Autocertificazione per non pagare il canone Rai: termini e casi
Lo sai che?
28 Mar 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Autocertificazione per non pagare il canone Rai: termini e casi

Autocertificazione sul Canone Rai in bolletta per i contribuenti che non posseggono la tv, o che hanno presentato la richiesta di suggellamento o che appartengono a una famiglia in cui già un membro sta pagando: i tre casi in cui occorre inviare la comunicazione al fisco.

 

Scade il 30 aprile, per chi vorrà valersi della raccomandata tradizionale, e il 10 maggio, per chi invece preferisce la modalità telematica, il termine per l’invio dell’autocertificazione per non pagare il canone Rai. Autocertificazione che andrà inviata all’Agenzia delle Entrate secondo le istruzioni e il modello scaricabili qui “Come inviare l’autocertificazione di non possesso TV”.

 

 

Chi dovrà inviare l’autocertificazione?

Saranno tenuti a inviare l’autocertificazione – a meno che non vogliano pagare il canone Rai – i seguenti soggetti:

 

– coloro che non posseggono (o meglio, non detengono) una televisione;

 

– coloro che, negli anni passati, hanno presentato la richiesta di disdetta dell’abbonamento per suggellamento e, da allora, non abbiano acquistato un nuovo apparecchio televisivo.

 

– coloro che, pur avendo intestato un contratto della luce su un’utenza residenziale, appartengono a un nucleo familiare in cui un membro sta già pagando il canone Rai sulla propria bolletta elettrica. Per esempio è il caso in cui il marito e la moglie siano intestatari di due utenze della luce per due immobili diversi: per evitare che su entrambe le bollette venga addebitato l’abbonamento tv uno dei due dovrà inviare l’autocertificazione in commento;

 

– coloro che sono residenti all’estero e hanno una casa in Italia senza televisore.

 

L’autocertificazione può essere presentata:

  • direttamente dal contribuente o dall’erede mediante invio di raccomandata a.r. spedita a Agenzia delle entrate – Ufficio Torino 1 – Sportello abbonamenti TV – Casella postale 22 – 10121 Torino;
  • direttamente dal contribuente mediante una specifica applicazione web disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel rilasciate dall’Agenzia delle entrate;
  • tramite invio telematico a mezzo degli intermediari abilitati.

 

Per l’anno 2016, l’invio deve essere curato entro il 30 aprile se effettuato con raccomandata a.r., ed entro il 10 maggio per gli invii telematici.

Invece, perché possa avere valore per il 2017, l’autocertificazione va inviata tra il 1° luglio 2016 e il 31 gennaio 2017.

 

Non potranno autocertificare niente, e quindi dovranno pagare il canone, tutti coloro che usano l’apparecchio televisivo solo come monitor per il computer, per vedere i DVD o anche se non guardano mai i canali della Rai, perché il principio dietro l’imposta è la detenzione di un apparecchio atto alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive.

 

 

Che succede se non si invia l’autocertificazione?

Chi, trovandosi in una delle tre condizioni appena elencate, dimentichi di inviare l’autocertificazione o lo ignori del tutto, troverà la bolletta addizionata con il canone Rai. Se deciderà arbitrariamente di pagare solo la parte della bolletta relativa alla fornitura della luce e non quella relativa al canone Rai, si esporrà al rischio di un accertamento fiscale. In quella sede, non potrà opporre, all’Agenzia delle Entrate, il pagamento comunque effettuato da un altro membro della famiglia (ipotesi n. 3) o le prove di non detenzione della tv (ipotesi n. 1 e n. 2): infatti, i termini per l’invio dell’autocertificazione sono perentori e il mancato rispetto non consente “sanatorie” in extremis, anche in presenza della prova certa di non debenza del canone. Insomma, bisognerà pagare comunque.

 

 

Presentazione del modello

Il modello è disponibile qui. Come detto, la presentazione dell’autocertificazione deve avvenire telematicamente tramite applicazione web disponibile sul sito internet dell’agenzia delle Entrate, usando le credenziali Fisconline o Entratel. La modalità di presentazione cartacea è consentita solo se non è possibile la trasmissione online. In questo caso, il modello, insieme a una copia di un valido documento di identità del dichiarante, deve essere inviato a mezzo servizio postale in plico raccomandato senza busta (fogli piegati in tre e spillati) all’indirizzo Agenzia delle Entrate, ufficio di Torino 1, S.A.T. – sportello abbonamenti TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino. Il modello si considera presentato nella data di spedizione che risulta dal timbro postale.

 

La presentazione telematica può essere fatta direttamente dal contribuente (o erede) oppure tramite intermediario abilitato, il quale dovrà consegnare al dichiarante una copia della ricevuta rilasciata dall’agenzia delle Entrate e conservare l’originale della dichiarazione sostitutiva sottoscritta dal dichiarante insieme alla copia del documento di identità del dichiarante stesso e alla delega alla presentazione. La dichiarazione si considera presentata nella data che risulta dalla ricevuta rilasciata in via telematica dalle Entrate. Le dichiarazioni sostitutive cartacee presentate prima della pubblicazione del modulo si considerano comunque valide, a condizione che siano state rese a norma dell’articolo 47 del Dpr 445 del 2000 e contengano tutti gli elementi chiesti dal modello per la dichiarazione resa.

 

 

Termini di presentazione

Per il 2016, la dichiarazione sostitutiva, inviata con raccomandata, va spedita dal 1° gennaio al 30 aprile 2016, e in via telematica fino al 10 maggio 2016; essa ha effetto per l’intero canone dovuto per il 2016. La dichiarazione tramite servizio postale dal 1° maggio 2016 ed entro il 30 giugno 2016, e in via telematica dall’11 maggio 2016 al 30 giugno 2016, ha effetto per il canone dovuto per il secondo semestre solare del 2016. La dichiarazione presentata dal 1° luglio 2016 ed entro il 31 gennaio 2017 ha effetto per l’intero canone del 2017.

 

 

Termini di presentazione dal 2017 in poi

Per gli anni successivi, la dichiarazione sostitutiva presentata entro il 31 gennaio dell’anno di riferimento, a partire dal 1° luglio dell’anno precedente, ha effetto per l’intero canone dovuto per l’anno solare di riferimento. La stessa dichiarazione, presentata dal 1° febbraio ed entro il 30 giugno dell’anno solare di riferimento, ha effetto per il canone dovuto per il semestre solare successivo a quello di presentazione.

 

 

A chi spetta l’esenzione per il canone RAI

I soggetti esenti dal pagamento sono: tutti coloro che hanno un’età pari o superiore ai 75 anni con un reddito annuale fino a 8 mila euro per il 2016, 2017 e 2018, i militari delle Forze armate italiane e gli agenti diplomatici e consolari accreditati sul suolo italiano.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
 
Commenti
28 Mar 2016 Antonella Borciu

Buonasera, so che per un reddito minimo non si paga il canone Rai, sapreste dirmi tale reddito e a chi rivolgermi per presentarlo? Grazie.

 
30 Mar 2016 Maria Fonti

Se si manda il modulo di autocertificazione (entro gennaio 2017) e si compra il televisore successivamente (marzo 2017) come ci si comporta?

 
31 Mar 2016 Rocco

Ma il canone arriva solo su utenze di energia elettrica per uso domestico o anche sulle utenze industriali?
Grazie.

 
Redazione
31 Mar 2016 Redazione

@Rocco: solo utenze per uso domestico.

 
10 Apr 2016 silvana di biase

salve ho una casa residenziale non abitata come dimostrano le bollette elettriche senza consumo come posso non pagare il canone??

 
16 Apr 2016 cilona alfredo

bisogna fare some skai ki vuole vedere paga e tanto semplice fare come premium pagare la rai x vedere le solite cazzate devono cambiare sistema le persone devono avere il coraggio di non pagare nessuno solo renzi deve pagare e un buona a nulla

 
2 Mag 2016 nennè

.. miscuso ma nella pubblicità passa il messaggio di 3diverse possibilità di esenzione: gli anni, la non detenzione di apparecchio televisivo ed ilreddito inferiore a 6.700 € , ma nel sito dell’agenzia delle entrate edanche in questo sito, nnsenparla.. ma l’esenzione per ilsolo reddito esiste o è pura propaganda?? ringrazio anticipatamente chiunque voglia rispondere