Ricette mediche: le novità con il decreto Lorenzin
Breaking News
28 Mar 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Ricette mediche: le novità con il decreto Lorenzin

I medici potranno prescrivere se necessario più esami e analisi con una sola ricetta, quando valuteranno che sia necessario.

 

Non sono passati neanche tre mesi dalla sua emanazione che già il “decreto sull’appropriatezza” che ha portato il taglio a ben 203 prestazioni sanitarie (leggi “Esclusione Ticket, per 203 prestazioni fuori tutela”) subisce una brusca frenata: il Ministro della Salute, Lorenzin, ha infatti anticipato il contenuto del nuovo provvedimento che cancella il taglio di prestazioni a malati oncologici, cronici e disabili; prevede la possibilità di prescrivere più esami e test in una sola ricetta, dunque senza più il rischio di maxi ticket; elimina le maxi sanzioni ai medici che subiranno anche meno burocrazia.

Un regalo di pasqua per decine di migliaia di malati che, con la riforma, hanno assistito al cambio di testimone da un’epoca in cui potevano far affidamento sulla gratuità delle prestazioni ad una in cui diventa invece necessario, per numerosi esami medici, mettere mano al portafogli.

 

La circolare che attenua le spigolosità del decreto “sull’appropriatezza” è stata appena inviata alle Regioni, e diffusa ieri. In particolare viene lasciato ai medici il “potere” che deriva loro dalla sacralità del motto-dovere “scienza e coscienza” che per i dottori è uno scudo da non mettere mai in discussione. Poi si raccoglieranno dati, problemi e idee, e intorno a un tavolo si riscriveranno le regole con Regioni e medici.

 

Davanti al caos e alle proteste dei pazienti il Ministero ha avuto quanto meno il merito di riconoscere le incertezze applicative e tecniche, la babele burocratica, i disagi dei pazienti, i rischi di pagare una raffica di ticket in più. Si torna indietro? Non su tutto, forse. Ma certamente il decreto sull’appropriatezza verrà affinato con l’intento, comunque, di cancellare gli sprechi.

 

 

Le novità

I medici potranno prescrivere se necessario più esami e analisi con una sola ricetta, quando valuteranno che sia necessario. Non avranno l’obbligo di indicare il “codice nota” sulla limitazione prescrittiva ma basterà loro scrivere il quesito diagnostico.

 

I pazienti oncologici, cronici o disabili saranno esentati dall’applicazione del taglia-prestazioni.

Tra le prime prestazioni per le quali la circolare chiarisce le condizioni di erogabilità ci sono quelle ad esempio che riguardano il colesterolo, le Rmn, le indagini allergologiche, il rischio cardiovascolare.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti
6 Ago 2016 Leonardo Pennisi

Non ci sono parole per definire questo infamante sistema sanitario. Vedete io ho una teoria ed una cultura tipicamente e spiritualmente orientale, basata sulla cognizione della vita molto trasuente e pertanto tanto passeggera che paragonata nello spazio tempo è un batter di ciglia. Nonostante ciò l’uomo si ostina a cercare il potere in questo mondo transuente. L’igmoranza di questi uomini che detengono il potere non si rendono conto del male inflitto all’umanità per pochi anni di vita. Tutto questo potrebbe avere un senso se questa vita fosse immortale. Arrecare danno ed infliggere sofferenze agli altri in questo mondo non ha nessun senso L’ignoranza di questi uomini di potere è patetico per certi versi tale ignoranza è peggiore del cancro il quale dopo la morte cessa ma il potere distruttivo di questi esseri è paragonabile alla distruzione di mille guerre nucleari. In un modo così vago si dovrebbe pensare a renderlo degno di viverlo arrecando bene. Questo bene è stato il privilegio di grandi figure altamente spirituali che conoscevano il bene e lo facevano. E’ inutile menzionare i nomi di questi santi saggi ipocritamente venerati. Cercate di crescere Uomi di potere, siete soltanto dei bambini che giocano con giocattoli pericolosi essi un giorno potranno avere l’effetto Boomerang e non potreste più scampare alla sua azione di causa ed effetto.