Pensione anticipata a 63 anni con contributi misti
Lo sai che?
10 Mar 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Pensione anticipata a 63 anni con contributi misti

Pensione anticipata contributiva: possibilità di sommare tutti i contributi nella Gestione Separata per pensionarsi a 63 anni.

 

Il mio primo versamento è del 1978, ed ho contributi nella Gestione Inps lavoratori dipendenti, Artigiani e Commercianti e Separata: posso pensionarmi a 63 anni?

 

Sono numerosi i casi di lavoratori che possiedono una contribuzione molto frammentaria, con contributi versati in diverse casse, tra cui la Gestione Separata: questa è, in pratica, la Gestione “residuale “dell’Inps, alla quale sono obbligati a iscriversi i co.co.co., i professionisti senza cassa e chi lavora con i voucher.

L’iscrizione alla Gestione Separata, per chi ha contributi “sparsi”, dà il vantaggio di poter sommare assieme tutti i versamenti, grazie alla facoltà di computo, per poter raggiungere la pensione anticipata a 63 anni.

 

 

Pensione anticipata a 63 anni: come funziona

La pensione anticipata che può essere raggiunta grazie al computo nella Gestione Separata, detta anche pensione anticipata contributiva, consente l’uscita dal lavoro a 63 anni (a cui vanno aggiunti 7 mesi di adeguamento alla speranza di vita), con 20 anni di contributi.

In cambio di questo anticipo, però, è richiesto il calcolo interamente contributivo dell’assegno, tanto più penalizzante, quanti più risultano gli anni versati prima del 1996.

Inoltre, l’assegno calcolato con la pensione anticipata contributiva non può essere inferiore a 2,8 volte l’assegno sociale, cioè, allo stato attuale, a 1.254,60 euro (448,07 per 2,8).

 

 

Pensione anticipata a 63 anni: computo

Per raggiungere la pensione anticipata a 63 anni possono essere computati nella Gestione Separata i contributi appartenenti alle altre casse, al fine di ottenere il requisito contributivo, sia per il diritto che per la misura della pensione.

Sono però esclusi i contributi figurativi, che servono solo ad aumentare la misura, cioè l’ammontare, della pensione.

La facoltà di computo non è, però aperta a tutti. Sono ammessi soltanto coloro che possiedono:

 

– almeno 5 anni di contributi versati dopo il 1995;

meno di 18 anni di contributi versati prima del 31 dicembre 1995.

 

Dunque, se il contribuente possiede il primo versamento nell’anno 1978 o precedentemente, è necessario contare esattamente le settimane di contributi di ogni anno; non è detto che chi ha iniziato a lavorare regolarmente nel 1978 sia escluso dal beneficio, poiché, per il possesso di 18 anni esatti di contributi, è necessario aver iniziato a lavorare, senza alcuna interruzione, dal 1° gennaio 1978 sino al 31 dicembre 1995.

 

 

Pensione anticipata a 63 anni: aumento dei requisiti e differenza con la pensione di vecchiaia

Per valutare l’eventuale vantaggio nell’anticipo della pensione, è bene sapere che i requisiti della pensione anticipata contributiva e della pensione di vecchiaia ordinaria si modificheranno, nel tempo, in questo modo:

 

– sino al 31 dicembre 2018: 63 anni e 7 mesi per la pensione anticipata contributiva, 66 anni e 7 mesi per la pensione di vecchiaia;

– sino al 31 dicembre 2020: 63 anni e 11 mesi per la pensione anticipata contributiva, 66 anni e 11 mesi per la pensione di vecchiaia;

– sino al 31 dicembre 2022: 64 anni e 2 mesi per la pensione anticipata contributiva, 67 anni e 2 mesi per la pensione di vecchiaia;

– sino al 31 dicembre 2024: 64 anni e 5 mesi per la pensione anticipata contributiva, 67 anni e 5 mesi per la pensione di vecchiaia;

– sino al 31 dicembre 2026: 64 anni e 8 mesi per la pensione anticipata contributiva, 67 anni e 8 mesi per la pensione di vecchiaia;

 

Nel tempo, l’anticipo si mantiene costante, pari a 3 anni rispetto all’età necessaria per il trattamento di vecchiaia: questo perché gli aumenti periodici legati alla speranza di vita si applicano allo stesso modo per le due pensioni.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti