Canone Rai: se ho la radio posso inviare l’autocertificazione?
Lo sai che?
4 Apr 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Canone Rai: se ho la radio posso inviare l’autocertificazione?

Cosa significa “apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive”: chi ha la radio per uso familiare non è tenuto a pagare il canone Rai.

 

Ci arrivano richieste di chiarimenti dai nostri lettori in merito al pagamento del Canone Rai per chi detiene, in casa, solo una radio e non un apparecchio televisivo. La confusione sorge dal fatto che, nel modello sull’autocertificazione diffuso dall’Agenzia delle Entrate, alla seconda pagina, in nota n. 2, si precisa che “Per apparecchio TV si intende un apparecchio atto o adattabile alla ricezione delle radioaudizioni”. Anche il Regio decreto del 1938 [1] non risolve il dubbio, riferendosi all’obbligo di pagamento in caso di “apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive”. Ebbene, nel timore di incorrere nelle gravissime sanzioni in caso di falsa dichiarazione all’Agenzia delle Entrate in merito al possesso dell’apparecchio (da 1 a 6 anni di reclusione), qualcuno, giustamente – in uno Stato dove la “postilla” e l’interpretazione “originale” è sempre dietro l’angolo – ha voluto vederci chiaro.

 

La risposta, questo caso, è certa e non dà adito a dubbi: il pagamento del canone Rai è dovuto solo per gli apparecchi televisivi e i monitor muniti di sintonizzatore TV. Dunque, l’imposta non va versata né in caso di possesso delle comuni radio (prive quindi di schermo televisivo), né per i monitor dei pc o per i tablet. A chiarirlo è, peraltro, lo stesso sito della Rai dedicato al canone speciale ove si specifica che “per i canoni ordinari in ambito familiare la detenzione esclusiva di apparecchi radio non comporta il pagamento del canone”. Il contribuente allora potrà inviare annualmente l’autocertificazione all’Agenzia delle Entrate, senza temere di commettere il reato di falso. Ma, nel caso di canone speciale per esercizi commerciali, le cose cambiano radicalmente (v. l’elenco qui sotto).

 

Attenzione a non fare i furbi: chi detiene la televisione e la utilizza solo per sintonizzarsi su frequenze radio (come ormai i nuovi apparecchi consentono) è tenuto ugualmente al pagamento del canone.

 

 

Gli apparecchi che scontano il canone Rai

Pagano il canone tutte le apparecchiature munite di sintonizzatore per la ricezione del segnale (terrestre o satellitare) di radiodiffusione dall’antenna radiotelevisiva.

Pertanto i computer, anche collegati in rete (digital signage o simili), se consentono l’ascolto e/o la visione dei programmi radiotelevisivi via Internet e non attraverso la ricezione del segnale terrestre o satellitare, non sono assoggettabili a canone.

 

Al contrario, un apparecchio originariamente munito di sintonizzatore -come tipicamente un televisore- rimane soggetto a canone anche se successivamente privato del sintonizzatore stesso (ad esempio perché lo si intende utilizzare solo per la visione di DVD).

 

Ecco qui di seguito la tabella elaborata dal Ministero ove si indicano, a puro titolo di esempio, gli apparecchi “atti ed adattabili” soggetti al pagamento del canone TV e gli apparecchi che non lo sono in quanto né atti né adattabili alla ricezione del segnale radiotelevisivo.

 

Apparecchiature atte alla ricezione della radiodiffusione

Rientrano tre le “apparecchiature atte alla ricezione della radiodiffusione” i seguenti apparecchi:

 

  • ricevitori TV fissi
  • ricevitori TV portatili
  • ricevitori TV per mezzi mobili
  • ricevitori radio fissi

 

Solo in locali aperti al pubblico o comunque fuori dell’ambito familiare, o che li impiegano a scopo di lucro diretto o indiretto:

 

  • ricevitori radio portatili solo
  • ricevitori radio per mezzi mobili
  • riproduttore multimediale, dotato di ricevitore radio/TV (per esempio lettore MP3 con radio FM integrata)
  • terminale d’utente per telefonia mobile dotato di ricevitore radio/TV (per esempio cellulare DVB-H)

 

Apparecchiature adattabili alla ricezione della radiodiffusione

Rientrano tre le “apparecchiature adattabili alla ricezione della radiodiffusione” i seguenti apparecchi:

 

  • videoregistratore dotato di sintonizzatore TV
  • chiavetta USB dotata di sintonizzatore radio/TV
  • scheda per computer dotata di sintonizzatore radio/TV
  • decoder per la TV digitale terreste
  • ricevitore radio/TV satellitare
  • riproduttore multimediale dotato di ricevitore radio/TV senza trasduttori (per esempio, Media Center dotato di sintonizzatore radio/TV)

 

Ribadiamo, anche in questo caso, che per i canoni ordinari in ambito familiare la detenzione esclusiva di apparecchi radio non comporta il pagamento del canone.

 

Apparecchiature né atte né adattabili alla ricezione della Radiodiffusione

In tutti i seguenti casi il canone Rai non va pagato, sia per le utenze casalinghe che per gli esercizi commerciali o locali aperti al pubblico

 

  • pc senza sintonizzatore TV
  • monitor per computer
  • casse acustiche
  • videocitofoni.

[1] RD n. 246/1938.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
 
 
Commenti
5 Apr 2016 Ergonomico

Bella lì (bel suggerimento vi ho dato eh!? 😉 ), ma io continuo a dubitare. Con l’autocertificazione uno dichiara di non possedere “neanche” la radio, e pertanto è la dichiarazione ad essere falsa, nonostante il canone per la radio non sia dovuto.
Potranno mai venirmi a contestare il fatto che ho dichiarato il falso nonostante, nella sostanza, non abbia evaso alcunché?

 
5 Apr 2016 Marco Doti

Mi rimane un dubbio che esula dalla questione del pagamento del canone: dato che nel modello la nota 2 rimanda esplicitamente alla nota del Ministero dello Sviluppo Economico del 22/02/2012 (in cui le radio sono indicate come apparecchi atti alla ricezione delle radioaudizioni), il contribuente che lo compili e lo invii, perché si trovi in esclusivo possesso di apparecchi radiofonici, non incorrerebbe comunque nel reato di dichiarazione mendace?

 
5 Apr 2016 Domenico Cortarello

Ho pagato il canone TV a febbraio 2016, avendo ricevuto un bollettino per farlo. Cosa devo fare se ricevo di pagare con la bolletta della utenza elettrica ?