HOME Articoli

Miscellanea Pubblicato il 28 febbraio 2016

Articolo di

Miscellanea Assunzioni Inps: concorso più vicino. L’istituto è bloccato

> Miscellanea Pubblicato il 28 febbraio 2016

Sblocco delle assunzioni: il tanto richiesto bando all’Inps è invocato dallo stesso Presidente Tito Boeri in audizione alla Commissione Parlamentare di controllo.

Servizi Inps in crisi per il blocco delle assunzioni: a dirlo è il Presidente dello stesso Istituto di Previdenza Nazionale, Tito Boeri, in audizione la scorsa settimana presso la Commissione Parlamentare di Controllo; un nuovo bando di concorso è ora, dunque, quanto mai necessario Per il blocco del turn over, il personale dell’Inps diminuisce di oltre 100 unità al mese ha sottolineato Boeri. Nonostante il processo di riorganizzazione interna, volto a rendere ancora più efficiente l’organizzazione interna dell’Istituto, il numero dei dipendenti non può scendere oltre una certa soglia e gli impiegati sono già in affanno nell’erogazione dei servizi indispensabili al cittadino.

In soli tre anni, il personale è diminuito del 10% (in alcune sedi si tocca anche il 15%) ed attualmente è al di sotto della domanda che, invece, è in forte crescita per via dell’invecchiamento della popolazione. I tempi di attesa per le pratiche si sono dilatati notevolmente, peggiorando di circa il 20-30%.

Insomma, il richiamo alla necessità di un nuovo bando di concorso all’Inps per l’assunzione di nuovo personale è tutt’altro che velata. Sono anni che si susseguono le voci di un concorso, subito dopo smentite e poi riaccese dalle dichiarazioni degli stessi vertici dell’Inps che chiedono letteralmente “soccorso”. Le prospettive per il futuro peraltro non sono più rosee: da qui al 2020 la produttività dei dipendenti dovrebbe crescere del 60% (ma è già al limite) per impedire un aumento delle giacenze. A produttività costante, invece, nel 2020 l’indice di giacenza sarà più che triplicato.

“Un Paese con un debito pubblico molto elevato – ha affermato Boeri – tende abbastanza sistematicamente a lasciare deperire la macchina dello Stato perché il modo più semplice di contenere il disavanzo è congelare le assunzioni nella pubblica amministrazione, ma in questo modo la si priva di quella linfa vitale che è data dall’ingresso di nuove competenze. Il blocco del turn over nella Pa continua da 15 anni e inevitabilmente riduce la qualità delle istituzioni. Nel contempo le tasse rimangono alte e nell’opinione pubblica si conferma l’idea di una pubblica amministrazione che è un corpo estraneo che estorce pagamenti come una sanguisuga”. Invece “dobbiamo essere orgogliosi di un ente che integra prestazioni a lavoratori con caratteristiche diverse e che all’estero si guarda con invidia”. Sono parole molto incisive, dotate di un gran realismo.

Boeri ha così auspicato lo sblocco delle assunzioni già per il 2016: la previsione dell’obbligo di attingere prima dalle altre amministrazioni cozza con le esigenze dell’Inps che, invece, ha bisogno di professionalità specifiche.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK