Bollo auto: quali arretrati non si pagano perché prescritti?
Lo sai che?
25 Feb 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Bollo auto: quali arretrati non si pagano perché prescritti?

Ho ricevuto a gennaio 2016 la richiesta di pagamento di bollo auto per il 2012: è intervenuta la prescrizione?

 

Come abbiamo chiarito in un approfondimento apparso su questo giornale proprio ieri, il bollo auto si prescrive dopo tre anni che, tuttavia, decorrono a partire dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello di scadenza del pagamento. Pertanto, nel caso di bollo dovuto per l’anno 2012, il termine di prescrizione inizia a decorrere a partire dal 1° gennaio 2013; e dunque i tre anni si compiono solo con il 31 dicembre 2015 (per maggiori dettagli leggi l’articolo “Bollo auto: quando scatta il blocco?”). In pratica non bisogna contare l’anno in cui è dovuto il versamento della tassa di circolazione, ma i successivi tre, fino al 31 dicembre dell’ultimo di questi. Solo allora si può dire compiuta la prescrizione del bollo auto.

 

Ovviamente, nell’arco di tale periodo di prescrizione (appunto, i tre anni conteggiati per come appena indicato) non devono essere intervenuti atti interruttivi della prescrizione. Sono atti interruttivi i solleciti di pagamento o la notifica della cartella di pagamento di Equitalia. A partire dal giorno successivo al ricevimento dell’atto interruttivo, il termine inizia a decorrere da capo. Per cui, nel momento in cui il contribuente riceve la cartella esattoriale di Equitalia, deve contare di nuovo altri tre anni affinché la cartella medesima si prescriva: tre anni durante i quali – anche in questo caso – non devono intervenire nuove richieste di pagamento (diversamente i tre anni vanno calcolati nuovamente da capo, e così via). Per esempio, una cartella per bollo auto notificata nel 2016, a cui non segua alcun atto, si prescriverà nel 2019.

 

Abbiamo schematizzato, qui sotto, i termini di prescrizione degli arretrati per bollo auto dovuti negli ultimi anni:

 

 ANNO DI SCADENZA DEL BOLLO
 SI PRESCRIVE IL:
 2008  1° gennaio 2012
 2009  1° gennaio 2013
 2010  1° gennaio 2014
 2011  1° gennaio 2015
 2012  1° gennaio 2016
 2013  1° gennaio 2017

 

Il preavviso di fermo auto si considera un atto interruttivo quanto contenga tutti gli elementi da cui si evince che si riferisce al debito relativo al bollo auto.

 

La richiesta di pagamento di arretrati inviata con posta semplice non produce effetti. Essa deve essere recapitata con raccomandata a.r. in quanto, diversamente, in caso di contestazione da parte del contribuente, il fisco non avrebbe possibilità di dimostrare l’avvenuto ricevimento.

 

Attenzione: se il contribuente impugna l’ingiunzione di pagamento o la cartella di Equitalia e perde il ricorso, la prescrizione passa da 3 a 10 anni, in quanto il titolo per esigere il pagamento diventa la sentenza e quest’ultima si prescrive, come tutti gli atti giudiziari, in un decennio.


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Scarica e archivia l'articolo in pdf
Per avere il pdf inserisci qui sotto la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Download PDF SCARICA PDF
 


 
 
Commenti
26 Feb 2016 Enrica Casalboni

Spesso i bolli sono a cavaliere d’anno tipo agosto-luglio. E allora conta dal 31 luglio? Grazie

 
14 Mar 2016 Pierluigi Garlatti

Buongiorno, domanda: se non si paga il bollo quali sono le sanzioni o interessi cha Equitalia ci mette anche se si accorgono solo dopo un anno ?? Grazie

 
14 Mar 2016 Giacomo Di Domenico

mi accorgo x combinazione di questo articolo ,mi auguro che continui x le persone che non sono informate.complimenti a tutto lo staff.visto che la stampa non sempre scrive e ripete quello che
fa notizia al proprio giornale.buon lavoro (create lavoro x i giovani ) io sono leggermente giovane.

 
30 Mar 2016 vincenzo Arnone

Dovevo pagare il bollo auto a settembre 2012 fino al 30/08/2013. vorrei sapere se è andato in prescrizione. Grazie.