Decreto flussi 2016: come presentare domanda per lavoratori stagionali
Lo sai che?
6 Mar 2016
 
L'autore
Temistocle Marasco
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Decreto flussi 2016: come presentare domanda per lavoratori stagionali

Il percorso che i datori di lavoro devono seguire per presentare e compilare la domanda necessaria per l’ingresso in Italia di lavoratori extracomunitari stagionali.

 

Grazie al decreto flussi 2016, dalle ore 9:00 del 17 febbraio, i datori di lavoro possono presentare la richiesta di ingresso in Italia per motivi di lavoro subordinato stagionale (settore agricolo, turistico/alberghiero) di uno o più lavoratori extracomunitari.

 

Le quote disponibili sono 13.000, rivolte ai cittadini dei seguenti Paesi: Albania, Algeria, Bosnia-Herzegovina, Corea (Repubblica di Corea), Costa d’Avorio, Egitto, Etiopia, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Filippine, Gambia, Ghana, Giappone, India, Kosovo, Marocco, Mauritius, Moldova, Montenegro, Niger, Nigeria, Pakistan, Senegal, Serbia, Sri Lanka, Sudan, Ucraina, Tunisia. Di queste 13.000 quote, 1.500 sono riservate a lavoratori extracomunitari dei Paesi sopra indicati, entrati in Italia per prestare lavoro subordinato stagionale per almeno due anni consecutivi e per i quali il datore di lavoro presenti richiesta di nulla osta pluriennale per lavoro subordinato stagionale.

 

I datori di lavoro che non hanno ancora presentato la richiesta e che non intendano delegare il compito a professionisti o patronati, possono farlo telematicamente, avvalendosi delle seguenti indicazioni:

 

 

La registrazione al portale del Ministero dell’Interno

È necessario collegarsi al sito del Ministero dell’Interno https://nullaostalavoro.dlci.interno.it/ e registrarsi (“Effettua Registrazione”) inserendo le proprie generalità. Si riceve, in tal modo, una email di conferma.

 

 

Il modulo di richiesta di nulla osta al lavoro

Chiusa la procedura di registrazione con successo, bisogna accedere nuovamente al sito https://nullaostalavoro.dlci.interno.it/ e seguire il seguente percorso: “servizi disponibili”, Sportello Unico Immigrazione”, “richiesta moduli”, “Decreto flussi stagionali 2016 – Richiesta di nulla osta al lavoro subordinato stagionale – modulo C”. Comparso il suddetto modulo, si procede alla compilazione delle diverse schermate, che richiedono le seguenti informazioni:

 

– dati della società e del datore di lavoro/legale rappresentante che intende effettuare l’assunzione stagionale tramite il decreto flussi 2016;

 

– dati del lavoratore, ivi compresa l’indicazione dell’ambasciata italiana presso cui il lavoratore chiederà il visto e di un recapito per ricevere eventuali comunicazioni;

 

– bisogna inoltre specificare se il nullaosta richiesto è annuale o pluriennale;

 

– i dati della proposta di contratto di lavoro: presunta data di inizio, tipologia di contratto, orario di lavoro, mansioni e categoria;

 

– il luogo di lavoro e l’indirizzo del luogo in cui il lavoratore alloggerà (le eventuali trattenute sullo stipendio, qualora l’affitto sia a carico del datore di lavoro);

 

– segue una dichiarazione con cui il datore di lavoro si impegna nei confronti dello Stato a pagare il rimpatrio del lavoratore in caso di espulsione e a comunicare ogni variazione del rapporto di lavoro;

 

– i dati sul fatturato dell’azienda e il numero di dipendenti;

 

– i numeri identificativi di una marca da bollo da 16 euro e la data di acquisto della stessa.

 

Inseriti tutti i dati, si procede all’invio della domanda, che è possibile tenere sotto controllo accedendo al portale con le proprie credenziali d’accesso, seguendo poi il percorso “Servizi disponibili”, “Sportello Unico Immigrazione”, “Domande”.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti