Alcoltest: senza avviso a farsi assistere dall’avvocato multa nulla
Lo sai che?
23 Mar 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Alcoltest: senza avviso a farsi assistere dall’avvocato multa nulla

Guida in stato di ebbrezza: la polizia deve invitare il conducente, prima di sottoporsi al test dell’etilometro, a chiamare il proprio avvocato di fiducia per farsi assistere durante le operazioni.

 

È illegittima la sentenza di condanna per guida in stato di ebbrezza se, al momento della prova dell’alcol (con il cosiddetto alcoltest), la polizia non ha avvisato il conducente della possibilità di farsi assistere dal proprio avvocato di fiducia. Inoltre, per eccepire tale nullità c’è tempo fino alla deliberazione della sentenza di primo grado.

A chiarirlo è una recente sentenza della Cassazione che ripercorre un indirizzo ormai consolidato negli ultimi anni [1].

 

I giudici supremi ricordano che, se all’imputato non è stato concesso di farsi assistere dal proprio avvocato durante l’accertamento alcolemico, non si può applicare la sanzione penale, anche se c’è l’aggravante dell’aver provocato un incidente.

 

Vince il ricorso un automobilista multato duramente per aver bevuto troppo e aver così causato un sinistro stradale: senonché il test era stato effettuato contro la sua volontà e senza che egli fosse mai stato avvisato dell’opportunità di far presenziare un avvocato alle operazioni.

 

Sulla prima eccezione (mancanza del consenso all’etilometro), l’uomo non ha avuto la meglio. Come infatti già ricordato dalla stessa Cassazione in precedenza [2] è pienamente legittima la norma del codice della strada che, nell’indicare le modalità di accertamento per rilevare l’ebbrezza, non prevede alcun preventivo consenso dell’interessato al prelievo.

 

Opposta la conclusione per la seconda difesa del conducente, quella relativa alla violazione del diritto di difesa. Come già aveva detto la Cassazione a Sezioni Unite, il codice di procedura penale [3] offre massima garanzia a chi si sottopone a una “prova irripetibile” come è appunto l’alcoltest: essa va fatta previo avviso della possibilità di far presenziare il difensore di fiducia. L’omesso avviso, da parte della polizia, comporta la nullità della prova stessa, nullità che può essere dedotta fino alla deliberazione della sentenza di primo grado.


[1] Cass. sent. n. 12244/2016.

[2] Cass. sent. n. 238/1996.

[3] Artt. 180 e 182 cod. proc. pen.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti