La nuova rottamazione delle cartelle di Equitalia
Breaking News
18 Mar 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

La nuova rottamazione delle cartelle di Equitalia

La sanatoria per chi non ce la fa a pagare il debito con Equitalia: possibile il saldo e stralcio.

 

Arriva la tanto attesa rottamazione delle cartelle di pagamento notificate da Equitalia: misura di cui si parla già da diversi anni, ma mai portata a compimento. È stato infatti presentato in Senato il Ddl per la cancellazione definitiva dei ruoli recapitati, da Equitalia, a cittadini e imprese in difficoltà economica per recuperare tasse e contributi.

Viene, in pratica, previsto un meccanismo per la definizione agevolata dei debiti di quei contribuenti impossibilitati a pagare tutto il debito accumulato con il fisco. Il testo, preparato grazie anche al supporto del Movimento oppressi dal Fisco (Mof), prevede che sia Equitalia a proporre ai cittadini in difficoltà di definire “a saldo e stralcio” la propria posizione debitoria.

 

Il cittadino dovrà comunicare l’accettazione della proposta e procedere al pagamento:

 

– per importi inferiori a 50mila euro: in 8 rate trimestrali (ossia in 2 anni);

– per debiti dovuti oltre quota 50mila euro: in 12 rate trimestrali (ossia in 3 anni).

 

Il richiamo nel testo a “tasse e contributi” lascia pensare a una ampia applicazione della normativa, escludendo probabilmente solo le multe stradali.

 

Il saldo e stralcio, ossia la transazione con il creditore, è un istituto che non trova applicazione nell’ambito dei rapporti con lo Stato e, in particolare, con l’Agente della riscossione, atteso il principio di pari trattamento di tutti i cittadini e l’impossibilità, quindi, di definire ipotesi di trattativa personalizzate con ciascuno di essi. Una forma di saldo e stralcio l’ha introdotta la cosiddetta legge “salva suicidi” sul sovrindebitamento, dando la possibilità, al debitore impossibilitato a corrispondere gli importi richiesti, di ricorrere al giudice per ottenere un taglio dell’importo dovuto a Equitalia (in questo, da apripista ha fatto una importante sentenza del Tribunale di Busto Arsizio).

 

Per maggiori informazioni sulla rottamazione delle cartelle di Equitalia leggi la nostra guida.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
18 Mar 2016 Nocito Vincenzo

Io ho una cartella riguardante il 2001/2002 devo pagarla?

 
18 Mar 2016 sorrentino giuseppe

Vorrei sapere di quanto puo’DIMINUIRE il debito iniziale

 
25 Ott 2016 Eduardo Bossi

E’ tutta una fregatura!
Si parla di capitale inziale, ma se io non li avevo allora, dove dovrei prenderli adesso! dopo che grazie a loro con fermi amministrativi, blocco dei c/c e DURC negativo, non abbiamo piu’ potuto lavorare….
non aderirà nessuno.
Renzi se hai bisogno di soldi, vai a lavorare.