Fondi europei per i professionisti, arrivano i nuovi bandi
Bandi-Concorsi
21 Mar 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Fondi europei per i professionisti, arrivano i nuovi bandi

Microcredito, contributi per il personale, la formazione e l’acquisto di attrezzatura: nuovi bandi regionali finanziati dal Fondo sociale europeo.

 

L’accesso ai bandi pubblici per i professionisti inizia a diventare realtà: sono difatti in arrivo diverse misure di finanziamento, da parte delle Regioni, aperte anche alla categoria dei lavoratori autonomi e non solo alle imprese, come previsto dalla Legge di Stabilità 2016.

Sinora, nel dettaglio, sono nove le Regioni per le quali i bandi allo studio, finanziati dal Fse (Fondo sociale europeo) e dal Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale), non sono più volti alle sole aziende, ma anche ai liberi professionisti.

Si parla di una platea potenziale di 3,2 milioni di persone, tra professionisti e lavoratori autonomi, per un totale di 51,1 miliardi di euro di risorse (di cui 31,1 finanziati dall’Europa e 20 miliardi finanziati dall’Italia).

 

 

Fondi per i professionisti: che cosa si può finanziare

I finanziamenti sono aperti a molteplici possibilità:

 

– acquisto di nuove attrezzature per lo studio;

– aiuti per inserire praticanti in studio e per i tirocini;

– incentivi per il coworking;

-agevolazioni per frequentare corsi di formazione;

– sostegno all’attività, anche tramite misure di microcredito.

 

I bandi previsti dalle singole Regioni offrono strumenti e finanziano obiettivi differenti, inoltre procedono con tempistiche diverse: per individuare una linea comune di intervento, il 23 marzo si terrà a Roma una riunione della commissione Affari europei della Conferenza delle Regioni.

Per migliorare il coordinamento, tra l’altro, sarà costituita l’Agenzia dei professionisti per l’Europa, in collaborazione con l’Adepp.

Vediamo, nel dettaglio, che cosa prevedono i primi bandi pubblici regionali in corso di programmazione.

 

 

Puglia

La Puglia, grazie al Fondo sociale europeo, ha previsto il bando Nidi (nuove iniziative d’impresa), che prevede la possibilità di erogare agevolazioni a fondo perduto anche ai professionisti ed ai lavoratori autonomi. I finanziamenti, però, non potranno essere erogati ai singoli, ma questi, per ricevere i fondi, dovranno costituirsi in forma di associazione (senza l’obbligo di registrazione alla Camera di Commercio) o società.

Inoltre, sono previsti, con il bando Microprestito, ugualmente sostenuto dal Fondo sociale europeo, finanziamenti agevolati da 5.000 a 25.000 euro per microimprese e professionisti, in forma singola o associata.

 

 

Lombardia

La Lombardia, per i professionisti, prevede ben due nuovi bandi, per un totale di 58,5 milioni di euro di risorse disponibili.

Il primo bando offre controgaranzie per facilitare l’accesso al credito, con i Confidi: le risorse stanziate sono pari a 28 milioni di euro.

Il secondo bando prevede dei contributi per l’avvio di nuove attività: sarà accessibile non solo alle imprese, ma anche a singoli professionisti e società tra professionisti. La dotazione complessiva è pari a 30 milioni di euro.

 

Marche

Anche i bandi delle Marche saranno aperti ai professionisti: attualmente sono in dirittura d’arrivo degli avvisi che finanzieranno investimenti in attrezzature informatiche o in efficienza energetica.

Inoltre saranno rivolti ai singoli professionisti i prossimi finanziamenti ai tirocini e alla formazione.

 

 

Emilia Romagna

L’Emilia Romagna prevede già da tempo l’accesso, per professionisti e partite Iva, a diverse misure agevolative sulla formazione e la specializzazione. Due recenti finanziamenti pubblici hanno riguardato 7 percorsi di alta formazione e 22 di specializzazione per professionisti dell’industria cinematografica e audiovisiva. Un altro recente bando ha offerto dei contributi per il settore dello spettacolo.

 

 

Piemonte

Anche in Piemonte i lavoratori autonomi sono stati equiparati agli imprenditori già da tempo (a partire dal 2009) grazie alle leggi regionali. La programmazione del Fondo sociale europeo 2014-2020 prevede diverse agevolazioni dedicate a professionisti e ai lavoratori autonomi: tra queste misure, una delle più importanti è il nuovo bando sui “Percorsi integrati per la creazione di impresa”, che sarà pubblicato entro la fine dell’anno ed esteso a liberi professionisti e partite Iva.

La Regione offrirà, tra le varie misure, un servizio di aiuto per l’avvio delle nuove attività, con sportelli aperti nel territorio.

 

 

Friuli Venezia Giulia

Il Friuli ha avviato già da qualche anno iniziative rivolte ai professionisti, anche se dedicate a chi esercita l’attività in forma associata o societaria. I finanziamenti sono volti sia agli iscritti agli ordini che ai non iscritti; inoltre, per autonomi e professionisti, sono presenti agevolazioni fiscali a livello regionale.

Attualmente sono allo studio, ma non ancora completate, alcune misure agevolative che equipareranno i liberi professionisti alle Pmi nell’accesso ai fondi europei.

 

 

Lazio

Anche il Lazio non è totalmente nuovo a forme di finanziamento per i singoli professionisti: nel marzo 2015, difatti, sono stati finanziati 91 progetti di formazione continua per 1.139 lavoratori. Con le stesse finalità e le stesse caratteristiche sarà pubblicato entro aprile un nuovo bando.

 

 

Sardegna

In Sardegna sono state approvate 4 delibere regionali, che destineranno le risorse del Fondo europeo di sviluppo regionale ai seguenti progetti: sostegno agli investimenti materiali e immateriali, servizi di consulenza e formazione, aiuti per avviare l’attività e per le imprese o gli studi innovativi. Si tratterà di finanziamenti al 50%, ciascuno dei quali includerà i professionisti.

Il primo bando, che prevede contributi totali per 32 milioni di euro, riguarderà il territorio del Sulcis.

 

 

Toscana

La Toscana, che già con la vecchia programmazione aveva finanziato delle misure a favore dei lavoratori autonomi, con la nuova programmazione europea 2014-2020 prevede di contribuire alle seguenti attività: coworking, incentivi per l’occupazione, interventi a sostegno della formazione continua, interventi agevolativi per il passaggio generazionale.

 

 

Veneto

Il Veneto finanzia, grazie al Fondo sociale europeo, progetti rivolti a gruppi di imprese e di professionisti: gli investimenti devono essere finalizzati a sviluppare competenze in green e blu economy, strategie di promozione e internazionalizzazione. Inoltre è stato recentemente attivato un bando che finanzia la formazione continua, nel quale i professionisti possono partecipare come partner aziendali.

 

 

Fondi europei: professionisti in competizione con le imprese

In tutti questi casi, i bandi non saranno dedicati alla sola categoria dei professionisti e dei lavoratori autonomi, ma saranno aperti anche alle Pmi. È dunque indispensabile, per ottenere i fondi, che i professionisti acquistino dimestichezza nella progettazione, perché possano competere “ad armi pari” con le imprese; inoltre, è importante che riescano ad ottenere risorse proprie, in quanto la maggior parte delle misure di sostegno prevede un cofinanziamento da parte del richiedente.

Allo scopo, la Cassa Forense si sta già muovendo: presto saranno organizzati dei corsi in europrogettazione , per offrire agli avvocati iscritti competenze specifiche su questi temi.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
22 Mar 2016 Angelo Scerpa

Rifininanziamento attività

 
22 Mar 2016 f.melillo

… e la Campania?

 
23 Mar 2016 aniello senese

… e la Campania?

 
23 Mar 2016 emanuela Butera

Buonasera e per la Sicilia?

 
13 Mag 2016 stefano fonsato

Buonasera, nell’ articolo non si specifica a chi bisogna rivolgersi e le modalità per richiedere i fondi, oppure per questo bisogna rivolgersi ad un consulente. Grazie per la risposta.

 
30 Giu 2016 Donato Quattrocchi

E per il Trentino ??