Il mantenimento resta anche se l’ex coniuge è invalido
Lo sai che?
1 Apr 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Il mantenimento resta anche se l’ex coniuge è invalido

La salute precaria e la presenza di un assegno di invalidità non riducono il mantenimento a favore della ex moglie se le condizioni dell’uomo non sono incompatibili con il prosieguo dell’attività lavorativa.

 

Separazione e divorzio: solo una riduzione della capacità lavorativa, e quindi dello stipendio, può determinare una diminuzione dell’assegno di mantenimento in favore dell’ex coniuge. Pertanto, resta soggetto a versare la somma mensile all’ex coniuge anche chi è stato dichiarato invalido e percepisce il relativo assegno dall’Inps. A chiarirlo è la Cassazione in una sentenza di ieri [1].

 

Non è la presenza di un assegno di invalidità a giustificare il taglio al mantenimento se ciò non preclude la normale attività lavorativa al coniuge onerato; del resto l’assegno di invalidità può essere attribuito anche a chi continua a lavorare. Peraltro, se il soggetto invalido dispone comunque di un reddito cospicuo costituito da un conto in banca e/o da una seconda casa (dalla quale percepisce l’affitto), detta condizione di malattia non influisce affatto sulle sue possibilità economiche di mantenimento dell’ex. Ed è alla sostanza e non alla forma che si deve guardare quando il tribunale fa la comparazione tra le disponibilità reddituali dei due ex coniugi ai fini del calcolo dell’assegno di mantenimento.

 

Il giudice, allora, nel ridurre la somma da versare al precedente consorte, deve valutare solo la sproporzione delle risorse economiche. A prescindere da tutto il resto.


La sentenza

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza 18 gennaio – 31 marzo 2016, n. 6252
Presidente/Relatore Dogliotti

Fatto e diritto

In un procedimento di separazione personale tra M.R. M.C. e S.S., la Corte d’appello di Roma, con sentenza in data 4/6/2013, determinava in curo 600,00 anzichè 900,00 l’importo dell’assegno di mantenimento , a carico del marito, ulteriormente da ridursi ad euro 400,00 dal 1° novembre 2012 .
Ricorre per cassazione la moglie.
Resiste con controricorso il marito, che pure deposita memoria difensiva,
Va preliminarmente osservato che il ricorso non è inammissibile, in quanto la sentenza impugnata è stata pubblicata in data successiva alla abrogazione dell’art. 366 bis c.p.c., e dunque non erano più richiesti i quesiti di diritto da tale norma previsti, come afferma erroneamente il controricorrente nella sua memoria.
Vanno evidenziati alcuni errori in cui è incorso il giudice a quo.
Precisa la ricorrente che le condizioni di salute del marito non gli precludono l’attività lavorativa, mentre l’assegno di invalidità può essere attribuito anche a chi continua a lavorare. Del resto è lo stesso giudice a quo a precisare che le condizioni dello S. non sono affatto modeste; disponendo egli di un conto corrente

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 8252/2016 del 31.03.2016.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti