Conviventi: il contratto per formalizzare l’unione
Lo sai che?
28 Feb 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Conviventi: il contratto per formalizzare l’unione

La legge Cirinnà ha regolamentato le unioni civili tra omosessuali, ma cosa deve fare chi, invece, vuol convivere senza passare dal matrimonio tradizionale?

 

Come devono comportarsi i partner eterosessuali che vogliono formalizzare la propria convivenza? La materia è stata completamente riscritta dal decreto Cirinnà che passerà alla storia soprattutto per aver regolato le unioni civili tra omosessuali. Vediamo, dunque, come cambia la materia.

 

 

Cosa sono i contratti di convivenza

Da oggi in poi dovremo abituarci a tre diversi vocaboli da tenere distinti:

 

– il matrimonio: è la tradizionale unione tra un uomo e una donna, regolata dal codice civile e dalle leggi speciali sul diritto di famiglia. È l’istituzione per “eccellenza” che conferisce la massima tutela alla coppia, anche nel caso in cui le nozze vengano celebrate unicamente in chiesa: l’unione, infatti, ha automatico effetto anche per lo Stato italiano (cosiddetto matrimonio concordatario);

 

 

– le unioni civili: sono le unioni tra omosessuali. L’insieme dei diritti e dei doveri è molto simile alla tutela prevista per le coppie sposate se non per alcune differenze (come l’obbligo della fedeltà);

 

– i contratti di convivenza: sono le unioni tra soggetti maggiorenni di sesso differente, ma che hanno preferito di non passare per il matrimonio tradizionale.

 

 

Come si stipula un contratto di convivenza?

I soggetti conviventi sono liberi di scegliere se siglare o meno un contratto di convivenza, che quindi non costituisce un obbligo e, pertanto, possono decidere di lasciare il tutto senza l’ombrello della tutela dello Stato.

 

Il contratto deve essere necessariamente scritto e può essere redatto come atto pubblico notarile o come scrittura privata con le firme autenticate dall’avvocato.

Nel primo caso ci si può recare dal notaio; nel secondo caso, invece, l’accordo può essere redatto dall’avvocato.

 

L’accordo deve essere conservato ufficialmente: il professionista deve infatti trasmettere l’atto al Comune di residenza dei conviventi per l’iscrizione all’anagrafe.

 

Il contenuto del contratto è sostanzialmente libero: le parti possono indicare i rispettivi obblighi e diritti come, ad esempio, le modalità di cooperazione e collaborazione ai bisogni della convivenza. Inoltre dovranno regolare il regime patrimoniale, optando per la comunione dei beni o la separazione. Inoltre potranno stabilire quanto dello stipendio va nella cassa comune o quali spese sostiene l’uno o l’altro dei conviventi.

 

Il “divorzio” (il termine è ovviamente improprio, perché, in questo caso si parla di risoluzione del contratto o, per usare un termine comune “scioglimento”) può avvenire anche per volontà di uno solo dei due partner, volontà a cui l’altro non può opporsi. Nel caso di rottura della convivenza non c’è l’obbligo di versare l’assegno di mantenimento, ma solo quello degli alimenti nel caso di stretta necessità economica del compagno e comunque per un periodo di tempo proporzionale alla durata della convivenza.


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
 
 
Commenti
28 Feb 2016 Lucia Maffei

Nell’articolo vi e’ una grande imprecisione: i contratti di convivenza se il maxiemendamento al ddl Cirinna’ diventa legge, potra’ essere redatto o nella forma dell’ atto pubblico da parte di un notaio o nella forma di un contratto redatto dall’avvocato e dallo stesso autenticato, come avviene per le negoziazioni assistite. Non occorre necessariamente l’intervento del notaio per far autenticare le firme o le sottoscrizioni, che dir si voglia. Questo deve essere ben chiaro e deve essere spiegato a chiare lettere ai lettori ed agli utenti della giustizia.

 
1 Mar 2016 Costantina Deiana

Non vedo l’imprecisione : nell’articolo è spiegato benissimo e in modo chiaro