HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 3 aprile 2016

Articolo di

Lo sai che? Mansioni superiori: diritto a promozione e retribuzione maggiore

> Lo sai che? Pubblicato il 3 aprile 2016

Il lavoratore che abbia svolto mansioni superiori in concreto ed in via continuativa ha diritto al riconoscimento della qualifica superiore ed al relativo trattamento (promozione automatica).

Il dipendente adibito dall’azienda a mansioni superiori rispetto a quelle per le quali è stato assunto ha diritto ad essere inquadrato nella categoria corrispondente al lavoro effettivamente svolto e al conseguente aumento della retribuzione.

Se il datore di lavoro non vuol riconoscere lo “scatto di carriera”, il lavoratore può adire le vie legali, intraprendendo una causa contro l’azienda per ottenere in giudizio il riconoscimento della qualifica (o del livello) superiore e il pagamento delle relative differenze retributive. A tal fine è necessario che nella domanda egli specifichi le mansioni effettivamente svolte e la normativa collettiva applicabile. Non è infatti sufficiente affermare di aver svolto mansioni corrispondenti a qualifica superiore, ma occorre indicare quali siano state di fatto le mansioni espletate, per consentire il giudizio di comparazione. Lo ha chiarito la Cassazione con una recente sentenza [1].

In particolare è necessario verificare due aspetti:

  • le attività lavorative svolte in concreto dal dipendente;
  • le qualifiche e i gradi previsti dallo specifico Ccnl.

A questo punto bisognerà confrontare i due predetti elementi ossia verificare gli aspetti che differenziano il livello superiore richiesto dal dipendente rispetto a quello inferiore di appartenenza, dal punto di vista delle responsabilità del grado autonomia e della discrezionalità. Se, effettivamente, vi è la differenza lamentata allora scatterà il riconoscimento delle mansioni superiori [2].

L’onere della prova relativo alla sussistenza dei requisiti per il riconoscimento della qualifica superiore ricade ovviamente sul lavoratore in quanto soggetto che intraprende la causa (secondo la regola generale stabilita dalla legge).

Il riconoscimento del diritto alla promozione automatica non può prescindere dall’accertamento di fatto dell’attività svolta dal lavoratore, dell’individuazione delle qualifiche previste dalla contrattazione collettiva e del raffronto tra le prime due indagini.

La promozione automatica è sempre esclusa quando avviene in sostituzione di un lavoratore con diritto alla conservazione del posto.

La prescrizione

Il diritto a agire per ottenere la qualifica superiore si prescrive in 10 anni, mentre il diritto ad ottenere le differenze retributive si prescrive in 5 anni (esiste tuttavia una orientamento che nega la configurabilità di un diritto alla qualifica suscettibile, come tale, di prescriversi e riconosce il diritto alle differenze retributive nei limiti della prescrizione quinquennale).

note

[1] Cass. sent. n. 6174/2016 del 30.03.2016.

[2] Il procedimento logico-giuridico diretto alla determinazione dell’inquadramento di un lavoratore subordinato si sviluppa in tre fasi successive, consistenti nell’accertamento in fatto delle attività lavorative in concreto svolte, nell’individuazione delle qualifiche e gradi previsti dal contratto collettivo di categoria e nel confronto tra il risultato della prima indagine ed i testi della normativa contrattuale individuati nella seconda; non si può prescindere da tale procedimento. Pertanto è nulla la sentenza con cui il giudice abbia deciso la causa senza dare esplicitamente conto delle predette fasi.

Autore immagine: 123rf com

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 21 gennaio – 30 marzo 2016, n. 6174
Presidente Macioce – Relatore D’Antonio

Svolgimento del processo

La Corte d’appello di Napoli in riforma della sentenza dei Tribunale di Benevento , ha riconosciuto il diritto di V.D. , dipendente di Poste come geometra di VI categoria , ad essere inquadrato nella categoria di quadro di 2° livello con condanna di Poste a pagare le differenze retributive .
La Corte ha ritenuto infondata la domanda del ricorrente volta ad ottenere l’inquadramento nell’area quadri di I livello caratterizzata dalla gestione di grandi unità produttive e dall’ampia autonomia e discrezionalità.
Ha, invece, ritenuto sussistere le caratteristiche per l’inquadramento nel II livello per il quale tra richiesta una preparazione professionale specializzata, la responsabilità di gestione di unità organizzative di media rilevanza e la facoltà di iniziativa nell’ambito delle direttive gestionali con piena responsabilità per le direttive impartite ed i risultati conseguiti Ha rilevato che il D. era addetto alla progettazione dei lavori degli uffici dell’intera regione ma tali lavori erano dati con incarico del capo reparto e che l’appellante espletava tutta l’opera con visto finale da parte del capo reparto. Ha affermato che l’attività di progettazione ed esecuzione dei lavori veniva svolta in relativa autonomia dall’appellante in quanto vi era sempre un controllo del superiore gerarchico , autonomia che però cessava per i lavori di importo superiore al 300 milioni .
Avverso la sentenza ricorre Poste con un unico articolato motivo , resiste il D.. Motivi della decisione
Poste denuncia violazione degli artt 2103, 1362 cc in riferimento agli artt 37,41,43,46,47 e 53 e dell’accordo integrativo del 23 maggio 1995 al ccnl poste del 1994, vizio di motivazione. Deduce che la Corte non ha seguito il procedimento logico giuridico richiesto dal costante orientamento della Cassazione non avendo raffrontato le specifiche mansioni svolte in concreto dal lavoratore con le declaratorie contrattuali .
Lamenta in particolare che la Corte non ha valutato che le mansioni svolte rientravano pienamente nell’area operativa, non esaminata affatto dalla Corte, alla quale apparteneva ” il personale che svolge attività esecutive e tecniche con conoscenze specifiche , responsabilità personali e di gruppo con contenuti professionali di parziale o media specializzazione . Comprende dipendenti che , impegnati direttamente nel business di base o in attività di supporto svolgono mansioni – a contatto o meno con la clientela – che presuppongono adeguata preparazione professionale con capacità di utilizzazione di strumenti semplici e complessi e che richiedono preparazione tecnico professionale di parziale e media specializzazione e capacità di autonomia operativa nei limiti dei regolamenti di esecuzione “. Osserva che mentre il quadro ha facoltà di iniziativa nell’ambito delle direttive gestionali , favorisce i contributi per il conseguimento degli obiettivi di qualità ed efficienza del servizio , promuove i servizi con piena responsabilità ; l’area operativa possiede capacità di autonomia operativa nei limiti dei regolamenti di esecuzione ; la prima ipotesi riguarda il personale che riceve direttive di massima nell’esecuzione delle quali ha poi piena discrezionalità quanto alle concrete scelte gestionali /operative/strategiche di attuazione ; la seconda riguarda il caso in cui le attività lavorative siano rigidamente predeterminate avendo il dipendente nell’ambito di queste ultime una mera capacità di autonomia operativa ì proprio come il D. il quale operava in un settore le cui attività erano definite a livello centrale e ulteriormente specificate dal superiore gerarchico cui era sottoposto .
Le censure sono fondate
Deve rilevarsi, con riferimento al contenzioso volto al riconoscimento di un inquadramento superiore dei lavoratore , che secondo il costante insegnamento di questa Corte ( cfr., fra le tante Cass.n 7313/1998 20272/2010,8589/2015), il procedimento logico-giuridico diretto alla determinazione dell’inquadramento di un lavoratore subordinato si sviluppa in tre fasi successive, consistenti nell’accertamento in fatto delle attività lavorative in concreto svolte, nell’individuazione delle qualifiche e gradi previsti dal contratto collettivo di categoria e nel raffronto tra il risultato della prima indagine ed i testi della normativa contrattuale individuati nella seconda.
Nella specie la Corte di Napoli , nel pervenire alle sue conclusioni,non ha tenuto,’adeguato conto del suddetto principio secondo il quale non può prescindersi dalle suddette tre fasi successive .
La Corte territoriale , infatti, come censurato dalla ricorrente , ha esaminato solo parzialmente le declaratorie dei CCNL del settore rilevanti ai fini della decisione
La Corte ha limitato il suo esame alla declaratoria di quadro di 2 livello cui aspirava il D. senza invece tenere conto della declaratoria relativa all’inquadramento posseduto dal lavoratore .
Ha pertanto omesso di individuare gli elementi che differenziavano il superiore livello di quadro rivendicato rispetto all’inquadramento nell’area operativa posseduto sotto il profilo delle responsabilità, del grado di autonomia, della discrezionalità .
Poste Italiane ha sottolineato che entrambe le declaratorie prevedevano un certo grado di responsabilità operativa ma , mentre li quadro ha facoltà di iniziativa nell’ambito delle direttive gestionali , favorisce i contributi per il conseguimento degli obiettivi di qualità ed efficienza del servizio , promuove i servizi con piena responsabilità, l’area operativa possiede “capacità di autonomia operativa nei limiti dei regolamenti di esecuzione”. Secondo Poste , dunque nell’inquadramento superiore il personale riceve direttive di massima nell’esecuzione delle quali ha poi piena discrezionalità quanto alle concrete scelte gestionali operative, strategiche di attuazione; nella seconda ipotesi le attività lavorative sono rigidamente predeterminate ed il dipendente gode di mera capacità di autonomia operativa . La Corte territoriale ha esposto , con riferimento alle mansioni di fatto svolte dal D. quale addetto alla progettazione dei lavori negli uffici con incarico dei capo reparto , che ” l’attività di progettazione ed esecuzione dei lavori veniva svolta in relativa autonomia in quanto vi era sempre un controllo del superiore gerarchico , autonomia che però cessava per i lavori di importo superiore ai trecento milioni” .
L’esame delle mansioni di fatto svolte dal lavoratore non risulta rapportato con adeguato approfondimento alle declaratorie contrattuali rilevanti risultando l’indagine incompleta . La sentenza impugnata deve , pertanto, essere cassata e la causa rinviata alla Corte d’appello di Napoli in diversa composizione che provvederà ad un nuovo esame della domanda del lavoratore applicando i principi più volte affermati da questa Corte come sopra riportati . Il giudice di rinvio provvederà anche alla liquidazione delle spese processuali relative al presente giudizio.

P.Q.M.

Accoglier’ il ricorso , cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’appello di Napoli in «diversa composizione anche per le spese dei presente giudizio.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK