Noemi Secci
Noemi Secci
31 Mar 2016
 
Le Rubriche di LLpT


Le Rubriche di LLpT
 

Pensione anticipata, si a cumulo, contributi figurativi e volontari

Pensione anticipata: il trattamento può essere raggiunto cumulando i contributi di diverse gestioni ed utilizzando i periodi Naspi ed i versamenti volontari.

 

Ho contributi nella gestione dipendenti e commercianti, un periodo di disoccupazione e contributi volontari: posso sommarli per arrivare alla pensione anticipata?

 

La pensione anticipata può essere raggiunta sommando diverse tipologie di contributi, sia col cumulo, che con la ricongiunzione, che col computo; sono utili al raggiungimento della pensione anticipata anche i contributi volontari e quelli figurativi, compresi quelli accreditati durante i periodi in cui si percepisce l’indennità di disoccupazione (questi ultimi, però, con alcuni limiti).

I requisiti utili per ottenere tale trattamento, dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2018, sono:

 

– almeno 42 anni e 10 mesi di contributi, per i lavoratori;

– almeno 41 anni e 10 mesi di contributi, per le lavoratrici.

 

 

Pensione anticipata: cumulo contributi artigiani e commercianti

In primo luogo, i contributi degli artigiani e dei commercianti (Gestione Inps artigiani e commercianti) si possono cumulare gratuitamente ai contributi da lavoro dipendente, anche ai fini della pensione anticipata, in base ad una nota legge del 1990 [1], che ha reso operativo l’istituto del cumulo. Il trattamento di pensione si ottiene sommando le due quote, calcolate separatamente sui contributi da lavoro dipendente e su quelli da artigiano o da commerciante.

 

 

Pensione anticipata: contributi figurativi Naspi

Per quanto riguarda i contributi figurativi da disoccupazione (Naspi), anche questi possono computarsi ai fini del raggiungimento dei 41 o 42 anni e 10 mesi della pensione anticipata. Devono essere però presenti almeno 35 anni di contributi effettivi, cioè non figurativi: inoltre, per chi ha versato il primo contributo dopo il 31 dicembre 1992, i contributi figurativi non possono essere superiori a 5 anni.

 

 

Pensione anticipata: contributi volontari

Per quanto riguarda i contributi volontari, anche questi possono essere cumulati con gli altri contributi per ottenere un’unica pensione anticipata.

I contributi volontari si calcolano sull’imponibile relativo alle ultime 52 settimane di contribuzione obbligatoria. L’aliquota che deve essere applicata, per chi ha richiesto l’autorizzazione al versamento dopo il 31 dicembre 1995, è pari al 32,87% (come descritto in una nota circolare Inps [2]), se lavoratore dipendente iscritto all’Assicurazione generale obbligatoria (Ago); fanno eccezione i soli dipendenti appartenenti ad alcuni fondi speciali (Elettrici, Poste, Fondo Volo, Telefonici, Autoferrotramvieri).

Esiste però un minimale contributivo, pari a 200,76 euro settimanali, sul quale calcolare i contributi.

In pratica, se un dipendente ha una media settimanale inferiore a tale cifra, dovrà comunque calcolare i versamenti volontari sulla base di 200,76 euro settimanali; in un mese verserà, dunque, quasi 286 euro (in quanto la base mensile sarà pari a 869,89 euro, cioè alla base settimanale trasformata in mese dal coefficiente 4,333).

 

 

Pensione anticipata, quando posso andare?

Vediamo infine come cresceranno i requisiti della pensione anticipata, a causa degli adeguamenti periodici alla speranza di vita (il requisito più basso è quello valido per le donne):

 

– 2016: 41/42 anni e 10 mesi;

– 2017: 41/42  anni e 10 mesi;

– 2018: 41/42  anni e 10 mesi;

– 2019: 42/43 anni e 2 mesi;

– 2020: 42/43  anni e 2 mesi;

– 2021: 42/43  anni e 5 mesi;

– 2022: 42/43  anni e 5 mesi;

– 2023: 42/43  anni e 8 mesi;

– 2024: 42/43  anni e 8 mesi;

– 2025: 42/43  anni e 11 mesi;

– 2026: 42/43  anni e 11 mesi;

– 2027: 43/44 anni e 2 mesi;

– 2028: 43/44  anni e 2 mesi;

– 2029: 43/44  anni e 4 mesi;

– 2030: 43/44 anni e 4 mesi.

 


[1] L. 233/1990.

[2] Circ. Inps n. 57/2015.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
1 Apr 2016 Carmela Palma

Vi ringrazio e spero potete rispondere al mio quesito, il sono una dipendente degli ospedali riuniti di Foggia (Puglia) , ho cominciato a lavorare il 01/12/1979, ho riscattato tre anni di corso per infermiere. Quando posso andare in pensione, nel 2018 secondo i miei calcoli ma da che mese?
Distinti saluti