Posso prendere un giorno di malattia se ho bisogno di riposare?
Lo sai che?
20 Mar 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Posso prendere un giorno di malattia se ho bisogno di riposare?

Assenze per malattia, permessi e riposi: in quali circostanze il lavoratore può richiederli?

 

Si può chiedere un’assenza per malattia? Durante certe giornate capita a tutti di sentirsi stressati e molto stanchi, al punto da avere difficoltà a recarsi al lavoro. In questi casi la possibilità di chiedere un’assenza per malattia dipende solo dal tuo medico curante e dall’esame che questi farà del tuo stato, valutando se la stanchezza dipenda o meno da una patologia.

 

 

Come chiedere un’assenza per malattia

L’assenza per malattia, difatti, deve essere giustificata da un certificato medico. Devi in primo luogo recarti dal tuo medico curante, che verificherà se il tuo malessere è dovuto ad una patologia. In caso positivo, ti darà uno o più giorni di riposo e ti prescriverà le necessarie cure, a seconda del tipo e della gravità della malattia in corso.

Il medico trasmetterà telematicamente il certificato all’Inps, al quale verrà assegnato un numero di protocollo.

Dovrai allora informare il tuo datore di lavoro ed inviare, se gli accordi lo prevedono, o dietro sua richiesta, il protocollo del certificato medico: l’azienda potrà vedere l’attestazione medica (cioè la certificazione senza diagnosi) direttamente dal sito dell’Inps. Per qualsiasi problema o malfunzionamento dei sistemi di trasmissione telematici, dovrà essere inviata una raccomandata all’Inps ed al datore di lavoro, entro 2 giorni dal verificarsi della malattia.

 

 

La visita fiscale

A questo punto, dovrai aspettarti l’arrivo del medico dell’Inps, che controllerà l’effettiva sussistenza della malattia e ne confermerà o meno la prognosi (cioè i giorni di cura assegnati dal medico curante).

Le fasce orarie nelle quali può arrivare la visita fiscale sono:

 

– dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19 per i lavoratori del settore privato;

– dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 per i dipendenti pubblici.

 

Tieni presente che il medico fiscale può passare sin dal primo giorno di malattia, compresi i sabati, le domeniche ed i giorni festivi.

Non esiste obbligo di reperibilità, invece, se hai una malattia per la quale rischi la vita o una infermità per causa di servizio, in caso d’infortunio sul lavoro, gravidanza a rischio, patologie collegate all’invalidità attestata e, naturalmente, ricovero ospedaliero.

Se il medico fiscale riscontra l’inesistenza della malattia, o non ti trova in casa durante le fasce di reperibilità senza giustificazione, perderai il 100% della retribuzione per i primi 10 giorni di assenza ed il 50% per le giornate successive. Per approfondimenti, vedi: Inps, malattia e visita fiscale, le nuove regole.

 

 

Ferie e permessi retribuiti

Se il medico non riscontra nessuna malattia, non devi dimenticarti che per legge hai diritto a 4 settimane di ferie l’anno (che maturano in ragione di 2,17 giorni al mese): le ferie sono assenze retribuite che esistono proprio per garantire al lavoratore il recupero delle energie psicofisiche. Il datore di lavoro deve concederti, durante l’anno di maturazione delle ferie, almeno 2 settimane di vacanza, possibilmente consecutive. Il diritto alle ferie è irrinunciabile e non è monetizzabile: questo vuol dire che il datore di lavoro non può farti rinunciare alle ferie in cambio di un’indennità sostitutiva (le ferie non godute sono indennizzabili solo se il rapporto di lavoro è terminato).

 

I contratti collettivi possono concedere ferie ulteriori oltre alle 4 settimane previste per legge; inoltre, possono concedere dei permessi retribuiti. Alcuni sono detti permessi ex festività, in quanto concessi in cambio delle vecchie festività soppresse, altri R.O.L., riduzione orario di lavoro.

 

Gli accordi collettivi possono anche prevedere ulteriori assenze, retribuite o non retribuite, per motivi personali.

 

Dunque, se hai bisogno di assentarti, per prima cosa domanda al datore di lavoro di concederti delle ferie o dei permessi retribuiti che ti spettano. Se non hai ferie o permessi a disposizione, valuta la possibilità di fruire di aspettativa o permessi non retribuiti per motivi personali. Per approfondimenti, vedi: Aspettativa dal lavoro, tutti i casi che la giustificano.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti