili dalle imposte.

 

 

Jobs act lavoro autonomo: malattia e infortunio

La tutela degli autonomi si estende anche alle ipotesi di malattia e infortunio. In particolare, se un lavoratore si ammala o si infortuna, il contratto col committente viene sospeso sino a un massimo di 150 giorni, senza che si estingua. Se la malattia dura oltre 60 giorni, è sospeso il pagamento dei contributi previdenziali, sino ad un massimo di 2 anni.

 

 

Jobs act lavoro autonomo: agevolazioni fiscali

Il disegno di legge prevede che i costi sostenuti dai professionisti per la formazione e l’aggiornamento professionale possano essere dedotti dal reddito al 100%, sino a un massimo di 10.000 euro. Tra le spese integralmente deducibili non figurano soltanto i corsi di formazione, ma anche la partecipazione a seminari, eventi e congressi.


[1] Ddl 109/2016

[2] D.lgs. 81/2015.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti