Omesso versamento del mantenimento all’ex coniuge: si va in carcere?
Lo sai che?
17 Mar 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Omesso versamento del mantenimento all’ex coniuge: si va in carcere?

Al coniuge che non paga il mantenimento disposto in sede civile facendo mancare i mezzi di sussistenza per i figli non può essere irrogata la sola sanzione della multa anche se ha patteggiato ma è necessario applicare la pena detentiva.

 

Non basta chiedere il patteggiamento, all’ex coniuge accusato di non aver versato il mantenimento all’ex, per evitare il carcere: tutte le volte che questi, con il proprio inadempimento, faccia mancare al beneficiario dell’assegno i mezzi di cui vivere è soggetto alla pena detentiva e non alla semplice multa. È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente sentenza [1].

 

Secondo la Corte, una cosa è omettere di versare l’assegno di mantenimento stabilito dal giudice in sede di separazione (ipotesi meno grave) e un’altra (molto più grave) è l’ipotesi in cui, da tale omissione sia derivata la mancanza dei mezzi di sussistenza per i figli minori e/o all’ex moglie (o marito). In tale ultimo caso non si può applicare la semplice multa, ma la sanzione più grave del carcere.

 

Il delitto di aver fatto mancare i mezzi di sussistenza ai beneficiari dell’assegno ricomprende e ingloba il meno grave illecito penale dell’omissione del versamento dell’assegno di mantenimento stabilito in sede di separazione. Quest’ultima violazione – e solo quest’ultima – è certamente punita con un trattamento sanzionatorio più severo quale appunto la pena detentiva.


[1] Cass. sent. n. 7764/2016.

 

Autore immagine 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti