HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 4 marzo 2016

Articolo di

Lo sai che? Se paghi con Paypal hai diritto al rimborso dei soldi pagati

> Lo sai che? Pubblicato il 4 marzo 2016

Il reclamo andrà chiuso a favore del soggetto che riesca a dimostrare la propria tesi.

Più tutelati gli acquisti su internet se il pagamento avviene con Paypal: secondo una recente decisione dell’Antitrust (l’Authority garante per la consulenza e il Mercato, Agcm), qualora il consumatore riesca a provare di non aver mai ricevuto la merce avrà diritto a ottenere la restituzione dei soldi pagati. La richiesta andrà inoltrata alla stessa Paypal e quest’ultima sarà tenuta ad effettuare lo storno delle somme.

Tutto nasce da una clausola inserita da Paypal nel “Programma protezione acquisti”. Il nuovo punto 13.4 delle condizioni d’uso del contratto tra Paypal e il cliente si stabilisce che, nel caso di reclamo da parte dell’acquirente, il quale dichiari di non aver ricevuto la merce acquistata, “PayPal può chiedere al venditore di presentare la documentazione giustificativa comprovante che le merci sono state consegnate all’acquirente. Se il venditore presenta tali elementi di prova, PayPal può risolvere il reclamo in favore del venditore anche se l’acquirente sostiene, in assenza di elementi di prova decisivi, di non aver ricevuto il bene acquistato”.

L’Agcm ha chiarito che deve essere comunque consentito all’acquirente di produrre prove documentali volte a dimostrare l’assenza di consegna del bene acquistato; tale facoltà non era concessa nella precedente formulazione della clausola. In sintesi, Paypal sarà costretta a chiudere il reclamo in favore del soggetto che presenta elementi di prova a sostegno della propria tesi.

Inoltre, PayPal ha dovuto modificare anche la clausola – ritenuta vessatoria – relativa alla conformità della descrizione del prodotto: secondo l’Antitrust PayPal non definiva chiaramente il concetto di prodotto “notevolmente non conforme alla descrizione” riservandosi una discrezionalità nella verifica delle effettive difformità e quindi del relativo rimborso.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK