Congedo retribuito legge 104, nuovi importi 2016
Lo sai che?
22 Mar 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Congedo retribuito legge 104, nuovi importi 2016

Congedo straordinario retribuito per l’assistenza di familiari disabili, l’Inps comunica le indennità ed i contributi figurativi massimi 2016.

 

Sono stati recentemente aggiornati dall’Inps gli importi massimi delle indennità e dei contributi figurativi per i lavoratori che fruiscono del congedo straordinario [1]. Ricordiamo che tale congedo, noto anche come congedo Legge 104 o aspettativa retribuita, spetta ai dipendenti che assistono familiari disabili (in possesso di handicap in situazione di gravità), per un massimo di 2 anni nell’arco della vita lavorativa.

 

 

Congedo retribuito legge 104: come si calcola l’indennità

Durante il periodo di congedo il richiedente ha diritto ad un’indennità economica a carico dell’Inps, che viene anticipata dal datore di lavoro e recuperata con conguaglio contributivo (in pratica l’importo anticipato è scalato dai contributi, come avviene per malattia e maternità). In alcuni casi particolari il trattamento può essere pagato direttamente dall’Inps.

L’indennità è pari alla retribuzione percepita nell’ultimo mese di lavoro che precede il congedo ad esclusione delle voci che non risultano fisse e continuative.

La prestazione deve essere corrisposta in misura giornaliera, per tutti i giorni di durata del congedo, in quanto questo può essere fruito in maniera frazionata (a giorni).

Le giornate festive, i sabati e le domeniche sono contati come periodo di congedo, a meno che non ci sia l’effettiva ripresa del lavoro tra un periodo e l’altro. Lo stesso vale anche nel caso in cui il congedo straordinario sia intervallato da un periodo di ferie o da un altro tipo di aspettativa: in questo caso, però, sono computati nel congedo i giorni festivi e i sabati (se non lavorativi) che cadono subito prima o subito dopo le ferie o gli altri congedi o permessi.

Durante il congedo il lavoratore matura i contributi figurativi, mentre non matura ferie, tredicesima e mensilità aggiuntive e Tfr.

 

 

Congedo retribuito legge 104: ammontare dell’indennità e dei contributi figurativi

Il beneficio economico, che originariamente era stabilito dalla normativa nella misura di 70 milioni di lire, è rivalutato annualmente. Per il 2016, i limiti degli importi accreditabili sono:

 

97,47 euro, per l’indennità giornaliera e per la retribuzione figurativa massima giornaliera (per l’accredito dei contributi);

686,03 euro, per la retribuzione figurativa massima settimanale;

35.674 euro, per l’indennità annua e per la retribuzione figurativa massima annua;

47.445,82 euro, quale importo complessivo annuo.

 

 

Congedo retribuito legge 104: indennità e part time

Se il lavoratore ha un contratto a tempo parziale, l’indennità deve essere calcolata nel modo seguente:

 

– per il part time verticale, la retribuzione del mese va divisa per il numero dei giorni retribuiti, compresi quelli festivi o di riposo; la retribuzione giornaliera così ottenuta va poi confrontata con il limite massimo giornaliero (quest’anno pari, appunto, a 97,47 euro);

 

– per il part time orizzontale, se durante il congedo il lavoratore passa da tempo pieno a parziale o viceversa, la retribuzione va adeguata a quella che il dipendente avrebbe perso per la fruizione del congedo straordinario.

 

 

Congedo retribuito legge 104: come inviare domanda

La domanda per percepire l’indennità correlata al congedo deve essere inviata all’Inps in via telematica. In particolare, l’istanza può essere inoltrata:

 

– dal sito dell’Inps, sezione Servizi per il cittadino, se si è in possesso del codice pin;

– dal contact center Inps Inail (al numero 803.164); è ugualmente necessario il Pin;

– tramite i servizi telematici dei patronati.

 

La domanda d’indennità deve essere inviata entro un anno, dal giorno successivo alla scadenza del periodo di paga nel corso del quale si è verificata la ripresa dell’attività lavorativa

 


[1] Art. 42 D.lgs 151/2001.

[2] Inps Circ. 171/2011.

[3] Risp. Interpello Min. Lav. n. 25/SEGR/0000095 del 01.06.2006.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti