Bando tirocinio Erasmus all’estero per OSS e OSA
Lo sai che?
29 Feb 2016
 
L'autore
Maria Monteleone
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Bando tirocinio Erasmus all’estero per OSS e OSA

Stage in Spagna, Francia, Irlanda e Portogallo per OSS e OSA: domande entro il 16 marzo 2016.

 

Opportunità di stage all’estero per 14 Operatori Socio Sanitari e Operatori Socio Assistenziali. Si tratta del progetto Erasmus Plus di Mobilità individuale “Professioni Socio sanitarie in Europa” finanziato con il sostegno della Commissione Europea.

 

Il progetto prevede borse di mobilità individuale all’estero (Mobilità “VET Learners”) destinate a giovani in possesso dell’attestato di qualifica professionale di OSS e/o OSA che intendono svolgere un tirocinio formativo entro un anno dal rilascio del titolo.

 

Sono disponibili 14 tirocini formativi nei seguenti paesi europei di destinazione: Spagna (Siviglia), Francia (Bordeaux o Perpignano), Irlanda del Nord (Duerry), Portogallo (Lisbona). È possibile indicare massimo due tra le suddette destinazioni.

 

Durata della mobilità: 60 giorni consecutivi (due mesi).

 

Periodi di partenza: dopo metà marzo 2016 in base alle indicazioni degli enti ospitanti stranieri.

 

 

Requisiti di partecipazione

Il progetto è incentrato su due profili “medium e low-skill” legati al mondo della sanità-assistenza. Possono presentare domanda di partecipazione coloro i quali sono in possesso dei requisiti di seguito indicati:

 

– essere cittadini italiani residenti in Italia;

 

– avere un’età compresa tra i 20 ed i 32 anni compiuti alla data di presentazione della candidatura;

 

– essere in possesso di un attestato di qualifica conseguito da non più di un anno presso Istituti – Centri di Formazione professionale del territorio nazionale, per le seguenti figure professionali di: – OSS – Operatore socio sanitario (percorso formativo di 900-1000h); – OSA – Operatore socio assistenziale (percorso formativo di 700h); – OSA-Operatore socio Assistenziale per l’infanzia, o per le demenze, per l’handicap, per gli anziani, Assistente Domiciliare e dei Servizi tutelari–ADEST, Operatore Addetto all’assistenza delle persone diversamente abili e Operatore Tecnico dell’assistenza che ha superato percorsi di riqualificazione in OSS – Operatore Socio Sanitario   (percorso di riqualificazione di 420h);

 

– non usufruire nel periodo di tirocinio previsto dal progetto di altri finanziamenti per soggiorni all’estero erogati da fondi dell’Unione Europea.

 

Nell’apposita sezione contenuta nel modulo di candidatura, occorre indicare in autovalutazione il proprio livello di conoscenza delle lingue richieste per ogni destinazione secondo il “Quadro comune europeo di riferimento per le lingue” contenuto nel Curriculum Vitae da allegare.

 

 

Attività e tirocinio formativo

Il progetto si articola come di seguito:

 

– Preparazione pedagogica / accompagnamento culturale all’esperienza prima della partenza: è una fase di orientamento ed introduzione volta a favorire una previa conoscenza sul paese di destinazione, dell’ambiente e tipo di tirocinio.

 

– Corso intensivo della lingua del paese di destinazione come sopra indicato volto ad acquisire, migliorare e/o incrementare le competenze linguistiche e supportare l’inserimento dei partecipanti nel contesto culturale locale.

 

– Tirocinio formativo-pratico non retribuito presso strutture ed enti che operano nel macro settore del progetto, individuati direttamente dall’ente ospitante. Il progetto termina con alcune attività di follow-up al rientro dall’esperienza di mobilità ed il rilascio di apposite Certificazioni riconosciute a livello europeo.

Il tirocinio formativo che verrà individuato dall’ente ospitante avente sede nel paese di destinazione è esclusivamente legato al settore professionale del progetto e mira a consentire al partecipante un primo contatto col mondo del lavoro in un contesto ed a comprenderne in linea generale e, secondo il tempo che si ha a disposizione, le dinamiche relazionali in un contesto transnazionale diverso da quello di appartenenza.

 

Sostegno finanziario

Tutte le fasi concernenti la realizzazione del progetto in Italia ed all’estero sono coordinate e gestite da SFA e dagli enti ospitanti stranieri. Nello specifico SFA in quanto organismo beneficiario Erasmus+ fornisce un contributo alternativo a quello finanziario fornendo i servizi relativi alla realizzazione del Programma individuale di mobilità all’estero (amministrazione ed organizzazione, assicurazione, viaggio, alloggio, vitto, trasporti locali, preparazione pedagogica, culturale e linguistica).

 

Il progetto fornisce quindi i seguenti servizi resi da SFA e dall’ente ospitante:

 

– organizzazione della partenza (assistenza tecnica ed amministrativa);

 

– preparazione pedagogica / accompagnamento culturale all’esperienza prima della partenza: sono previsti da due a tre giorni di incontri organizzati a Palermo ai quali è obbligatoria la partecipazione pena l’automatica esclusione dal progetto; i costi supportati dal partecipante per questa fase (ovvero eventuali spese si soggiorno, vitto e trasporti) non sono supportati e coperti dal progetto;

 

– assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e R/C. L’assicurazione sanitaria all’estero viene coperta mediante la Tessera Sanitaria Europea;

 

– biglietto aereo internazionale (di andata e ritorno anche da un aeroporto diverso da quello più vicino alla propria residenza) mediante CTS. La tratta tra la propria sede di residenza e l’aeroporto di partenza per il volo internazionale è a carico dei partecipanti. SFA provvederà all’acquisto del biglietto in nome e per conto del partecipante una volta ricevuta la sua adesione formale al progetto. E’ prevista sempre un’unica data di partenza e di rientro per ciascun partecipante/gruppo di partecipanti;

 

– alloggio: il servizio di alloggio (utenze incluse per l’intera durata del progetto ad esclusione di eventuale telefono e linea internet) è fornito dall’ente ospitante secondo gli standard di qualità del Programma in appartamento privato anche condiviso con altri partecipanti (italiani o di altri paesi): ciò al fine di agevolare l’integrazione del partecipante con l’ambiente socio-culturale che lo circonda in linea con gli obiettivi perseguiti dal Programma a tal riguardo. Ai partecipanti sarà richiesto per iscritto di rispettare le regole di permanenza negli alloggi impegnandosi a risarcire personalmente eventuali danni materiali.

 

– corso intensivo di lingua OLS (Online Linguistic Support), previo ulteriore test di valutazione del livello di conoscenza successivo all’assegnazione della borsa di mobilità, volto a supportare l’inserimento dei partecipanti nel contesto linguistico culturale locale. Esso determina le competenze linguistiche dei partecipanti: comprensione orale, comprensione e produzione scritta, secondo il Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER) e la necessità o meno di assegnazione del supporto linguistico online. Per il Portogallo è previsto un corso intensivo di lingua portoghese presso una Scuola di Lingue a Lisbona;

 

– sussidio in contanti erogato (al 70%) durante il soggiorno (pocket money mensile) ed in parte dopo la chiusura del progetto per la copertura parziale delle spese di vitto che varia a seconda del tenore di vita del paese di destinazione;

 

– reperimento e supervisione del tirocinio formativo non retribuito da parte dell’ente ospitante;

 

– tutoring ed incontri di valutazione periodici da parte dell’organismo ospitante. Attività di tutoraggio e valutazione da parte dell’ente SFA;

 

– rilascio delle certificazioni al termine dell’esperienza di Mobilità: Attestato del corso di lingua, Attestato dell’Ente Ospitante, Europass – Mobility, tutte subordinate alla realizzazione dell’intero programma di mobilità;

 

– amministrazione, coordinamento, organizzazione e gestione a carico di SFA e degli enti ospitanti. Dal momento della stipula del contratto “Vet learners” il partecipante dovrà quindi impegnarsi a svolgere tutte le attività previste dal progetto con massimo impegno, senso di responsabilità e professionalità. In caso di inadempimento contrattuale, oltre che le conseguenze derivanti dall’applicazione della legislazione nazionale italiana, SFA potrà porre termine al contratto secondo le modalità che saranno precisate nel contratto di tirocinio;

 

 

Selezione

L’iter di selezione per partecipare agli stage Erasmus+ prevede una preselezione sulla base dei titoli e dei requisiti presentati. I candidati che supereranno la preselezione dovranno sostenere un colloquio volto alla verifica del percorso di studi, delle aspettative e aspirazioni. È inoltre previsto un test linguistico.

 

 

Domanda di partecipazione

Per presentare la candidatura al progetto di mobilità è necessario seguire le seguenti fasi:

– iscrizione al database dei “Progetti europei” di cui al sito www.soformav.it –

 

– compilazione e sottoscrizione del “Modulo di candidatura unico Erasmus+” scaricabile dal sito www.soformav.it   e SPEDIZIONE a mezzo posta racc.ta A.R. del cartaceo al seguente indirizzo: SFA – SOLUZIONI FORMATIVE AVANZATE S.R.L. Via Isidoro La Lumia n. 7 – 90139 Palermo – IT entro e non oltre il  16 marzo 2016 (fa fede il timbro postale datario impresso sulla busta di spedizione).

 

– invio del file (copia digitale) compilato in formato word all’indirizzo di posta elettronica: info@soformav.it. Il suddetto modulo trasmesso anche per posta elettronica non occorre che sia firmato poiché comunque ai fini dell’ammissibilità formale farà fede solo quello cartaceo.

 

La domanda di partecipazione deve essere inviata entro il 16 marzo 2016.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti